"Con questi risultati guerriglia continua. Le riforme? Sarà dura"

Il politologo: "Faranno una legge elettorale pasticciata. Sui collegi temo manipolazioni"

Gianfranco Pasquino, professore emerito di Scienza politica all'Università di Bologna e autore di un recente, allarmato studio dall'eloquente titolo Minima moralia. Sei lezioni di democrazia, si è battuto strenuamente per il No.

Professore, partiamo dalle basi: quali sono i suoi timori per la democrazia?

«Temo un Parlamento di cooptati e nominati che non faranno una legge elettorale competitiva, temo ancora le pluricandidature e la mancanza di un voto di preferenza. Temo che non faranno molto di più e che si dedicheranno a una sorta di guerriglia interna perché bene o male M5s di voti ne ha persi e il Pd ha guadagnato peso e cercherà di ridistribuire qualcosa».

Vuol dire che vede le riforme come impossibili?

«La mia impressione è che sarà non dico impossibile ma difficile fare le riforme perché ci sono altre priorità. La priorità vera è preparare i progetti per avere i fondi europei e la seconda priorità è il ricorso al Mes e quindi come spendere i fondi che sono già disponibili, cosa sulla quale i 5stelle invece sono contrari. I problemi sono anche ben altri».

Ovvero le priorità dell'Italia sono economiche? I 5stelle parlano di un taglio agli stipendi dei parlamentari.

«Adesso il taglio degli stipendi dei parlamentari, che sono alti, è più probabile che diventi reale rispetto a prima del referendum, ma rimane un provvedimento demagogico».

L'affluenza è stata inferiore di oltre 10 punti a quella per la riforma Renzi- Boschi del 2016 e un terzo dei votanti si è espresso contro il Sì. Esiste un partito del No?

«Non esiste un partito del No perché sono elettori con preoccupazioni diverse. C'è stato un notevole rimescolamento e qualcuno che nel 2016 ha fatto campagna per il Sì ora si è schierato per il No e viceversa. La partecipazione di poco più del 50% non è comunque un buon segno perché significa che il Sì non ha convinto coloro che hanno un atteggiamento antipolitico e forse anche antiparlamentare e che il No non ha convinto una parte degli elettori a non astenersi».

Quali le ferite alla Costituzione?

«Si squilibra il rapporto tra governo e Parlamento. Il premier e i suoi ministri acquisiranno inevitabilmente più potere. Meno parlamentari avranno enormi difficoltà a far funzionare il Parlamento. I parlamentari che lavorano sanno che bisogna lavorare molto e che se devono controllare il governo, il governo ha molti vantaggi su di loro perché i ministri hanno uno staff politico, magari di 40 persone, che si sono scelti loro, e uno staff burocratico. Ora i parlamentari saranno di meno, con meno informazioni e competenze».

Che futuro si aspetta per la legge elettorale?

«Andrebbe bene il proporzionale alla tedesca ma nella sua interezza, non come lo stanno manipolando in commissione Affari costituzionali. Invece faranno una legge elettorale pasticciata e Renzi, Calenda, Leu non accetteranno mai la soglia di sbarramento del 5%».

La legge del 2019 che ridisegna i collegi è sufficiente?

«No, bisogna ridisegnare i collegi da capo a fondo in modo che siano rappresentativi dello stesso numero di elettori: al massimo con una differenza di 10mila elettori in più o in meno. Altrimenti è una manipolazione».

Teme perdite di rappresentanza per borghi, comunità montane, piccoli territori?

«La rappresentanza non è solo di territori ma degli elettori. Anche chi vive in montagna si candida e viene eletto. Ma chi viene eletto in un collegio deve rappresentare gli interessi degli elettori del collegio e non del potente capopartito che lo ha messo lì. Chi è stato nominato non può».

Con tali squilibri, questo Parlamento può eleggere il Presidente della Repubblica?

«Non trovo preoccupante questo discorso, perché 58 rappresentanti delle regioni, che arrivano da luoghi diversi, con opinioni diverse, non saranno mai un blocco compatto che impone la propria volontà agli altri 600. È questo il Parlamento che elegge il Presidente, non quello ridotto. Dureranno fino al 2023».

Come valuta l'abbassamento a 18 anni dell'età di voto per il Senato?

