Pelati, detersivi e fotocopie: stretta sugli acquisti di Stato

Dalla sanità al servizio mensa: le amministrazioni dovranno rispettare i tetti imposti dal Tesoro. Ecco i conti in tasca agli statali

Per arrivare ai 7,2 miliardi di euro di tagli suggeriti dal commissario alla Spending review Carlo Cottarelli, il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan è disposto a risparmiare su tutto, anche sullo zero-virgola delle spese amministrative della macchina statale. Così, dopo aver spulciato i prezzi pagati dalla Consip quando siglia i contratti coi fornitori, ha stilato la bellezza di 126 pagine di documento per decrivere 800 prodotti alimentari per istruire le amministrazioni su come comprare bene. Dalle porzioni di pollo allo scatolame, il titolare del Tesoro impone così alla pubblica amministrazione di acquistare beni e servizi senza sforare i tetti suggeriti.

"L'identificazione delle 'caratteristiche essenziali' - spiega Padoan - impedirà che lievi variazioni delle caratteristiche del bene possano essere prese a giustificazione per acquisti fuori convenzione a prezzi più elevati, garantendo così il raggiungimento dell'obiettivo di razionalizzazione della spesa pubblica". A mettere il naso nel 126 pagine del Tesoro ci ha pensato Michele Di Branco sintetizzando sul Messaggero la nuova griglia dei costi standard. Il Tesoro è pronto a fare le pulci su tutto: servizi, sanità, mense e pure la connessione internet. Si parte con i buoni pasto che per i 3,3 milioni di dipendenti pubblici vengono fissati a un massimo di 6 euro, indiscriminatamente se lo statale lavori a Milano o Reggio Calabria. Gli economisti di via XX Settembre suggeriscono alle amministrazioni pubbliche di comprarli in economia di scala per trattare condizioni di sconto tra il 16 e il 17%.

La parte più "spassosa" del documento è sicuramente quella dedicata alla mensa. Il Tesoro suggerisce per ogni prodotto alimentare il prezzo più congruo a cui comprare. Il pollo, per esempio. Una porzione non può costare più di 2,64 euro. E il girello di classe A? Massimo 8,36 euro. E una scatola di pelati? Massimo 60 centesimi. Con la stessa minuzia con cui passa a rassegna i principali prodotti alimentari della dieta degli italiani, la griglia sanitaria analizza i costi e i prezzi dei macchinari più delicati. Per esempio: per avere un apparecchio per la mammografia full risk gli ospedali non potranno spendere più di 70mila euro. Per la macchina che controlla la glicemia, invece, viene fissata una prestazione ogni 5 secondi. Il costo? 39 euro.E il kt per l'angiografia? Il tetto è fissato sui 300mila euro.

Di voce in voce si arriva, quindi, al reparto cancelleria e alla connessione internet. Se per la fotocopiatrice l'amministrazione non potrà sborsare più di tremila euro, per navigare sul web dovrà restare entro il tetto del 3.952 euro ogni cento dipendenti. Per le pulizie, poi, il budget è di 12,4 euro, cifra che comprende detersivi, spazzole, aspirapolveri e, ovvaimente, le ore lavorate.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 28/09/2014 - 13:14

era questa una di quelle idee di berlusconi! peccato che i PSICOSINISTRONZI lo hanno insultato e se ne sono STRAFREGATI delle sue misure di contenimento delle spese. ora che lo fa padoan, tutti a dire: bravo, cosi si fa.... IPOCRITI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 28/09/2014 - 13:14

era questa una di quelle idee di berlusconi! peccato che i PSICOSINISTRONZI lo hanno insultato e se ne sono STRAFREGATI delle sue misure di contenimento delle spese. ora che lo fa padoan, tutti a dire: bravo, cosi si fa.... IPOCRITI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo (non verificato)

rossini

Dom, 28/09/2014 - 13:23

Caro Padoan, te la do io un'idea per risparmiare sulle fotocopie. Basta stabilire per decreto che tutti i documenti pubblici DEVONO essere stampati FRONTE/RETRO. Il consumo di carta si DIMEZZEREBBE e si risparmierebbe metà dello spazio per archiviare i documenti. Metà armadi, metà locali ecc. Troppo difficile pensarci?

