Il (mal)governo dell'instabilità

Al Senato il premier incassa 156 sì. Non è abbastanza per tirare avanti. Ora cercherà di allargare. Ma per cosa? Continuare a far danni come nell'ultimo anno e mezzo

"Adesso stiamo a vedere se riescono a governare...". Tra i banchi di Italia Viva se lo sono detti subito. Non appena il governo Conte II si è salvato in extremis incassando a Palazzo Madama una fiducia stretta stretta, i renziani si sono dati di gomito sorridendo a quei 156 "sì". Per cinque voti l'avvocato del popolo non è riuscito a portare a casa la maggioranza assoluta. Si apre così la fase 2 della crisi, quella dell'instabilità e del logoramento. Giuseppe Conte si appresta, infatti, a percorrere una strada tanto dissestata da nascondere cadute e tonfi ad ogni curva. Nemmeno i vertici di Pd e Movimento 5 Stelle, che pure hanno fatto di tutto per sostenere questa nuova compagine raccogliticcia, sono sicuri di andare tanto in là. "Non c'era altra strada", dicono. "Ora, però, dobbiamo allargare...". Il mercato delle vacche, insomma, non è ancora finito.

La vera crisi inizia ora. "L'obiettivo è rendere ancora più solida questa maggioranza - ha twittato ieri sera Conte - l'Italia non ha un minuto da perdere". Dopo una settimana di offerte sottobanco e contrattazioni, come in uno squallido mercato rionale, l'estenuante tour de force del premier è terminato con un risultato al fotofinish che nemmeno la Var è riuscita a fugare da un'incertezza che ora si riverserà inevitabilmente addosso agli italiani. Il caos al termine della "chiama" e l'imbarazzante suspance in seconda serata sono gli (in)degni titoli di coda di un governo che, a dispetto di tutto e tutti, ha fatto combattuto solo per rimanere incollato alla poltrona. Per portare a casa il risultato si è appigliato a tutto: la decisione di Italia Viva di non votare contro ma di astenersi, abbassando così la soglia di salvezza, la stampella di tre senatori a vita (Liliana Segre, Mario Monti ed Elena Cattaneo), l'appoggio "provvidenziale" di una folta schiera di "voltagabbana" che in queste ore hanno cambiato casacca con estrema facilità e, dulcis in fundo, la riammissione al voto dell'ex grillino Lello Ciampolillo e del socialista Riccardo Nencini che col loro "sì" hanno allungato la vita a Conte. La politica trasformata in un film di serie B.

Il day after vede uno scarico plotone di Italia Viva all'opposizione. Matteo Renzi, a cui non è riuscita la spallata al premier, dice di "starci d'incanto". Nencini non gli toglierà certo il simbolo di Italia Viva e non è detto che i renziani in futuro non daranno man forte al governo. Fuori da Palazzo Chigi, intanto, ci sarà la fila di chi adesso vuole passare all'incasso. In qualche modo Conte dovrà dare qualcosa a chi gli è andato in soccorso. La lista è lunga oltre a Ciampolillo e Nencini, abbiamo Gregorio De Falco, Luigi Di Marzio, Maurizio Buccarella, Tommaso Cerno, Sandra Lonardo, Andrea Causin e Maria Rosaria Rossi. Responsabili, costruttori, manovali per i giallorossi. Voltagabbana per tutti gli altri. A chi risponderanno in Aula? A nessuno. Rischiano di diventare schegge impazzite che il premier faticherà a controllare. Senza tener conto del fatto che i senatori a vita non ci sono sempre. Pertanto quel centocinquantasei è solo fumo negli occhi. "Occorre voltare pagina - ha già avvertito Nicola Zingaretti - rafforzare e ampliare la forza parlamentare di questo governo".

