Legge ad personam: revocata la condanna al suocero di Conte

Una norma depenalizza il reato di peculato E la fedina penale di Paladino torna pulita

Come volevasi dimostrare. A dispetto dei giornaloni e dei pm, convinti del contrario, il suocero di Giuseppe Conte, condannato a un anno e due mesi di reclusione, è stato salvato da una norma arrivata - secondo una fonte - direttamente da Palazzo Chigi. Quella che depenalizza un reato di peculato - l'evasione fiscale di due milioni di euro di tassa di soggiorno al Comune di Roma, tra il 2014 e il 2018, trattenuti indebitamente - per una condanna precedente alla legge.

Va detto che Cesare Paladino, proprietario dell'Hotel Plaza di Roma, ha già restituito i due milioni di euro non versati nei quattro anni precedenti (assieme a un risarcimento danni) pur di accedere al patteggiamento, alla fine del quale è stato condannato a 14 mesi di carcere. Ma intanto, grazie al genero, la sua fedina penale è pulita, nonostante la Procura di Roma, per bocca del pm Paolo Ielo, avesse teorizzato che la norma non dovesse essere applicata perché «non può dirsi integrativa della norma penale, non avendo inciso sulla norma incriminatrice», perché cioè depenalizza la condotta ma non il reato.

E invece no. L'altro giorno il gup Bruno Azzolini ha accolto la richiesta presentata lo scorso 29 luglio dall'avvocato Stefano Bortone, dando uno schiaffo alla Procura capitolina. Secondo il giudice infatti l'articolo 180 del dl Rilancio, approvato dal Parlamento con i voti di Pd e M5s, ha stabilito che il gestore che non ha versato un'imposta meriti solo una sanzione amministrativa. E che la decisione debba applicarsi a tutti, anche in modo retroattivo, perché - dice il gup - il legislatore «non può dubitarsi che abbia compiuto una valutazione politica, privando di rilevanza penale la fattispecie», vista anche la pandemia e la crisi del settore, come scrive il Corriere della Sera. Peccato che le colpe di Paladino siano datate 2014-2018, ma tant'è.

Ora, come sottolinea il deputato renziano Michele Anzaldi, «se lo avesse fatto qualunque altro presidente del Consiglio, cosa sarebbe successo?». E ancora: «Chissà che ne pensano Grillo, M5s, Anac, Antitrust. Chissà che ne pensa il direttore dell'Agenzia delle Entrate Ruffini, che oggi spiega come i 90 miliardi di euro di evasione fiscale annua siano la vera piaga che impedisce all'Italia di avere servizi efficienti e tasse più basse».

E chissà che cosa ne pensa Olivia Paladino, fidanzata del premier. Chiedetelo alle Iene, che per avere un parere della signora Paladino sulla vicenda si sono trovati di fronte la scorta del presidente del Consiglio, chiamata - così dicono - dal proprietario di un supermercato dove la donna si era rifugiata per sfuggire all'inviato Filippo Roma. «Ora i telegiornali e le trasmissioni Rai faranno il loro dovere giornalistico approfondendo questa vicenda e facendo loro le domande che alle Iene sono state impedite?», si chiede ancora Anzaldi. Lecito dubitarne. Certo, sulla mancata intervista e sul «soccorso rosso» della scorta c'è un'inchiesta della magistratura, alimentata nelle prossime ore anche da un secondo esposto firmato da alcuni esponenti di Fratelli d'Italia, in arrivo nelle prossime ore.

Scoprire la verità su come è andata veramente la storiaccia della scorta è semplice. Basterebbe acquisire i filmati originali raccolti dalle Iene e mai andati in onda e incrociarli con le dichiarazioni degli interessati. È vero che come dice Conte, la scorta era sotto casa della Paladino perché anche il premier era lì e non è vero che a chiamarla è stata la Paladino? È vero che solo un uomo della scorta è intervenuto o erano tutti e tre? E se fosse così, chi tutelava l'incolumità del presidente del Consiglio? Ed è proprio vero che Conte fosse all'oscuro di tutto, come ha recentemente ribadito in diretta tv? Ah, se solo i pm decidessero di acquisire quelle immagini...

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

xgerico

Ven, 11/12/2020 - 17:52

Prima di commentare pregasi leggere l'articolo. Grazie!

lavitaebreve

Ven, 11/12/2020 - 17:55

CHISSÀ COSA NE PENSA TRAVAGLIO, GRUBER, SCANZI...