Sonia51

Dom, 28/09/2014 - 15:13

I tagli valgono anche per il mantenimento dei negri che sbarcano allegri a frotte armati di buona salute e senza documenti? Siete ridicoli, Padoan e compagni.

marina.panetta

Dom, 28/09/2014 - 15:39

Sembra veramente il conto della serva. non sarebbe meglio indagare sulle esternalizzazioni che la PA fa con troppa facilità, affidando cioè a cooperative e ditte esterne (dove lavorano spesso amici e parenti) di lavori che gli impiegati dovrebbero saper fare senza costi aggiuntivi visto che ricevono uno stipendio?

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Dom, 28/09/2014 - 15:40

Più che rispettare tetti, bisogna rispettare gli acquisti: ad esempio, se una bottiglietta d'acqua da mezzo litro, si può pagare tranquillamente a 19 centesimi di euro, una amministrazione, che ne acquisterebbe tante, riuscirebbe a pagarla anche a 12 centesimi di euro. Quindi, se sarà pagata a 2,50 €, vuol dire che qualcosa non va!! Naturalmente questo era un esempio ed una provocazione. Lo stesso metodo vale per qualunque acquisto occorrente ad una amministrazione. E' su questo semplice metodo che si deve lavorare, vedrete quanto si recupera!!!!!

Pelican 49

Dom, 28/09/2014 - 16:31

Sono un pensionato e nella mia vita lavorativa di quasi 44 anni, ho visto tre aziende nelle quali, quando si cominciava a risparmiare sulle fotocopie, il fallimento arrivava di lì a poco. Caro Padoan, ci dobbiamo toccare?

maurizio50

Dom, 28/09/2014 - 17:10

Per @ Sonia 51. La sua domanda certo non avrà risposta dagli imbecilli che organizzano gli sbarchi degli africani a migliaia: Anzi poichè crescono i costi del telefono e delle sigarette, sicuramente aumenteranno i fondi per garantire ai "poveri invasori" sigarette e schede per il telefonino:. Questa è la spending review messa in essere dall'attuale governo di scalzacani!!

titina

Dom, 28/09/2014 - 17:35

xPelican 49. nelle scuole le fotocopie che servono per gli alunni se le pagano gli insegnanti, da vari anni, ormai e non possono neppure scaricarle dal 730!

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 28/09/2014 - 17:54

I signori parlamentari, comincino a tagliarsi lo stipendio...poi ne parliamo.

forbot

Dom, 28/09/2014 - 18:23

Non capisco perchè, per Sgovernare questa Nazione ci devono essere migliaia di politici che gironzolano fra i vari dicasteri e discutono in continuazione fra di loro e non approdono a conclusioni pratiche e sbrigative, visto l'aggravarsi della crisi. Oggi la Camusso ha detto, da Lucia Annunziata, che Renzi deve discutere con loro se vuole evitare lo sciopero generale. Ma di cosa deve discutere ancora, non hanno capito che i Sindacati, come tutti i mediatori, servono solo ad aggravare i costi. Poi girano sempre con un codazzo di riverenti acchiappacitrulli, sempre pronti a sorridere e fargli corona e non capisco su cosa sorridono, visto che dicono che siamo così inguaiati. Ma siate più seri, perbacco, ci sono fior di politici nel mondo che camminano da soli per strada e la borsa se la portano da loro stessi. Come abbiamo visto fà il ministro del tesoro americano. Anche in questo si può risparmiare. Ma siamo sempre ancora al "le tutto da rifare" di Bartoliana memoria.

Mr Blonde

Dom, 28/09/2014 - 18:28

mortimermouse berlusconi ha contenuto le spese??? Le sue

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 28/09/2014 - 18:34

@Sonia51,@maurizio50:con quello che ci costa l'"accoglienza" di milioni di "accolti",con tutte le spese collaterali(30.000 nelle carceri,processi,ordine pubblico,mantenimento,privilegi vari,spese sanitarie,etc,etc,),altro che questi ridicoli "tagli"!!!Non parliamo di stipendi,pensioni,liquidazioni,privilegi,di "addetti al funzionamento della ns politica et similia(sindacati,etc,),quelli non si toccano!I "lavori inutili",non si toccano!....Siamo alla "frutta", secca,...non ai pomidoro!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 28/09/2014 - 18:35

@tomari:nessun cappone si infila nel forno da solo!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 28/09/2014 - 19:13

MRBLONDE, può verificare la crescita del debito pubblico ? :-) negli anni in cui era al governo, si era fermata la crescita, o ridotta. dopo il cambio del governo, è schizzato a mille. come mai? :-)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 28/09/2014 - 19:45

HAHAHA CHE SPASSOSO questo ministro PADOAN!!! Risparmiare sui PELATI!!! Per poi spendere 100.000 Euri al giorno di COMBUSTIBILE per le navi che arrivano fino alle foci del Nilo!!!! Saludos dal Leghista Monzese