Le prossime mosse di Conte sono dunque scontate. In vista del rimpasto della squadra dei ministri, si riaprirà (l'hanno mai chiusa?) la ricerca di altri parlamentari che assicurino il proprio sostegno al governo. "Un governo è forte se può contare su almeno 170 senatori", fissa l'obiettivo il capodelegazione Pd, Dario Franceschini. La "tregua" che le Camere daranno a Conte durerà pochi giorni. Giusto il tempo per varare lo scostamento di bilancio e il decreto ristori. Poi ripiomberemo nel caos politico. E anche se ai giallorossi dovesse riuscirire l'impresa di agganciare un "centro europeista" corposo, che gli permetta di galleggiare per altri mesi, quale sarà il risultato? Un non governo. Un governo che non governa. Esattamente come è stato fatto sino ad oggi. Il disastro è sotto gli occhi di tutti: l'incapacità di gestire la pandemia, rendendo endemico lo stato di emergenza sanitaria; i continui schiaffi al tessuto produttivo del Paese abbandonato a se stesso mentre il lockdown perenne erode risparmi e ricchezze; gli scivoloni in politica estera (dall'assenza in Libia alla debolezza in Europa, fino alle alleanze discontinue con Washington e Mosca); l'abolizione ideologica dei decreti Sicurezza che ha trilplicato il numero dei clandestini sbarcati in Italia.

Qualora a Conte dovesse riuscire l'impresa di allargare la maggioranza, il governo non farà altro che andare avanti a far danni. Esattamente come ha fatto nell'ultimo anno e mezzo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

upwithrich

Mer, 20/01/2021 - 12:29

I peones renziani e sovranisti sanno benissimo che con il dimezzamento dei parlamentari molti di loro dovranno rinunciare a 20.000 euro al mese. E come successo ieri qualche voltagabbana si troverà sempre

ST6

Mer, 20/01/2021 - 12:30

Cadute e tonfi ad ogni curva. PA-NI-CO

Morion

Mer, 20/01/2021 - 12:32

Intanto rosicate. Itinere vedremo!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 20/01/2021 - 12:33

e con la complicità di un comunista: MATTARELLA!!!!!!!!!!!!!!

haaland

Mer, 20/01/2021 - 12:34

Ormai anche repubblica, stampa e messaggero hanno scaricato conte..

Alfa2020

Mer, 20/01/2021 - 12:37

E noi paghiamo e questo e il partito che sono contro l'inciucio come il suo capo Comico questa e la democrazia che ci vogliono vendere tanto vedere tutti gli attori di ieri si capisce che cosa e la nostra politica Italiana uno schifo

RightViktoria

Mer, 20/01/2021 - 12:42

Dinnanzi a tanti disastri e evidenti dispotismi, cosa facciamo noi cittadini? Stiamo a casa a guardare gli shows di Conte, ci lasciamo angariare dai progetti di Monti, con tanto di sarcasmi alla Renzi, perché tanti sono rassicurati che andrà tutto bene!!! Quando ci accorgeremo tangibilmente che non è andato tutto bene, ce la racconteremo nelle mense della Caritas e nelle "case" serali di cartone riciclabile, sconsolati e sbefeggiati pure dal chiarore di Selene.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 20/01/2021 - 12:45

non toccatemi giuseppì l'immaginifico e ve lo dimostrerà moltiplicando cadreghe ed incarichi per gli in...tegerrimi costruttori!!!!aioooo

Gianx

Mer, 20/01/2021 - 12:47

Mai titolo fu più azzeccato! Per i kompagni come ST6, gli mandiamo le prossime risorse a casa loro e buttiamo via la chiave.

Giallone

Mer, 20/01/2021 - 12:49

Indy, non scrivere stupide banalità, hai descritto le stesse cose che ha fatto la destra anni fa, quando sfortunatamente per l'Italia, era al governo. Ti consiglio di prendere un Maalox e un Tavor e andare a dormire tranquillo, tanto al tuo risveglio ci saremo ancora.

Klotz1960

Mer, 20/01/2021 - 12:51

Dobbiamo ringraziare la crassa ignoranza e la superficialita' dei tanti giovani analfabeti politici che specie nel Sud hanno votato 5Stalle. Quelli che volevano la Gabanelli Presidente della Repubblica, per capirci. Quelli che hanno ottenuto il bibitaro agli Esteri. In Europa non ci ridono piu' dietro ma direttamente in faccia.

schiacciarayban

Mer, 20/01/2021 - 12:52

La domanda vera è: ma quali sarebbero i danni che farebbe questa sconclusionata destra? Siamo sicuri che non cadremmo dalla padella nella brace? Nel dubbio scelgo Conte, almeno per adesso. Con i dovuti cambiamenti, certi personaggi, soprattutto grillini sono da avanspettacolo.

