Salvini: "La Meloni all'opposizione? Mi preoccupa zero"

Matteo Salvini, nella puntata del 22 febbraio di Cartabianca, ha detto la sua sul nuovo esecutivo

Salvini: "La Meloni all'opposizione? Mi preoccupa zero"

Ospite di Bianca Berlinguer a Cartabianca, Matteo Salvini ha detto la sua sul nuovo governo di Mario Draghi. Fra una domanda e l'altra, la conduttrice gli ha chiesto, dato il costante aumento dei consensi nei sondaggi da parte di Fratelli d'Italia, quanto in questo momento, temesse il partito della Meloni. "Quanto mi preoccupa la Meloni all’opposizione? Zero - ha spiegato il leader della Lega. - È evidente che le idee della Lega siano diverse da quelle del Pd, ma in questo particolare momento di emergenza in cui servono risposte forti e rapide su salute e lavoro ho pensato al bene dell’Italia, che deve venire prima dei calcoli di partito. Non mi permetto di dare consigli a Giorgia, preferisco rimboccarmi le maniche in questo momento".

È chiaro, le decisioni dei due partiti sono agli antipodi. Nonostante le parole del leader della Lega e qualche cambio di casacca in parlamento (dal Carroccio a Fratelli d'Italia), sembra comunque che la coalizione sia ben lontana dal potersi dividere o spaccare anche perchè lo stesso Fdi ha più volte ribadito il suo appoggio esterno al governo qualora vengano fatte delle proposte "per il bene dell'Italia". Ad ogni modo, le scelte dei due partiti sembrano premiare, in termini elettorali, entrambi; secondo i sondaggi, infatti, il centrodestra unito vale quasi il 50% con la Lega saldamente primo partito e Fdi che, dopo qualche mese di stallo, torna a crescere, staccato solo per 3 punti percentuale dal Pd, attualmente seconda forza nazionale.

Sempre durante la puntata sono stati ancora più chiari i giudizi sfavorevoli anche nei confronti del commissario Domenico Arcuri: "Chiunque ha accumulato questi insuccessi verrebbe messo da parte. Vogliamo portare un po’ di merito in Italia? Se uno fallisce deve cambiare mestiere"- chiedendosi, inoltre- "Laddove la situazione sia sotto controllo, se il virus non crea pericoli nei ristoranti a mezzogiorno, perché dovrebbe provocarli alle 20?".