Salvini ora chiarisce: "L'appoggio di Berlusconi è prezioso"

Il leader della Lega aveva respinto il ruolo di primo piano di Forza Italia, ma ora precisa: "La presenza del Cav a livello europeo per me è motivo di orgoglio"

Prima la dura precisazione e poi la quieta puntualizzazione. La giornata per il centrodestra non è iniziata nel migliore dei modi, con Matteo Salvini che ha trattato in maniera del tutto superficiale l'importanza e il sostegno di Forza Italia in Europa. Tutto è partito da un'intervista rilasciata da Silvio Berlusconi al Corriere della Sera, a cui ha ribadito il cruciale ruolo ricoperto dai forzisti: "Se il centrodestra vincesse le elezioni noi, in quanto membri autorevoli del Ppe, la più grande famiglia politica europea, avremo una funzione fondamentale per evitare l'isolamento del nostro Paese".

Secca è stata la replica da parte del leader della Lega: "Lo ringrazio per la premura, ma non abbiamo bisogno di garanti, rappresentiamo un terzo del popolo italiano che chiede solo sicurezza, tutela della bellezza e dell'ambiente. Ci garantiamo da soli". L'ex ministro dell'Interno aveva anche sottolineato a gran voce: "L'Europa dalla Lega non ha nulla da temere, anzi: chi sta affossando il sogno europeo sono gli ideatori dei trattati come il Mes che poi portano al rigetto delle proposte europee".

"Motivo di orgoglio"

Dopo l'affondo, il segretario federale del Carroccio ha fatto un passo indietro e - diramando una nota ufficiale - ha tenuto a precisare la propria posizione: "La presenza, l'esperienza e l'appoggio di Silvio Berlusconi a livello europeo è per me motivo di orgoglio, è speranza di cambiamento di questa Unione che ha smarrito anima e visione".

Il sostegno rimarcato dal Cav trova fondamenta molto solide: stando agli ultimi sondaggi Index per Piazza Pulita, il centrodestra è davvero a un passo dal raggiungimento della soglia del 50%. Il primo partito del Paese resta la Lega, che si attesta al 32,8%. Prosegue la crescita di Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni, che guadagna 2 punti percentuali e raggiunge quota 9.3%. Dati positivi che confermano il trend buono anche per Forza Italia, che incrementa le preferenze dello 0,1% e si porta al 6,6%.

Fondamentale sarà anche l'apporto da parte di Cambiamo! di Giovanni Toti: la compagine del governatore della Regione Liguria al momento è data all'1% circa e potrebbe risultare un partner strategico per arrivare alla maggioranza assoluta. Le preferenze a vantaggio del centrodestra sono comunque destinate a incrementare ogni giorno di più: da sottolineare infatti che sono in crescita anche le leadership nei confronti di Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

stefi84

Ven, 29/11/2019 - 23:03

Direi fondamentale.

cir

Ven, 29/11/2019 - 23:13

salvini , maledetto traditore !

Luigi Farinelli

Ven, 29/11/2019 - 23:14

Spero che Toti non si dia la zappa sui piedi cominciando ad aprire (come sembra di aver sentito su uno dei suoi ultimi interventi) alla "lotta ai cambiamenti climatici". A "lottare" contro i cambiamenti climatici lasciamo gli pseudo-scienziati (quelli di Al Gore), gli scianziati a libro paga del pensiero unico e gli ecologisti gretini. A lottare (razionalmente) contro l'inquinamento, lasciamo invece gli scienziati veri (vd. firma di 500 di loro in Europa e 92 solo in Italia), quelli non prostituitisi alla globalizzazione mercantilista e quelli che le ideologie le combattono in quanto non hanno nulla a che fare col metodo scientifico galileiano.

VittorioMar

Ven, 29/11/2019 - 23:33

..a volte servono anche le "PIETOSE BUGIE"...!!

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 30/11/2019 - 00:08

Sarebbe gradita una presa di posizione più netta da parte del nostro beneamato "garante" sulla questione del fondo salva-stati e sulle improvvide iniziative. Finora li abbiamo sentiti molto, troppo tiepidi su questo argomento. Non avranno mica paura di contrariare qualche "frau" teutonica?

Gianni11

Sab, 30/11/2019 - 01:50

Tutto benissimo ma grazie a mattarella i sinistroidi stanno al potere. Se le posizioni invece fossero l'inverso con i sinistroidi al posto del CDX, mattarella dichiarerebbe elezioni subito. E' come una partita con l'arbitro venduto da una parte. La squadra con l'arbitro dalla loro vince anche se l'altra squadra domina il gioco. La differenza e' che in politica ci si puo' ribellare e prendere il potere quando le elezioni sono negate. Sarebbe legittimo.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 30/11/2019 - 04:41

Mi sembra giusto.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 30/11/2019 - 08:19

Salvini è inaffidabile una volta dice una cosa, una volta l'altra, molto meglio la Meloni, se non altro è più coerente. Se il centro destra pensa di vincere le elezioni con il "pregiudicato di Arcore" credo sbaglino misura. Serve il coraggio di liberarsi degli indecenti a tutto campo altrimenti sarete trascinati a fondo.

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Sab, 30/11/2019 - 08:23

OK al socio B., ma che non s'allarghi oltre il valore della sua quota altrimenti rovina tutto.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 30/11/2019 - 08:23

Anche Salvini ha scoperto l'America! Sono con lui, ma voterò Meloni, per ragioni personali. Ma Silvio, che ho votato ripetutamente negli anni passati, é fondamentale per andare avanti con un centro destra forte, contro i comunisti dei fatti loro ed i grillini, maestri nell'ignoranza.

mcm3

Sab, 30/11/2019 - 09:53

Salvini conferma che Forza Italia non ha nessun ruolo, nessun peso nel Centrodestra, in Europa Salvini e'diventato fan del PPE, ha capito che gli chiudono tutte le porte, si affida a Berlusconi ed ai successi garantiti da Tajani

ex d.c.

Sab, 30/11/2019 - 14:51

Contiamo su Verdini, l'unico che può tenete sotto controllo Salvini, preda della sua irruenza e della sua scarsa capacità politica.