Lega sospende due deputati: "Murelli e Dara con i 600 euro"

I parlamentari sospesi sono Elena Murelli e Andrea Dara. Il 14 agosto in commissione Lavoro della Camera avverrà l'audizione del presidente dell'Inps, Pasquale Tridico

Le voci circolate nelle scorse ore sono state confermate. Sono due i deputati della Lega che hanno incassato il bonus da 600 euro messo a disposizione per i titolari di partite Iva nell’ambito delle misure per contrastare la crisi economica provocata dal coronavirus. Si tratta di Elena Murelli e Andrea Dara. La Lega, una volta resa pubblica la notizia, ha deciso di sospendere i parlamentari."Dopo aver ascoltato e verificato le rispettive posizioni, si conferma il provvedimento della sospensione per i deputati Elena Murelli e Andrea Dara". Lo rende noto il capogruppo della Lega alla Camera Riccardo Molinari. "Pur non avendo violato alcuna legge – ha affermato ancora Molinari - è inopportuno che parlamentari abbiano aderito a tale misura e per questa ragione abbiamo deciso e condiviso con i diretti interessati il provvedimento della sospensione". Il capogruppo leghista alla Camera allo steso tempo ha lanciato un affondo contro l’istituto previdenziale: "È comunque incredibile che i vertici dell'Inps non abbiamo versato ai lavoratori che aspettano da marzo quanto dovuto e che abbiano invece versato a chi non era in difficoltà. In qualsiasi altro Paese i parlamentari sarebbero stati sospesi ma il presidente dell'Inps sarebbe stato licenziato".

Nel frattempo continua il dibattito parlamentare: la sede in cui verrà affrontato il caso del bonus richiesto dai deputati sarà il Parlamento quando il prossimo 14 agosto, in commissione Lavoro della Camera, avverrà l'audizione in videoconferenza del presidente dell'Inps, Pasquale Tridico. In quella sede i deputati potranno interpellare Tridico ponendogli domande sull'erogazione dei bonus. A meno di clamorose novità, potrebbe essere possibile conoscere anche i nomi degli altri parlamentari beneficiari dei 600 euro.

A confermarlo è il presidente della Camera, Roberto Fico, che ha spiegato che i deputati potranno porre "tutte le domande necessarie per fare definitivamente chiarezza su quanto accaduto". "L'ho ripetuto in questi giorni: i parlamentari che avrebbero chiesto e ottenuto il contributo destinato a professionisti e lavoratori in difficoltà – ha ribadito Fico- dovrebbero scusarsi e restituire quanto percepito. È una questione di opportunità, dignità e rispetto, nonché di consapevolezza del ruolo che si ricopre".

Mentre la Lega ha subito agito per "punire" i deputati che hanno richiesto il bonus, come ha appreso l'Adnkronos da fonti parlamentari sarebbero una quarantina gli esponenti del M5s che non hanno ancora firmato l'autorizzazione per consentire l'accesso ai dati Inps, una operazione di trasparenza proposta proprio dai vertici pentastellati.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Capricorno29

Gio, 13/08/2020 - 10:02

La serietà e il rigore prima di tutto chi sbaglia paga giusto mandarli fuori dal partito io gli farei restituire anche l'indennità da parlamentare e gli lascerei il bonus di 600 euro

delenda_carthago

Gio, 13/08/2020 - 11:50

ma gli hanno sospeso lo stipendio quindi ?

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 13/08/2020 - 12:08

Ben fatto! La storia dei 600 euro regalati in giro è stata tanto scoraggiante quanto allucinante.

GuglielmoCrollalanza

Gio, 13/08/2020 - 14:20

No ma l'avete sentita in Parlamento la Murelli? Toglierei il diritto di voto a chi l'ha eletta e sospenderei il partito che l'ha candidata. Pulizie di fine stagione

GuglielmoCrollalanza

Gio, 13/08/2020 - 14:26

Ma l'avete sentita quella in parlamento? E le giustificazioni di quell'altro? Questi sono i nostri politici: approfittatori opportunisti servi del potere rivestiti di squallido perbenismo. Ricordatevene quando vi chiedono il voto.