"I 5S pensano solo alle poltrone...". E la Trenta vuole un suo partito

L'ex ministro della Difesa accusa il M5S: "È diventato la negazione di tutto quello che aveva detto, sta prendendo in giro gli elettori". E si prepara a dare vita a un nuovo partito

"I 5S pensano solo alle poltrone...". E la Trenta vuole un suo partito

Togliersi qualche sassolino dalle scarpe, fondare un nuovo soggetto politico e magari provare a mettere il bastone tra le ruote a chi ha impedito il tanto paventato cambiamento. Così Elisabetta Trenta è determinata nel lanciare il suo nuovo partito, dopo l'esperienza negativa con il Movimento 5 Stelle da cui ha preferito uscire in seguito all'eccessivo rinnovamento che di fatto ha snaturato la realtà grillina. Ma la passione e la dedizione non sono finite, visto che l'ex ministro della Difesa si prepara a scendere in campo con una nuova creatura politica.

Le accuse al M5S

La Trenta, in un'intervista rilasciata a Il Riformista, ha lanciato duri moniti all'indirizzo del M5S: ha denunciato che ormai nel gruppo pentastellato "si sentiva parlare solo di posti e di poltrone". Ma non solo: le accuse riguardano anche tutte quelle piroette dei 5 Stelle, che con il passare degli anni e dei governi hanno finito per disattendere molte delle promesse fatte agli elettori in campagna elettorale. "Arrivati al governo sono diventati la negazione di tutto quello che avevano detto", sostiene l'ex ministro.

Il partito della Trenta

Ma perché fondare un nuovo partito piuttosto che provare a fare una battaglia interna per cercare di risollevare le sorti del Movimento? La Trenta ha spiegato che non sarebbe fattibile con il nuovo corso targato Giuseppe Conte: "Bisogna uscirne e provare a costruire un soggetto politico che si richiami ai principi di base del Movimento, senza la stessa deriva". Anche perché va compreso il lato umano e i precedenti personali: "Ho partecipato agli Stati generali, fatto le mie proposte, mi ero candidata per il direttorio. Ma arrivò Grillo a dire di no, che lui si fidava di Conte. Alla faccia del processo dal basso, stanno prendendo in giro loro stessi e gli elettori".

Non va inoltre dimenticato che dalla diaspora del M5S sono già nati diversi partiti e quello della Trenta è l'ennesimo. Proprio pochi giorni fa è stato presentato il nuovo progetto di "NoI", acronimo di "Nuovi orizzonti per l'Italia". Un Qr code nel simbolo, che ha i colori del Tricolore, per indicare i grandi cambiamenti tecnologici.

La collocazione politica si pone al centro ma è evidente che, partendo da zero, bisognerà federarsi con altri partiti politici o provare a stringere alleanze. Il primo appuntamento utile potrebbe essere quello delle elezioni politiche, ma si ragionerà sulla possibilità di correre o meno già a livello nazionale. La Trenta comunque ha spiegato che il nuovo partito si rivolge "a tutti coloro che ritengono di non avere un partito e che credono che la politica sia sempre un fallimento".

Commenti