Politica

La lezione della sorella di Buonanno alle sardine

Emanuela Buonanno interviene a qualche giorno di distanza dal post provocatorio della "sardina" Giulia Bodo su suo fratello Gianluca e smorza la polemica, non senza risparmiare una bordata all'attivista Lgbt

La lezione della sorella di Buonanno alle sardine

Gianluca Buonanno è stato un politico divisivo, con idee spesso provocatorie sia nel suo ruolo da deputato della Lega, sia come sindaco della cittadina piemontese di Borgosesia. La sua morte, tre anni fa in un incidente stradale, sconvolse il Paese e ancora oggi a distanza di tempo, c'è chi continua a utilizzare il nome del politico per le sue battaglie, come le sardine. avolta a difenderlo è intervenuta sua sorella Emanuela Buonanno, che da anni ricopre il ruolo di vicesindaco di Borgosesia.

Le parole di Giulia Bridget Bodo, nota attivista vercellese per i diritti Lgbt, hanno destato clamore e sdegno nella comunità politica locale, che si è ribellata a quello che a molti è sembrato l'insulto alla memoria di Gianluca Buonanno. Con un gioco di parole, l'attivista ha augurato "Buonanno a tutti", nel primo giorno dell'anno, utilizzando un collage di immagini del politico. Il primo a intervenire è stato Matteo Salvini, poi ci sono stati molti altri politici che hanno voluto dire la loro. Ora, a pochi giorni dal fatto e con le acque un po' più calme, a parlare è Emanuela Buonanno.

La sorella di Gianluca ricopre adesso il ruolo di vicesindaco in vece di suo fratello, per continuare a portare avanti il lavoro compiuto dall'ex deputato della Lega fino alla sua scomparsa. "Io con mio fratello avevo un gran legame, la sua morte è stato un colpo molto duro per tutta la famiglia. Ora, a tre anni di distanza, ho metabolizzato il dolore, per cui le uscite di questi personaggi non mi fanno né caldo né freddo", ha dichiarato Emanuela Buonanno all'Adnkronos. Parole comprensibili e ponderate, pronunciate da una sorella a cui è morto un fratello improvvisamente per una tragica fatalità. Quella di Emanuela non è indifferenza, anzi. La donna cerca di guardare l'altro lato di un post social che la lega ha definito indecoroso. "È anche questo un modo di ricordarlo, se c'è ancora gente che si preoccupa di lui credo che questo significhi che ha lasciato un segno molto importante", ha sottolineato Emanuela Buonanno, cercando di smorzare i toni di una polemica politica nata attorno a suo fratello. La donna pare conosca il modus operandi di Giulia Bodo, tanto da non dare pubblicamente troppa importanza alle sue parole: "Alla Bodo piace fare queste uscite e le piace punzecchiare."

La sorella di Gianluca Buonanno è tornata in Italia a seguito della morte di suo fratello dopo aver trascorso più di vent'anni in Africa e in Medio Oriente. La sua è stata una scelta d'amore e di rispetto nei confronti del fratello, del suo lavoro e delle sue idee, per fare in modo che l'impegno profuso per tanti anni da Gianluca Buonanno in Valsesia non fosse vano.

Commenti