Calmapiatta

Mer, 20/01/2021 - 12:53

Purtroppo, vedo che dall'impasse ideologico non si esce. Chi critica aspramente Conte perchè alla guida di un governo sostenuto dal PD, chi lo difende a spada tratta per il medesimo motivo. Nessuno si fa domande serie sulla reale capacità di governo dimostrata da questo esecutivo. I dati econmomici e della gestione emergenziale parlano di un governo mediocre.

agosvac

Mer, 20/01/2021 - 12:58

Un'immonda pagliacciata!!! Mattarella temo si stia giocando le sue carte di essere il peggior Presidente della Repubblica di tutti i tempi. Aveva detto che non avrebbe mai accettato una maggioranza dequalificata: questa, secondo lui, cos'è?????

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 20/01/2021 - 13:02

Appello per il presidente della repubblica: Presidente fermi questo disegno pazzo di un inciucio continuativo. Ci faccia andare alle elezioni.

ilrompiballe

Mer, 20/01/2021 - 13:19

schiacciarayban: Conte non è criticabile perché alla guida di un governo retto dal PD (prima era retto dalla Lega). E' criticabile in sé, in quanto inadeguato a governare. Per governare occorre saper scegliere gli uomini adeguati e disfarsi degli inadeguati.

fabioerre64

Mer, 20/01/2021 - 13:33

@Giallone, ti sbagli di grosso, quando successe alla destra poi governarono un altro anno semplicemente perché non si avvalsero del voto dei senatori a vita che da sempre vengono pescati tra vecchi comunisti o ex comunisti (che poi è la stessa cosa). Vediamo adesso se ad ogni provvedimento ed a ogni fiducia i senatori a vita saranno sempre presenti per votare a favore di Pinocchio.

lavitaebreve

Mer, 20/01/2021 - 13:39

DA CETTOLAQUALUNQUE A CONTELAQUALUNQUE.

tappoblu

Mer, 20/01/2021 - 13:41

Io vorrei diventare presidente della repubblica:sostanzialmente non si fa un tubo tutto il giorno, si vive in un palazzo da sogno, servito riverito e meravigliosamente super protetto e scortato, di tanto in tanto mi toccherebbe dire le solite ovvietà in noiosi discorsi ufficiali ma vabbè, ci può stare, responsabilità zero tanto mi salvo basandomi sulla costituzione.... e la volontà del Popolo che, teoricamente, è Sovrano??? Chissenefrega, tanto c'è la Segre con seguito di pagliacci detrattori di Salvini e del Centrodestra che salvano un governo tira l'altro. Che devo fare per diventare presidente della repubblica?

haaland

Mer, 20/01/2021 - 13:43

Giallone, Se avesse avuto 161 voti poteva distribuire maalox...con 156 si prolunga l'agonia

Mborsa

Mer, 20/01/2021 - 13:49

Il PdR non dovrebbe essere informato degli avvenimenti prima di autorizzare il proseguimento del governo con maggioranza cambiata o peggio prima di lasciare continuare la campagna acquisti del governo? Il PdR vuole arrivare a luglio comunque, pur di accontentare la maggioranza che lo ha eletto? Penso che il silenzio assordante del PdR più che al ruolo istituzionale sia dovuto alla volontà di favorire l'attuale maggioranza nella indicazione del prossimo PdR.

Calmapiatta

Mer, 20/01/2021 - 14:39

"Per cosa?". Ecco, questa è la vera domanda. Non interessa chi vota e perchè. Non importa chi fornisce supporto e chi nega la fiducia, Ciò che importa è: cosa vuole fare questo governo? A questa domanda, in 2 giorni di pomposi discorsi, il Presidente Conte non è riuscito a dare risposta. Questo è l'elemento preoccupante, il resto sono solo chiacchiere.

Giallone

Mer, 20/01/2021 - 14:47

Haaland, attaccante del Borussia, tranquillo, tieni da parte il Maalox, a 161 ci arriviamo presto.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 20/01/2021 - 15:17

@haaland - non solo i giornali, ma il popolo tutto, dopo questi disastri e prese in giro.

trasparente

Mer, 20/01/2021 - 15:31

RightViktoria gli italiani leggono, scrivono e commentano. Fanno troppa fatica a radunarsi intorno al palazzo per un giorno o cento giorni...quindi preferiscono inchinarsi e fare gli schiavi.

Gianca59

Mer, 20/01/2021 - 18:34

Un' accozzaglia di gente unita da interessi/smanie personali: dove andremo a finire ?