Coronavirus

Macron ai 65enni: "Terza dose o niente pass". Singapore non cura più chi è senza protezione

L'Oms: "Ci aspetta un duro inverno". Londra, obbligo di siero per i medici

Macron ai 65enni: "Terza dose o niente pass". Singapore non cura più chi è senza protezione

Il Covid torna a spaventare l'Europa e i governi corrono ai ripari. In Francia gli over 65 per mantenere il pass dovranno sottoporsi alla terza dose a partire dal 15 dicembre.

Ieri l'annuncio del presidente francese Emmanuel Macron, che ha anche confermato la proroga dell'obbligo di mascherina a scuola oltre all'imposizione del booster per i più anziani per continuare a mantenere libertà di movimento. Da dicembre poi sarà lanciata una campagna di richiamo per le terze dosi di vaccino per i francesi di età compresa fra 50 e 64 anni.

«L'aumento del 40% del tasso di infezioni in una settimana e i ricoveri ci hanno messo in allarme -ha detto il presidente francese- Sappiamo che dovremo vivere con il virus e con la variante finché tutta la popolazione mondiale verrà immunizzata».

Decisioni prese alla luce dei dati rilanciati dal Centro Europeo per la Prevenzione ed il Controllo delle Infezioni, Ecdc: un tasso di incidenza pari a 306,2 per 100.000 abitanti, quindi 6 volte più alto della media italiana. L'Ecdc classifica i dati di nove paesi (Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria, Lettonia, Paesi Bassi e Slovenia) come «estremamente preoccupanti» e per altri 12 (Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Islanda, Irlanda, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Polonia, Romania e Slovacchia) parla di «forte preoccupazione» mentre la situazione di Finlandia, Francia, Liechtenstein, Portogallo e Svezia è definita «moderatamente preoccupante».

L'Europa «è l'epicentro della pandemia ci aspetta un duro inverno», avverte il direttore dell' Oms europeo, Hans Kluge,

Anche nel Regno Unito dove i contagi continuano a galoppare è stato deciso che almeno per gli operatori sanitari deve essere introdotto l'obbligo vaccinale, una decisione che non ha precedenti nel paese. Sajid Javid, il ministro della Salute, ha spiegato che si prevede il vincolo per chi lavora negli ospedali o nell' assistenza agli anziani: entro aprile 2022 si dovrà sottoporre alla profilassi altrimenti verrà sospeso o trasferito. Sarebbero circa 80.000 i dipendenti del servizio sanitario ancora non vaccinati.

In Danimarca appena due mesi dopo l'alleggerimento delle restrizioni il governo ha deciso di reintrodurre il pass sanitario obbligatorio per frequentare bar, ristoranti e locali notturni.

Misure drastiche anche a Singapore: le persone che non sono vaccinate per scelta e si ammalano di Covid dovranno pagare di tasca loro le spese mediche a partire dall'8 dicembre prossimo. La percentuale dei vaccinati nella Città-Stato asiatica non è bassa: l'85% degli abitanti è completamente vaccinato ma evidentemente non basta ad evitare costosi ricoveri. E dunque il governo ha annunciato che non coprirà più totalmente le spese mediche delle persone non vaccinate che poi rappresentano la maggioranza degli ospedalizzati anche a Singapore.

Commenti