Pelican 49

Dom, 28/09/2014 - 20:54

x titina: ho avuto due figli sommersi da fotocopie a scuola. Ma mi chiedo: sono proprio necessarie? Non ci sono i libri di testo e i quaderni? Ma noi adulti come abbiamo fatto a studiare senza fotocopiatrici?

guido.blarzino

Dom, 28/09/2014 - 22:49

Intento certamente apprezzabile. Ma il problema forse più grosso è rappresentato dalla completa riorganizzazione degli uffici e relativa informatizzazione. Fino ad oggi sono stati installati PC ma non sono collegati fra di loro e le notizie rimangono all'interno dello stesso ufficio. In questo modo continuano i rimpalli di pratiche con enorme dispendio di tempo dei dipendenti pubblici e degli utenti oltre alla concreta trasparenza ( qui si annida un altro grosso problema ). Non credo proprio che i dipendenti pubblici che operano oggi abbiano la mentalità e/o l'interesse per riorganizzare gli uffici: finora hanno sempre pensato alla propria sedia, alle ferie, ai ponti ecc....E tutto questo enorme costo e disagio ai cittadini grava sulle spalle dei cittadini/contribuenti. Non si venga a parlare di evasione fiscale, qui c'è truffa permanente!!!

Ritratto di cable

cable

Lun, 29/09/2014 - 08:41

titina, in parte ciò che scrive è vero. Ma un'altra possibilità è quella di digitalizzare e memorizzare nei pc le copie che rimangono agli atti in segreteria, ad esempio. Ci sono molto programmi che permettono ciò e basterebbe una legge. Lei invece, pare di capire, si riferisce alle copie distribuite agli alunni. In tal caso si può fare poco.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 29/09/2014 - 10:45

Vedo che dopo la discutibile iniziativa di chiudere i Ministeri alle 18.00 (creando possibili problemi a chi sta facendo un lavoro pomeridiano che ha necessità di terminare in giornata), Padoan continua a muoversi come un elefante in una cristalleria, applicando criteri rigidi e standard anche laddove è inopportuno applicarli, come nel caso delle mense. Un pasto non costa allo stesso modo in una grande città come Milano, Roma o Venezia, rispetto ad un paesino del Sud. Con 6 euro in un paesino del Mezzogiorno, specie se si acquistano prodotti locali, si può fare uno spuntino decente, a Roma o Milano invito il signor Padoan a mangiare con la stessa cifra: farebbe la fame, oppure gli dovrebbero fare la lavanda gastrica … Personalmente già adesso non mangio alla mensa perché voglio evitare la gastrite, un domani, coi costi standard, mangerei un ottimo pollo di batteria condito con olio di sansa, ottimo e abbondante caro Padoan … I buoni pasto poi farebbero meglio ad abolirli (le ditte che li gestiscono prendono un “pizzo” del 12% + IVA, tutto a discapito del potere d’acquisto e del guadagno dei ristoratori), e a sostituirli con una indennità da inserire in busta-paga, sarebbe molto più semplice ed efficiente. Di fotocopiatrici poi nemmeno a parlarne, come i fax, dovrebbero scomparire (altro che pagarle 3000 euro), sostituite dalla digitalizzazione, cioè dall’uso dei computer, dai documenti firmati in digitale (i cui originali si trovano “dentro il computer) e dalla trasmissione via mail o tramite PEC. Se proprio si rendono necessarie delle stampe, si può usare la stampante del computer, per il resto non vedo futuro per le fotocopiatrici (anche a scuola i ragazzi dovrebbero tutti avere un computer …). In generale, i risparmi sulla p.a. si possono ottenere soprattutto semplificando le competenze e le procedure, eliminando e accorpando enti e strutture inutili, riducendo i dirigenti, eliminando il personale dove non serve, risparmiando si, ma in modo mirato, altrimenti facciamo ridere, diventa come quello che voleva risparmiare sul pranzo e perciò raccoglieva le mollichine sul tavolo, mentre grosse porzioni del pasto continuavano a buttarsi dalla finestra …

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 29/09/2014 - 23:31

Spero che non verrà mica a raccontarci che la minore spesa per la carta igienica dello Stato risolverà il problema della crisi e della disoccupazione del nostro paese. QUESTI MINISTRI CI STANNO PRENDENDO PER IMBECILLI. OLTRE A GRILLO SI SONO MESSI ANCHE I MINISTRI A FARE I BUFFONI.