Sassoli ricoverato dal 26 dicembre: impegni istituzionali cancellati

Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli è ricoverato in Italia dallo scorso 26 gennaio. Arriva la comunicazione ufficiale

Sassoli ricoverato dal 26 dicembre: impegni istituzionali cancellati

Il presidente del Parlamento europeo ed esponente del Partito Democratico Davide Sassoli è stato ricoverato in Italia dal giorno di Santo Stefano, ossia dallo scorso 26 dicembre. La comunicazione ufficiale è arrivata per mezzo di una nota stampa del portavoce ufficiale del vertice istituzionale dell'Unione europea Roberto Cuillo.

La motivazione della cancellazione di tutti gli appuntamenti previsti in agenda, stando a quanto ripercorso dall'Adnkronos, che ha reso noto quanto comunicato a microfoni aperti da Cuillo, attiene alle condizioni di salute di Sassoli: "Il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli - si legge sulla fonte sopracitata - dal 26 dicembre è ricoverato in una struttura ospedaliera in Italia. Tale ricovero - viene specificato - si è reso necessario per il sopraggiungere di una grave complicanza dovuta ad una disfunzione del sistema immunitario. Per questo ogni attività ufficiale del presidente del Parlamento europeo è cancellata".

Il presidente del Parlamento europeo svolge un ruolo chiave ma il politico italiano può contare comunque su ben quattordici vicepresidenti in grado di presiedere l'Aula in sua assenza. E lo stesso discorso vale per le competenze di rappresentanza che Sassoli svolge in sede europea ma anche a livello internazionali. Tra i vice in grado di sostituire temporaneamente Sassoli, peraltro, c'è anche l'europarlamentare Fabio Massimo Castaldo, che è stato eletto con il MoVimento 5 Stelle presso le sedi parlamentari di Strasburgo e Bruxelles.

Di David Sassoli, nel corso di queste settimane, si era parlato pure in funzione della presidenza della Repubblica. Spesso, quando si è trattato sul piano giornalistico quale nome potesse pescare il segretario dei Dem Enrico Letta per compattare il cosiddetto "campo largo", è stato fatto, tra gli altri, anche il nome del giornalista ed ex conduttore televisivo.

Nel corso della mattinata odierna, come sottolineato dall'agenzia Agi, il presidente del Parlamento europeo aveva espresso il proprio "cordoglio" per la morte di Silvia Tortora, primogenita di Enzo Tortora e sorella di Gaia, che è il vicedirettore del Tg La7. "Il mio cordoglio per la prematura scomparsa di Silvia Tortora. Una vita spesa per il garantismo, per la memoria del padre Enzo, vittima di malagiustizia, per un Paese più maturo e più civile", ha dichiarato il politico dem.

Commenti