Salvini: "Ispettori Onu in Italia? Li porto alla stazione Termini"

Salvini, ospite di Quarta Repubblica, parla del caso Diciotti e degli ispettori che l'Onu vorrebbe inviare in Italia per monitorare il razzismo

"È surreale: gli italiani sono il popolo più accogliente, più ospitale, più generoso, che fanno più volontariato e meno razzista al mondo. Io vorrei evitare che lo diventassero, rimettendo delle regole e dei limiti. Comunque, se l'Onu avrà tempo e denaro da spendere per mandare degli ispettori in Italia a cercare fascisti, razzisti, leghisti o nazisti, li vado a prendere io a Fiumicino - mi metto la camicia bianca e non nera, così non si spaventano - e poi li porto alla stazione Termini alle ore dieci di sera e gli faccio vedere con i loro occhi chi corre dei problemi e chi non corre dei problemi. E purtroppo, a correre spesso dei problemi, sono gli italiani che prendono l'autobus, prendono la metropolitana, prendono il treno". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini a "Quarta Repubblica", in onda questa sera su rete 4 e condotto da Nicola Porro.

Tornando poi sulla vicenda della nave Diciotti, Salvini ha spiegato: "Quel pubblico ministero che mi ha indagato per sequestro di persona mi ha complicato la vita, perché ho dovuto spiegare ai miei due figli che il papà non è un sequestratore di persona, è un papà normale come gli altri. Però mi ha dato tale e tanta forza, perchè quando penso di essere nel giusto nessuno mi può fermare o spaventare. Un atto dovuto? Che Salvini volesse fermare l'immigrazione clandestina era un mistero... L'ho sempre detto sottovoce? Quello che ho fatto, rifarei. Se arriva un altro barcone aiutato da scafisti o gestito da scafisti che vuole portare dei clandestini in Italia, io lo fermo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Gianni11

Lun, 24/09/2018 - 22:53

Questa ingerenza sulla nostra sovranita' non va' accettata. L'Italia decide chi entra e chi non entra nel nostro paese, non l'onu o nessun altro.

Luigi Fassone

Lun, 24/09/2018 - 23:03

Ho ascoltato Salvini,ho apprezzato dalla prima sua parola all'ultima,ho condiviso le sue idee e le sue intenzioni. Si noti bene che in occasione delle ultime elezioni politiche non ho votato per il suo partito.

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Mar, 25/09/2018 - 07:24

Era dall'epoca di Craxi che non si vedeva un capo politico e membro attivo di un governo cosi' carico e deciso. Finalmente si stanno riaccendendo I colori della nostra Bandiera. Salvini vai avanti senza indugi.

Giorgio Mandozzi

Mar, 25/09/2018 - 08:26

Naturalmente sto con Salvini!

gabriella.trasmondi

Mar, 25/09/2018 - 09:21

Salvini siamo tutti con te.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mar, 25/09/2018 - 09:31

Io li porterei alla stazione centrale di Napoli altro che Milano, dove gli amici di de magistris delinquono 24 ore su 24.Ieri sera ho visto Quarta Repubblica in un filmato, capirebbero tutto e subito.

effecal

Mar, 25/09/2018 - 10:06

ispettori onu per loro voglio la scorta di tanti bravi comunistelli.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mar, 25/09/2018 - 10:06

Agli ispettori ONU si deve preparare un tour da far percorrere in anonimato e da soli, senza istituzioni italiane e fanfare al seguito, in treno da nord a sud italia con tappa nelle stazioni di tutte le città più importanti. A fine tour obbligo di ripartenza senza visite ufficiali e picchetti d'onore. Chiaro che a monte c'è qualche pressione fatta dai soliti ignoti, o meglio ignote, anti italiani che sanno come far muovere questi burocrati.

lappola

Mar, 25/09/2018 - 13:38

Certo, portali alla stazione termini e poi spingili su un vagone bestiame, sigilla le porte dall'esterno. Dove vanno vanno ...

apostrofo

Mar, 25/09/2018 - 22:38

Meno male, cosi si rendono conto dei reati che compiono gli immigrati ogni giorno ai danni degli italiani che li hanno accolti per tanti anni