È morto Alfredo Biondi, "l'ultimo dei grandi liberali"

Si è spento all’età di 91 anni Alfredo Biondi, storico leader del Partito Liberale e poi uomo di punta di Forza Italia.

Se ne è andato all’età di 91 anni Alfredo Biondi, storico leader del Partito Liberale Italiano e poi tra gli esponenti di spicco di Forza Italia. Biondi, che avrebbe compiuto novantadue anni tra una manciata di giorni – era nato il 29 giugno del 1928, a Pisa– è stato vicepresidente della Camera dei Deputati e ministro della Giustizia nel primo governo Berlusconi (1994-1995).

A darne il triste annuncio il parlamentare azzurro Roberto Cassinelli, con un post pubblicato sulla propria bacheca Facebook: "Il vecchio leone ci ha lasciati. Dopo 92 anni spesi al servizio del Paese, dell'idea liberale e della sua famiglia, questa notte è scomparso Alfredo Biondi".

Il deputato di FI, nel suo ricordo, aggiunge: "Se ne va l'ultimo dei grandi liberali, il baluardo di una generazione che cambiò l'Italia strappandola alla dittatura e portandola sulla via della democrazia e del progresso sociale ed economico".

La carriere politica

Nel PLI dal 1968 al 1994, Biondi è stato parlamentare dal 1968 al 1972 e poi dal 1974 al 1994. Quindi il passaggio nell’Unione di Centro dopo la dissoluzione della Democrazia Cristiana, per poi approdare nel 1998 in Forza Italia di Silvio Berlusconi. È stato tre volte ministro: per le politiche comunitarie (1982-1983), per l’ecologia (1983-1985) e ministro di grazia e giustizia (1994-1995). Come detto, è stato presidente dell’Aula di Montecitorio, dal 1996 al 2001.

Il ricordo di Cassinelli

Il deputato di FI Cassinelli, ex senatore, ha voluto ricordare con dolore e trasporto il collega e amico scomparso: "Il dolore è grande, ma non quanto il contributo di idee e di azione che Alfredo ci lascia. Perdo un amico fraterno, un maestro, una guida. Con lui ho condiviso decenni di battaglie, iniziative, campagne elettorali. Gioie e dolori, successi e amarezze, vittorie e sconfitte. Senza mai venir meno ai valori dell'onestà intellettuale, della lealtà e della correttezza. Mi aveva visto nascere. Io, bambino, lo vedevo riunirsi per ore e ore con mio padre ed il gruppo di dirigenti liberali. Ammiravo, ascoltavo ed imparavo. Fino all'ultimo, nonostante l'età e la stazza, per lui sono stato "Robertino". Mi mancherà sentire la sua voce calda e roca, così orgogliosamente toscana, chiamarmi in quel modo. Riposa in pace, grande Alfredo. Che la terra ti sia lieve".

Il cordoglio di Silvio Berlusconi

Arriva anche il commosso messaggio di addio di Silvio Berlusconi, che ha affidato ai social il pensiero all'amico scomparso: "Oggi piango la scomparsa del grande amico, prima che del politico Alfredo Biondi". Il Cavaliere, dunque, ha aggiunto: "Un autentico liberale, che dopo un brillante percorso ai vertici del Partito Liberale, ha aderito sin dalla sua nascita a Forza Italia, condividendone lo spirito e portandovi il suo bagaglio di idee, valori e l’autorevolezza che lo ha sempre contraddistinto. L’ho voluto alla guida del ministero della Giustizia dove svolse coraggiose battaglie di matrice garantista; negli anni non ho mai smesso di confrontarmi con lui sui temi di attualità e in particolare sulle anomalie del sistema giudiziario italiano. Alla luce delle recenti notizie di cronaca, le sue idee in fatto di diritti e di giustizia appaiono ancora attualissime". Infine, l'ex premier scrive: "Mancherà molto a me e a tutta la comunità di Forza Italia che lui stesso ha contribuito a far nascere. Ciao Alfredo".

La nota di Forza Italia

"La morte di Alfredo Biondi lascia un vuoto in tutti coloro che credono nei valori liberali. Un esempio unico di attaccamento ai valori della civiltà giuridica. Il suo insegnamento resta un’eredità preziosa, specie in questi tempi di giustizialismo senza controllo", il messaggio scritto su Twitter da Anna Maria Bernini, capogruppo azzurra a Palazzo Madama.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mer, 24/06/2020 - 10:28

R.I.P.

Ritratto di pipporm

pipporm

Mer, 24/06/2020 - 10:31

Una delle poche persone serie in FI

rudyger

Mer, 24/06/2020 - 10:31

R.I.P.

Popi46

Mer, 24/06/2020 - 10:38

Pace all’anima sua e mi spiace che non sia riuscito a fare dell’Italia un paese liberale.... è passata dalla dittatura fascista al cattocomunismo DC-PCI, ritrovandosi oggi in un sistema di fatto anarchico, che non sa offrire di meglio se non una zuffa quotidiana di tutti contro tutti e non si tratta di una battaglia tra Titani, ma piuttosto di una Batracomiomachia

gianf54

Mer, 24/06/2020 - 10:54

Uno degli ultimi VERI POLITICI di questa italietta che ormai affonda inesorabilmente......

