Minacciare e insultare i giornalisti: il vecchio vizio di un comico in crisi

Sul suo blog liste di proscrizione dei cronisti critici al M5S

È una storia vecchia. La miccia dell'odio di Grillo nei confronti dei giornalisti affonda negli anni. La deflagrazione di due giorni fa, con l'aggressione al giornalista del programma di Paolo Del Debbio, è solo l'ultimo episodio di una guerra mai cessata. Anzi potremmo dire che, nella costellazione dei grillini, l'odio per i cronisti è la sesta stella. Il comico inizia ad attaccare il mondo dell'informazione ancor prima di fondare il suo movimento. Nel luglio del 2008, dal suo storico blog, lancia un'iniziativa delicatissima: «Sputtaniamoli». Il comico suggerisce ai suoi seguaci di inviargli articoli e nomi dei giornalisti incriminati (cioè quelli che osano muovergli una critica) affinché lui possa metterli alla gogna sul web. Siamo solo agli esordi, con il passare del tempo la tecnica si affina e diventa quotidiana con la rubrica «Il giornalista del giorno». Così l'ex comico ha modo di cucinarsi chiunque osi sollevare anche il minimo dubbio. Durante i vari V Day dal palco attacca costantemente i giornalisti e minaccia - una volta giunto al potere - di togliere tutti i fondi statali per l'editoria. L'idea fissa è solo una: far fuori giornali e televisioni. E poi un torrente continuo di insulti: «pennivendoli», «carogne», «servi degli editori». Arriva a proporre persino il confinamento fisico dei cronisti: «Non possono infestare Camera e Senato, vanno disciplinati in appositi spazi esterni». E infatti, coerente con se stesso, al grande raduno dei 5 Stelle del 2017 a Rimini, fa posizionare la sala stampa accanto ai servizi igienici. Durante una diretta web umilia un giornalista di Italpress con una spacconata da comico arricchito: «Quella voce li' la conosco, è di un povero ragazzo frustrato che deve dire che ha sentito una cosa che non ha sentito per 10 euro a pezzo». L'Ordine dei Giornalisti giustamente s'indigna, ma sono talmente tanti gli attacchi che dopo un po' smette pure l'Ordine di indignarsi.

La frase più celebre rivolta ai cronisti è del 2017: «Ma non vi vergognate? Vi mangerei, solo per il gusto di vomitarvi». Una roba da dittatore sudamericano. Pochi giorni dopo, per le strade di Roma, dispensa loro finte banconote da mille euro: «Ora scrivete quello che dico io». Nella sua logica, assolutamente totalitaria, i giornali e le tv sono dei nemici da silenziare, perché esiste una sola gazzetta ufficiale, una bocca della verità dalla quale tutti devono abbeverarsi possibilmente senza fare troppe domande: il suo blog. Dopo dieci anni di insulti e minacce - terminati i fasti di un Movimento 5 Stelle in perenne ascesa ed esaurita la sua influenza sui grillini -, ha deciso di passare direttamente dalle parole ai fatti: buttando giù dalle scale un inviato di Mediaset. Non è solo una aggressione vigliacca, è la rappresentazione plastica di un leader frustrato (proprio come il freelance di cui sopra) arrivato al capolinea politico. Una triste parabola che, al netto di insulti e spintoni, i giornalisti seguiteranno a raccontare.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 09/09/2020 - 13:01

Una storia di cui conoscevo molto poco, limitata alla tragica vicenda di un mortale incidente automobilistico. Le sue storie recenti in gran parte mi sono ignote, mentre conosco solo quella recente di “politica attiva”. Leggo del suo comportamento offensivo con i giornalisti, di cui nulla sapevo, ma che non mi meraviglia. Grande l’invenzione del “reddito di cittadinanza”, che ha fatto di M5S il primo partito d’Italia, ma non è affatto credibile una sua ripetizione: gli Italiani NON sono tutti fessi!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 09/09/2020 - 15:42

Chiedere è lecito, rispondere è cortesia.

gedeone@libero.it

Gio, 10/09/2020 - 17:39

Voi giornalisti chiedete a Grillo perché a dicembre 2019 uscì indossando la mascherima da un convegno cui partecipava anche l'ambasciatore cinese in Italia. Al che una cronista della Rai gli chiese stupita il motivo per cui indossasse "una maschera". La risposta fu quella di un comico da baraccone quale è:"""per difendermi dal virus di voi giornalisti". Invece penso che il guitto avesse saputo dai cinesi della circolazione del virus e si premunì ma non disse niente agli Italiani. Cosa c'è dietro? Non è tradimento questo? iNDAGATE!!!