Nervosismo a Palazzo Chigi per Letta: ecco che cosa è successo

Mario Draghi non sarebbe soddisfatto dell'atteggiamento di Enrico Letta, del suo continuo provocare Matteo Salvini, e lo avrebbe fermato

Nervosismo a Palazzo Chigi per Letta: ecco che cosa è successo

C'è tensione a Palazzo Chigi, dove il governo inizia a mostrare segni di insofferenza verso Enrico Letta. Il segretario del Partito democratico che è succeduto a Nicola Zingaretti ha sempre appoggiato il presidente del Consiglio Mario Draghi che, però, non sarebbe più completamente a favore dell'ex premier. Questa è l'indiscrezione raccolta da Marco Antonellis per Tpi. Al Nazareno pare sia salita la preoccupazione e ci si interroghi sui prossimi passi.

Che il Partito democratico con Enrico Letta sia sparito dai radar della politica nazionale lo si percepisce dalla discussione politica. Il segretario sta lavorando per dare una nuova identità al Pd ma il suo lavoro non sta portando ai risultati desiderati, anzi. La percezione è che il Partito democratico negli ultimi mesi si sia defilato dalla scena, lasciando campo aperto ai partiti del centrodestra al governo e al Movimento 5 Stelle. Questa sorta di ritirata si traduce con i sondaggi al ribasso per i dem, che nell'ultima rilevazione di Swg per il Tg La7 sono stati superati da Fratelli d'Italia. Gli unici sussulti del Partito democratico si registrano con i continui attacchi nei confronti della Lega e, in particolare, di Matteo Salvini da parte di Enrico Letta.

Lega e Partito democratico sono entrambi forze di governo e l'atteggiamento adottato da Enrico Letta, che appena ne ha l'occasione punzecchia il leader del Carroccio sta irritando Mario Draghi. Il premier, infatti, a più riprese ha chiesto ai partiti coesione e collaborazione per portare avanti gli obiettivi di questo governo delle larghe intese. L'irritazione di Mario Draghi, come riporta Marco Antonellis, sarebbe addirittura doppia nei confronti di Enrico Letta. Infatti, il premier avrebbe confidato che un atteggiamento simile se lo sarebbe aspettato da Matteo Salvini, notoriamente passionale nelle sue esternazioni, e non da Enrico Letta.

"Ci aspettavamo tutt’altro atteggiamento da parte del neo-segretario Pd", fanno sapere da piazza Colonna tramite Marco Antonellis. Il motivo, lo spiegano le fonti anonime a Tpi: "Draghi è stato uno dei principali fautori dell’approdo di Letta al Nazareno". Il premier, però, non si limita a far trapelare la sua irritazione, perché pare che lo abbia anche fatto sapere al diretto interessato. E non è difficile notare che negli ultimi giorni Enrico Letta si è quasi "spento", è tornato in silenzio dopo alcune forti provocazioni. Da Palazzo Chigi, inoltre, farebbero notare che "quello che non hanno capito sia Letta che Salvini è che ‘beccandosi’ a vicenda e mettendo in difficoltà il governo fanno semplicemente il gioco della Meloni".

Commenti

Grazie per il tuo commento