«Una stupidata pazzesca. Protestano per questo bicameralismo che definiscono - sbagliando - perfetto - e introducono un altro elemento che rende le Camere ancora più eguali. Al contrario, dovrebbero differenziare le Camere nelle competenze».

Chi ha vinto? Ha pesato di più la spinta dei 5stelle, il sì di Zingaretti o il sì di Conte?

«Ha pesato di più che è la riforma dei 5Stelle. Poi che Conte abbia detto di votare sì ha contato perché gode di una popolarità del 60%. Il Pd ha dato l'indicazione per il Sì e quindi può giustamente rivendicare anche lui la vittoria al referendum».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 22/09/2020 - 10:18

purtroppo lo temo anche io, sulle manipolazioni, soprattutto! evidentemente gli italiani non stanno cosi male, e fingono di lamentarsi per dare un tono alla apparenza.... :-)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 22/09/2020 - 10:18

Certo che se la fa la sinistra, cancellando ogni proposta di cdx esce pasticciata, se non un obbrobrio.

Pigi

Mar, 22/09/2020 - 10:39

Per adeguare i lavori parlamentari al ridotto numero, va cambiato l'art. 97, abolendo la riserva di legge, che ora costringe a legiferare su bagattelle. Invece del comma: "I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e l'imparzialità dell'amministrazione..." il nuovo comma: "i pubblici uffici sono gestiti secondo la migliore scienza ed esperienza". Abolendo la riserva di legge il Parlamento si occuperà principalmente di leggi di bilancio e di pubblica sicurezza, cioè cose realmente importanti.

bernardo47

Mar, 22/09/2020 - 11:03

Si pensi allo squilibrio che di crea sulla elezione del Capo dello Stato, dove gli enti territoriali indirettamente acquisiscono più potere nel voto, si pensi alle commissioni che specie al senato dovranno forse essere accorpate con quel che ne consegue, si pensi alla maggiore forza che acquisiscono i governi con un Parlamento mutilato e composto da nominati agli ordini di un capo partito.,,,,,,, e così via....,,una riforma davvero pessima.,,,,e i grillini si sono pure autodecimati! Una masnada di pericolosi cialtroni. Del pd poi, meglio tacere! Votare tre volte contro su quattro, dice tutto!

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mar, 22/09/2020 - 11:06

Ho le stesse preoccupazioni del politologo Pasquino! A parte che la situazione regioni ora è 15 al cdx e 5 al csx, PRIMA di ridurre i parlamentari si sarebbe dovuto promulgare una nuova legge elettorale e sempre PRIMA modificare i regolamenti di camera e senato. Per questo motivo ho detto NO a questo referendum. Temo che la rissa nel governo continuerà sempre più aspra e compromessi al ribasso la faranno da padrona. Questo oltre il fatto che permanere al governo per questi parlamentari sarà l'unico obiettivo prefissato, altrimenti farebbero inc..... il duo Merkel Macron!

Sabino GALLO

Mar, 22/09/2020 - 12:29

Il "Referendum ed il Resto" non hanno semplificato alcunché ! Forse hanno complicato parecchio il "tutto" ! Ed anche un "Qualcuno" del CD ha contribuito! Ed ora bisogna mettere mano alla "legge elettorale"? Coloro che hanno proposto il Referendum ritengono di essere stati i "soli vincitori", gli altri essendo definibili solo "aiutanti" della "Presa di Roma"! Il "Tutto" creerà l'onore storico di aggravare la possibilità di capire il futuro prossimo e lontano della "nostra" ITALIA! Ognuno ne vanta la "proprietà" senza alcun documento di conferma notarile! E dove si trova un Notaio capace di metterlo nero su bianco? Pdr definire alcune situazioni poco chiare si usa, spesso, la parola "casino", senza capire il significato vero di "quel luogo" sereno, serio, aperto a "tutti" ! "Proprio tutti", anche nel rispetto delle leggi della prima Repubblica. E chi, per "modestia", non voleva mostrarsi, veniva accolto in un salottino a parte! Che TEMPI : ora ed allora!

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mar, 22/09/2020 - 13:27

Dica chiaro e tondo che l'italia è oppressa dalla dittatura del partito despota perché tutto il resto sono solo p@lle.

necken

Mar, 22/09/2020 - 13:38

al momento è solo un processo alle intenzioni. Adesso è necessario una nuova legge elettorale che prima l'avrebbero rimandata ora sono costretti a farla