Ruby ter: prosciolti Ghedini, Longo e Ronzulli

Il gip: archiviazione per i due legali di Berlusconi e l'ex eurodeputata

Ruby ter: prosciolti Ghedini, Longo e Ronzulli

Milano - Archiviate le posizioni dei legali di Silvio Berlusconi, Niccolò Ghedini e Piero Longo, dell'esponente di Forza Italia Licia Ronzulli, del padre di Karima El Marough, detta «Ruby» e di altre nove persone che erano indagate nell'ambito del procedimento «Ruby ter». Così ha deciso ieri il gip di Milano Stefania Donadeo, accogliendo la richiesta in questo senso depositata lo scorso luglio dal procuratore aggiunto Pietro Forno e dai pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio. Sembra invece aprirsi la strada del processo per lo stesso Silvio Berlusconi e per altri indagati nel procedimento che nasce dalle presunte false dichiarazioni rese al processo Ruby.

Per quanto riguarda gli storici difensori di Berlusconi, la parlamentare azzurra e il padre di Ruby non si è «giunti all'acquisizione di prove certe», e nemmeno a «indizi univoci e concordanti» in grado di dimostrare «ruolo attivo di concorso in corruzione», ha scritto il gip nel suo decreto di archiviazione.

Ghedini e Longo (difesi dagli avvocati Nadia Alecci e Giulia Buongiorno) erano accusati di corruzione in atti giudiziari e avevano visto stralciare la propria posizione, assieme ad altre, in vista dell'archiviazione lo scorso 30 giugno, quando la Procura aveva chiuso le indagini per Berlusconi e altri indagati. Per l'ex eurodeputata Ronzulli era stata anche valutata l'ipotesi di una richiesta, da parte degli inquirenti, di autorizzazione a procedere al Parlamento europeo per l'accusa di falsa testimonianza. Ipotesi procedurale poi tramontata. Archiviate ieri dal gip anche le posizioni del caposcorta di Berlusconi, Giuseppe Estorelli - accusato di falsa testimonianza - e di Renato Cerioli, ex marito di Licia Ronzulli difeso dal legale Paolo Grasso, di Bruno Archi, ex viceministro degli Esteri, Lorenzo Brunamonti, cameriere di Arcore, Serena Facchineri, ex fidanzata di Luca Risso, che in seguito diventerà il fidanzato (ormai ex) di Ruby, dell'ex sottosegretario ed esponente di Forza Italia Valentino Valentini, di Francesco Magnano, geometra di fiducia di Silvio Berlusconi, di Cinzia Molena, di Antonio Passaro, amico di Ruby. In tutto tredici le persone che escono dal procedimento giudiziario «Ruby ter», che prosegue invece per Silvio Berlusconi, nei cui confronti si ipotizza il reato di corruzione in atti giudiziari, e di altre 31 persone, tra cui la stessa Ruby.

Commenti