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 24/06/2020 - 11:01

Una brava persona. Ma il liberale paradigmatico italiano rimane Malagodi. Finito Malagodi, la deriva e la degenerazione del Partito Liberale Italiano fu inarrestabile.

xgerico

Mer, 24/06/2020 - 11:02

Popi46-Mer, 24/06/2020 - 10:38 le ricordo un Governo di centro destra a guida Berlusconi con il 38% di votanti nel suo partito con maggioranza Bulgara, che poteva stravolgere la guida dell'Italia ed oggi ci ritroviamo a carissimo amico! Ricorda?

steacanessa

Mer, 24/06/2020 - 11:13

Lo avrei voluto sindaco di Genova, ma lui ormai avanti negli anni non si candidò. Grande liberale, grande uomo.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 24/06/2020 - 11:26

Aveva 91 anni e purtroppo se ne è andato, lui che fu uno dei migliori. Pace a l’anima sua.

maurizio50

Mer, 24/06/2020 - 11:27

Persona correttissima e politico di ottimo livello. Un tempo così ce ne erano diversi, nei vari partiti. Poi, sempre meno. Per non parlare di chi è in politica oggi. E non faccio nomi, per carità di Patria!!!!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 24/06/2020 - 11:34

Ciao Alfredo, uno dei migliori liberali che abbiamo avuto.Pur non condividendo il tuo ultimo scorcio politico, la militanza in FI, hai avuto il mio rispetto e la mia stima.Sempre in pochi ma sempre con le nostre idee.Un abbraccio.

traianus2

Mer, 24/06/2020 - 11:44

Un grande politico. I mediocri politicanti di oggi non hanno imparato niente da questi gran di personaggi politici del passato. Ricordo con nostalgia le trasmissioni politiche di una volta, ne i confronti delle quali quelle di oggi (Di Martedi, Otto e mezzo, Carta bianca, ecc. ecc.) oggi sembrano trasmissioni di scherzi a parte.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 24/06/2020 - 11:44

@Popi46, la colpa è anche di noi liberali che non siamo riusciti a fare del partito di berlusconi un vero partito liberale e che abbiamo implicitamente o espressamente avvallato il populismo che per primo il cavaliere ha portato nella politica italiana.Purtroppo alcuni amici liberali, e Biondi era tra questi, ha il demerito di non esserci riuscito insieme ad altri come Martino.Avranno sempre il mio rispetto in quanto liberali autentici seppur su strade diverse.

bernardo47

Mer, 24/06/2020 - 11:52

R.i.p.

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Mer, 24/06/2020 - 12:17

Ai familiari le più sentite condoglianze. Alfredo Biondi è uno dei pilastri ideologici di una generazione che cambiò l'Italia guidandola sulla via della democrazia. Che vergogna. Chiamarono il decreto legge che prese il suo nome... decreto salvaladri.

Paolo17

Mer, 24/06/2020 - 13:03

Proprio così: "l'ultimo grande liberale". Quei liberali, pochi, che in Italia e, soprattutto, in Forza Italia non hanno mai avuto veri spazi. Una Forza Italia che proprio agli albori mise nell'angolo i Biondi e i Martino per dare spazio alla cordata socialista orfana di Craxi. Ed infatti, questo partito quasi in estinzione, e pieno solo più di nostalgici, oltre a farci perdere 25 anni proclamandosi quel partito liberale che non è mai stato, ha pure lasciato tutto lo spazio alla Destra inguardabile, razzista e statalista. Alla quale fa pure da stampella. Addio Alfredo. Battaglie fatte per il nulla. Peccato

Happy1937

Mer, 24/06/2020 - 13:07

Un vero politico, di quelli di cui si e’ ormai perso lo stampo.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 24/06/2020 - 13:26

@Paolo17, le cose che lei ha scritto sono le stesse che da tantissimi anni scrivo anche io qui e per le quali ho ricevuto solo insulti.Fa immensamente piacere di tanto in tanto riscontrare che seppur minoranza, seppur poco chiassosi, ci siamo.Purtroppo fa meno piacere riscontrare a distanza di anni, che avevamo ragione.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Mer, 24/06/2020 - 14:13

Ho avuto la fortuna di conoscerlo e di parlarci varie volte: un vero liberale, un gentiluomo di altri tempi, uno statista che difendeva lo Stato di Diritto in un agone politico dove la violenza ideologica dei forcaioli e l'ipocrisia dei moralisti dettavano l'agenda dei lavori. Grazie Alfredo per quanto hai detto e fatto! Riposa in pace.

Ritratto di roberto-sixty-four

roberto-sixty-four

Mer, 24/06/2020 - 14:30

Mai piaciuto, pur essendo più o meno della sua parte politica, in ogni caso RIP ci mancherebbe. E non lo avrei mai voluto come sindaco di Genova. Condoglianze

Popi46

Mer, 24/06/2020 - 14:59

@Agrippina,11.44: di certo è vero, ma è altrettanto vero che issare una bandiera liberale in un paese solito ad essere sottomesso da secoli da barbari,da Imperatori e Papa Re, Feudatari, Tengo famiglia vari, è quasi impossibile predicare la libertà delle proprie idee, che,ricordiamolo, si associa sempre alla responsabilità delle proprie scelte.... Ha mai visto, che dico, il più modesto sindaco di nuova nomina non indicare i suoi predecessori come responsabili dello sfacelo trovato? È sempre colpa di qualcun altro

Ritratto di max2006

max2006

Mer, 24/06/2020 - 16:03

Da elettore di Forza Italia dal 1994 al 2011, posso dire solo questo: rimpiango come non mai un signore, nei modi e nei metodi, nelle idee politiche e nell'intelligenza come Alfredo Biondi. Con lui scompare il liberale tutto di un pezzo e signorile che accompagnava tutto il paese in una tradizione liberale prefascista. Biondi, come Martino e prima di loro Malagodi e prima ancora Einaudi è stato uno dei Servitori di uno Stato che non c'è più. Grazie Alfredo. Di tutto.

ghorio

Mer, 24/06/2020 - 18:30

Un bravo politico di scuola liberale della migliore stagione politica italiana. Gli sia lieve la terra.