Politica

"Pensi a fermare gli sbarchi". Scontro tra Salvini e la Lamorgese

La Lamorgese rilancia il tema dello ius soli: "Spero che si arrivi a una sintesi politica". Scoppia la polemica: Lega e Forza Italia contro il ministro

"Pensi a fermare gli sbarchi". Scontro tra Salvini e la Lamorgese

È bastata qualche medaglia al collo degli atleti italiani impegnati nei Giochi olimpici di Tokio per riaccendere gli entusiasmi del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese sulla questione ius soli. Ori argenti e bronzi hanno accecato gli occhi del titolare del Viminale, facendole dimenticare il momento drammatico che sta vivendo l'hotspot di Lampedusa, oramai da tempo al collasso e ben al di sopra dei numeri che dovrebbero limitare le presenze al suo interno. È l'ex vicepremier Matteo Salvini a chiedere a Lamorgese di riportare la sua attenzione sull'annoso ma ingnorato problema dell'immigrazione clandestina: "Il ministro dell’Interno dovrebbe controllare chi entra illegalmente in Italia", ha affondato il leader del Carroccio.

Le parole di Lamorgese

Nel corso di un'intervista concessa al direttore della Stampa, Massimo Giannini, il ministro dell'Interno ha voluto commentare il tema sollevato nei giorni scorsi dal presidente del Coni Giovanni Malagò. Per quest'ultimo, evidentemente ingolosito dal numero di medaglie conseguite dagli atleti italiani ai recenti giochi olimpici di Tokio, bisognerebbe avviare con urgenza uno ius soli sportivo: "Lo Stato italiano dovrebbe concedere la cittadinanza agli atleti stranieri tesserati nel nostro Paese e che hanno conseguito particolari meriti sportivi", ha dichiarato infatti Malagò.

Sulla stessa linea d'onda, e non si potevano avere dubbi a riguardo viste le idee espresse in già più di un'occasione, lo stesso titolare del Viminale: "La questione dello ius soli è giusta e spero si arrivi a una sintesi politica", ha spiegato Lamorgese a Giannini. "È un tema che si pone e di cui dobbiamo ricordarci non solo quando i nostri atleti vincono delle medaglie. La politica", ha puntualizzato ancora, "dovrà fare i suoi riscontri e spero si arrivi a una sintesi politica. Bisogna aiutare le seconde generazioni e farle sentire parte integrante della società".

Barricate del centrodestra

Non si è fatta attendere la replica del centrodestra che, a stretto giro, ha risposto alle parole del ministro dell'Interno."Invece di vaneggiare di ius soli, visto che con la legge vigente siamo il Paese europeo che negli ultimi anni ha concesso più cittadinanze in assoluto, il ministro dell’Interno dovrebbe controllare chi entra illegalmente in Italia", ha attaccato Salvini. "Ci sono decine di migliaia di sbarchi organizzati dagli scafisti, senza che il Viminale muova un dito". Duro anche il deputato di Forza Italia Luca Squeri: "Nei giorni in cui le coste siciliane subiscono l'ennesima crisi dovuta agli sbarchi di migranti, spendere parole favorevoli allo ius soli significa prestare ulteriormente il fianco all'immigrazione clandestina, fenomeno che va contrastato e non certo incentivato".

E anche fonti del Carroccio hanno voluto dire esplicitamente che "per la Lega le priorità per gli italiani sono lavoro, salute e sicurezza, per il Pd è lo ius soli. Letta vive su un altro pianeta".

Commenti