Ritratto di nestore55

nestore55

Ven, 11/12/2020 - 18:00

Ci si conserva onesti il tempo necessario che basta per poter accusare gli avversari e prendergli il posto.E.A.

maxfan74

Ven, 11/12/2020 - 18:12

Si ascolta un Governo eletto dal popolo, i surrogati o gli artificiali non verranno presi in considerazione. L'Italia deve ripartire grazie agli italiani e non grazie ai politici, che tutto fanno tranne il bene del paese.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 11/12/2020 - 18:14

Se quanto leggo è vero, e io ci credo, significa che questo “paese”, che già sta perdendo punti da tutte le parti, è avviato al fallimento totale, non solo per la diminuzione dei bambini nati, ma anche per un’iniqua gestione della giustizia in base ad potere politico esercitato fuori misura.

maurizio-macold

Ven, 11/12/2020 - 18:19

Non sapete veramente dove cercare scandali. Guardate a casa vostra.

ItaliaSvegliati

Ven, 11/12/2020 - 18:19

ONESTÀ ONESTÀ ONESTÀ.....

57abruzzi

Ven, 11/12/2020 - 18:22

Noooo, non ci credo, Il Giornale che si lamenta di leggi ad personam!!!! E’ una candid camera?

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Ven, 11/12/2020 - 18:32

xgerico, letto ma cambia di niente sui commenti. E dire che i cinque stalle, e pure il PD, ci hanno martellato per decenni sulle presunte leggi ad personam di Berlusconi che ha pagato anche retroattivamente. Sul suocero di giuseppi la retroattività non vale. Questo, pare di capire, il fatto.

antonmessina

Ven, 11/12/2020 - 18:34

ma se al posto di contetacchia ci fosse stato uno di destra?

Giorgio5819

Ven, 11/12/2020 - 18:40

Personaggio ormai nauseante.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 11/12/2020 - 18:45

Se quanto leggo è vero, e io ci credo, significa che questo “paese”, che già sta perdendo punti da tutte le parti, è avviato al fallimento totale, non solo per la diminuzione dei bambini nati, ma anche per un’iniqua gestione della giustizia in base ad potere politico esercitato fuori misura

Ilsabbatico

Ven, 11/12/2020 - 18:57

"vista la pandemia e la crisi del settore??" ...ditelo ai proprietari di case affittate a inquilini che non pagano l'affitto o anche a proprietari di seconde case che non possono essere raggiunte per i vari dcpm.....almeno possono non pagare l'Imu.....ovviamente anticipo che è provocatorio.

xgerico

Ven, 11/12/2020 - 18:57

@Jiusmel-Ven, 11/12/2020 - 18:32- hai letto male, ha pagato anche gli interessi, si e preso la condanna che comunque galera non ne avrebbe fatto (evasione con frode fiscale cè una bella differenza)!

Scirocco

Ven, 11/12/2020 - 19:01

"Bello essere Re !" diceva Mel Brooks nel bellissimo film "La storia più pazza del mondo"

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Ven, 11/12/2020 - 19:10

Che bravo, "L'avvocato del Popolo"...

Happy1937

Ven, 11/12/2020 - 19:17

In un Paese Civile uno che fa uso dei poteri che si arroga per ridare la fedina penale pulita a persona a lui prossima, già condannata per peculato da un regolare Tribunale, avrebbe dovuto dimettersi. Molti Ministri agli USA si sono dimessi per condotte molto meno criticabili. Chi avesse avuto a cuore il decoro del Paese avrebbe dovuto imporgliele.

glasnost

Ven, 11/12/2020 - 19:56

Questo paese con questa giustizia va ribaltato subito e penso sia impossibile in modo democratico. La cultura di sinistra si è ormai metastatizzata in tutte le strutture dello stato.

ohibò44

Sab, 12/12/2020 - 11:25

Chi ha studiato diritto sa che una norma ha effetto retroattivo se favorevole al condannato (condanna superiore a quello che oggi si ritiene giusto) mentre non ha effetto retroattivo se sfavorevole all’imputato (se quando ha compiuto un’azione non era reato non si può incolparlo) Oggi i magistrati forcaioli interpretano a modo loro ma non è accettabile. Penso sia giusta la depenalizzazione