Ora Conte fa la vittima: "Qualcuno vuole i 5s fuori dal governo"

Giuseppe Conte sbandiera l'ipotesi che qualcuno voglia il MoVimento 5 Stelle fuori dal governo. Poi l'attacco a Draghi sul Super bonus e la necessità di un chiarimento con il Pd

Ora Conte fa la vittima: "Qualcuno vuole i 5s fuori dal governo"

Il capo grillino Giuseppe Conte ha iniziato a lamentarsi, dopo tutte le posizioni prese contro la linea filo-occidentale del governo di Mario Draghi, sull'eventualità che "qualcuno" abbia intenzione di collocare il MoVimento 5 Stelle "fuori" dall'esecutivo.

L'ex "avvocato degli italiani" ha iniziato a gridare al complotto in relazione alla presentazione della Scuola di formazione grillina che era stata annunciata quando Conte era stato ospite di Atreju: "Inizio ad avere dubbi - ha detto, come riporta l'Ansa - che ci sia qualcuno che voglia spingere Il Movimento fuori dal governo". E ancora: "Non mi risulta che la norma sugli inceneritori a Roma sia stata spinta da Cingolani: lui non c'entra nulla".

Insomma, la questione dell'inceneritore di Roma - quello cui Conte ed il MoVimento 5 Stelle continuano ad essere contrari - non interesserebbe la volontà del ministero della Transizione ecologica e le questioni scottanti, per il legale originario di Volturara Appula, sarebbero soprattutto altre. Il fatto è - come dimostrato rispetto a tutti i dossier affrontati dal governo di unità nazionale - che il presidente del Consiglio non sembra avere intenzione di farsi mettere i bastoni tra le ruote dai "niet" dei contiani.

Il vertice dei pentastellati ha anche detto la sua in merito ai rapporti con il partner politico principale della formazione che guida, ossia il Partito Democratico: "Dobbiamo parlarci col Pd e capire quale sia l'orientamento: chi vuole lavorare con noi deve sapere che ci sono principi non negoziabili. Sul riarmo ha avuto un chiarimento tardivo, nel Conte II aveva sposato la transizione ecologica poi ci propone gli inceneritori. Noi non stiamo cambiando strategia. Chi lavora con noi deve chiarire quelle posizioni", ha osservato Conte, così come rimarcato dall'Agi.

Un altro focus è stato post sul super bonus, un altro tema che divide il MoVimento 5 Stelle dall'indirizzo di Mario Draghi e del governo. Per l'ex premier giallorosso e gialloverde, il presidente del Consiglio è stato "contraddittorio", perché il premier, per il capo grillino, ha "parlato male di una misura che gli ha consentito di fregiarsi della crescita del Pil".

Rispetto a questo tentativo di estromettere il MoVimento 5 Stelle che per Conte potrebbe essere in atto, il vertice pentastellato ha anche affermato quanto segue: "Chiedo rispetto per 11 milioni di cittadini che hanno votato il Movimento, non vanno presi in giro".

Commenti