"Il Pd si è spaccato", il retroscena che fa paura a Zingaretti

Dalle parole di Andrea Romano, deputato del Pd, emergerebbe una verità scomoda per i dem: Base Riformista vorrebbe le dimissioni di Conte

Ieri, Nicola Zingaretti ha lanciato l'hashtag #AvanticonConte per dimostrare il pieno sostegno suo e del Partito Democratico all'esecutivo. In tantissimi hanno raccolto l'appello, primi fra tutti i ministri che ieri si trovavano in Consiglio per discutere delle misure urgenti per il contenimento dell'epidemia. Oggi, #AvanticonConte è uno degli argomenti più discussi su Twitter e per molti questo può essere visto come un successo ma probabilmente il Pd non è compatto come si vuole far credere e tra le fila dei dem potrebbe esserci qualcuno che spinge per le dimissioni di Giuseppe Conte. Lo rivela Marco Antonellis su Affaritaliani.it, interpretando le parole di Andrea Romano, deputato del Partito Democratico e portavoce di Base Riformista, settore dem a guida di Lorenzo Guerini e Luca Lotti.

Il deputato è stato ospite nelle scorse ore ad Agorà, il programma di approfondimento politico del mattino di Rai3. "Alla gravissima irresponsabilità mostrata da Italia Viva occorre rispondere con il massimo grado di responsabilità da parte di coloro che hanno a cuore l'interesse nazionale", ha detto Andrea Romano, che ha fatto leva sul senso di responsabilità per il Paese. Nel suo intervento, ha parlato di "ricostruzione e rilancio" della maggioranza giallorossa che si è insediata ad agosto 2019 dopo l'uscita di Matteo Salvini. "Questo non è il momento dei duelli rusticani o delle acrobazie, ma di un percorso ordinato che permetta di ricostruire quella maggioranza intorno ad un nuovo patto politico e di legislatura", ha proseguito, esponendo il punto cruciale del suo discorso.

Anche Romano si è appellato al presidente della Repubblica: "È fondamentale ripartire dal Quirinale e rimettere nelle mani sagge ed equilibrate del Presidente Mattarella il timone di una crisi che può essere superata già nei prossimi giorni". Il deputato dem ha poi attaccato Matteo Renzi per le sue accuse "ingenerose e pretestuose" nei confronti di Giuseppe Conte, definite "strampalate", alle quali ora ritiene si debba rispondere "con saggezza, rimettendo al centro la solidità delle istituzioni repubblicane". Andrea Romano ha ribadito anche in chiusura del suo intervento la richiesta di salire al Colle per rimettere "nelle mani del Presidente della Repubblica il timone della gestione dei prossimi passaggi'". La lettura di Marco Antonellis di questo discorso è semplice: "Base Riformista sta chiedendo le dimissioni di Giuseppe Conte, cosa del tutto inaspettata fino a ieri. Tradotto significa che il Pd si è 'spaccato'".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maurizio@rbbox.de

Gio, 14/01/2021 - 14:30

Ovvio che si è spaccato. L'aggressione di Renzi è stata possibile solo perché il PD è balcanizzato. Mentre i 5Stelle sono proprio già defunti. Rigor-Mortis, questo ha tenuto in piedi il governo. Rigidità.

glasnost

Gio, 14/01/2021 - 14:43

Io sono di Bologna, ma non sono del PD. Tuttavia, difetti a parte, come li hanno tutti, ho sempre avuto la sensazione che il PD fosse un partito serio. Sapevi cosa pensava e quali erano le sue posizioni, insomma potevi confrontartici. Ma negli ultimi anni sono ascesi alla dirigenza del PCI gli ex democristiani ed il peggioramento è stato evidente; oggi addirittura si è messo a fare il reggicoda dei grillini. E' ovvio che oggi non più del 20% degli italiani lo sostenga, nonostante la forte presenza che ha nelle istituzioni e nella burocrazia (voti certi).

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 14/01/2021 - 14:57

Hanno paura e fanno gli ipocriti! Fanno schifo loro e quelli che hanno votato la sinistra!!

Calmapiatta

Gio, 14/01/2021 - 15:30

Conte e il suo governo, sono rimasti in piedi grazie all'emergenza. Di decreto bulgaro in decreto bulgaro, Conte è sopravvissuto alle pressioni interne di una alleanza disomogenea e priva di un qualsiasi scopo se non la comune passione per le poltrone. Questo governo non ha nulla da dire ed ha già arrecato danni epocali al paese.

McGeorge

Gio, 14/01/2021 - 15:36

Non mi sembra che il PD abbia svolto un ruolo da protagonista a fianco di questo Primer. Senza Renzi, ora avremmo il Recovery Fund che stava per essere approvato nel CDM. Renzi ultimamente aveva invertito i rapporti Partiti-Conte, a vantaggio dei partiti. Ma ora tutti quelli della maggioranza si sono schierati a fianco di Conte. Contenti loro...

signorrossi1

Gio, 14/01/2021 - 16:29

ma quanto ci si riempiono la bocca con la parola democrazia

vale.1958

Gio, 14/01/2021 - 16:29

Vedere il PD succube di Conte fa capire che brutta fine sta facendo la sinistra.certo con un nulla assoluto come Zingaretti non poteva finire che così

Calmapiatta

Gio, 14/01/2021 - 17:00

@vale.1958 Quello che sta accadendo non è affatto sorprendente. I fatti sono la dimostrazione che il PD, a parte il noto linguaggio da slogan sui fascisti, i sovranisti ..ecc, non ha nulla da dire. Soggiace a Conte, per interesse, e non sa come reagire a Renzi, per incapacità.

aldoroma

Gio, 14/01/2021 - 19:49

Da cacciare TUTTI

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 14/01/2021 - 20:01

@aldoroma - hai ragione, è l'unica soluzione. Un be lreset.