La pizza italiana? Ora ha tre capitali

Non più solo Napoli, anche Milano e Roma hanno insegne al top. Con stili diversi

L a capitale della pizza italiana? Ma certo, è Milano. Ovvio no? Vabbuò, a Napoli la prenderanno male, ché già gli girano le scatole per questioni di rigori dati e non dati. Però l'affermazione è solo in parte provocatoria, perché fotografa un fenomeno sempre più prepotente: Milano in cucina si va napoletanizzando. In città è un fiorire di locali che sfornano caffè in tazzine bollenti accompagnati da un bicchiere d'acqua grande poco più di un ditale, fritti e casatielli. E pizze. Che, d'accordo, ci sono sempre state, spacciate in locali con la foto autografa di Maradona, immagini di San Gennaro e camerieri di Benevento.

La differenza ora è che a Milano negli ultimi due anni hanno aperto insegne storiche dell'arte bianca: Gino Sorbillo che ha fatto capolino in largo Corsia dei Servi tra il Duomo e San Babila, con le sue file (perché la tradizione vuole che non si prenoti ma ci si metta in paziente attesa) e poi ha bissato con l'Antica Pizza Fritta da Esterina in via Agnello. Poi Starita. Poi Da Michele, che non è però lo spin-off della leggendaria pizzeria di via Sersale a Napoli ma comunque di un ramo collaterale della famiglia. Ma Milano si gode anche tante altre insegne di alto livello: Marghe, Lievità, Dry (che propone pizze e cocktail), Briscola, Pizza Am. Roba da rendere orgogliosi perfino Totò e Peppino che in celebre film arrivavano in piazza Duomo e sembravano a loro agio come i militari italiani nella campagna di Russia.

Ma nella vicenda si inserisce anche Roma. Depositaria da decenni di una sua propria tradizione pizzaria, con ufo bassi e biscottati serviti dopo inesorabili stanchi supplì da camerieri sbrigativi (basti dire che una delle insegne più celebri, a Trastevere, è detta l'«Obitorio»), la capitale negli ultimi anni si era riscattata diventando l'epicentro della nouvelle vague della pizza grazie a personaggi come Gabriele Bonci, Stefano Callegari, Giancarlo Casa ed Edoardo Papa. E ora chi glielo dice a napoletani e romani che c'è anche Milano? La pizza ha tre capitali. Teniamocele strette.

Commenti
Ritratto di Elvissso

Elvissso

Ven, 03/03/2017 - 10:22

Se questa foto è una pizza margherita doc,non ne capite proprio.Non è facile fare una margherita napoletana,l'aspetto è la prima cosa,poi dopo c'è il sapore.Sono un cultore della pizza margherita,ma quella in foto non la mangerei mai.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 10:55

ve piacesse a vuje pulentune ; è ? qualla in foto è la vostra pizza ? chella è 'na schifezza .

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 11:01

voi pensate che per fare una buona pizza si mette in una pentola acqua , sale , farina , pomodoro cinese , mortadella(come in foto) formaggio biancastro , e foglie di siepe ,olio di semi vari, si gira e rigira e s'inforna ? ah ! ah ! ah !

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 11:05

della "pizza" romana neanche a parlarne ! gli , innominabili , incredienti che ci mettono , non hanno neanche bisogna della base di farina , viene meglio se mettono tutto direttamente nel piatto o in un coppo , oppure in una vaschetta di plastica .

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 03/03/2017 - 12:47

Ma secondo voi i redattori di questo articolo si sono presi la briga di entrare in una pizzeria milanese e di fotografare una improbabile margherita??? Non vi passa per la mente che sia più facile scaricare una foto a caso in rete e pubblicarla???

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 03/03/2017 - 14:18

A napule non riesci ad arrivare in pizzeria che gia' ti hanno spazzolato il portafoglio.

cir

Ven, 03/03/2017 - 14:43

non capisco cosa centri napoli con una buona pizza....

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Ven, 03/03/2017 - 15:03

A Milano, in una piccola pizzeria gestita da tre fratelli sardi, ho mangiato la più buona pizza della mia vita. Alla mia domanda al pizzaiolo dove avesse imparato a fare una pizza così buona mi ha risposto che aveva imparato a Milano. Quindi le affermazioni dell'articolo a me sembrano veritiere.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 15:17

i lumbard hanno scambiato la polenta per la pizza, nel loro territorio non c'è nessuno degli incredienti che servono a preparare una vera pizza , e non avendone mai mangiato una , non hanno il metro di paragone e parlano per dare aria ai denti .

ziobeppe1951

Ven, 03/03/2017 - 15:19

giovinap ...sai che buona la pizza con mozzarella tamarra della terra dei fuochi

cir

Ven, 03/03/2017 - 15:29

ma giovinap sai di cosa parliamo ? della pizza . e tu che cavolo ne sai di una buona pizza ?

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 15:47

cir , ma da patano fatto a grappa ,che sei , sai solo ripetere le tue intuizioni scientifiche valbrenbanesi ? dai corda al cervello girandoti le orecchie a mo di chiavetta . ziobeppe 1951 , è vero che sei un immigrato del profondo sud , e non puoi conoscere la storia nera della patania , ti do un consiglio : vatti a leggere il disastro ambientale(tipo chernobyl causato dalla "icmesa" di seveso e subbito sotterrata) e poi vediamo dove sta la terra dei fuchi e la terra dell'inferno della patania , oltre a tutti i veleni industriali interrati da industrialotti del nord aum aum .

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Ven, 03/03/2017 - 16:28

.....giovinap....evita sproloqui....e mi raccomando non oltrepassare mai il Po

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 16:50

serramana1964, sei della 'ndrangheta del nord ? per che non potrei attraversare il maggior inquinatore d'italia che voi chiamate fiume mentre è solo una fogna a cielo aperto ? se vengo : che fai mi cacci ? ah ! ah ! ah !

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 03/03/2017 - 16:58

Redazioneee... date in pasto ai vostri lettori qualche estracomunitario musulmano, altrimenti di dividono tra nordisti e sudisti scannandosi fra di loro.

cir

Ven, 03/03/2017 - 17:11

giovinap , i tuoi commenti abbassano fortemente la considerazione che abbiamo del sud. cerca di contenerti, fallo per la tua gente.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 17:19

dreamer_66 , è difficile che un branco di patani possono divorare un solo sudista , non è una questione di denti ma di intelligenza .

cir

Ven, 03/03/2017 - 17:28

sentire i commenti di giovinap e' un dovere didattico. E' il modo per capire come mai il sud e' sempre stato cosi'e non potra' mai migliorare.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 17:36

cir , le tue nenie (poco intelligenti) hanno aumentato la disistima che ho sempre avuto dei patani come te , per fortuna , dei veri padani (che sono la maggioranza) siete una piccola minoranza inutile e dannosa .

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 17:41

cir , tu cosa sai del sud ? ti do un consiglio , fattelo spiegare dal babbo o dal nonno cosa è il sud , per che di sicuro sei figlio o nipote di qualcuno del profondo sud che immigrò negli anni 50/60 .

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 17:46

cari signori "polentoni" vi devo lasciare , la cena è quasi pronta , il pizzaiuolo mi sta sfornando un calzone(che voi sicuramente non sapete cosa è) con ricotta e mozzarella di bufala salame napoletano e pepe , voi cosa mangiate ; polenta con usei (di terra) .

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/03/2017 - 17:48

grazie signori censori , voi siete dei veri padani e mi avete dato una mano a bacchettare i finti patani , grazie ancora e buonanotte .