Schulz torna a sparare sull'Italia: "Zero fiducia in Salvini e Di Maio"

Dopo la batosta della Spd in Baviera, Schulz attacca Salvini e Di Maio: "Non sono loro a pagare il conto, ma gli italiani"

Schulz torna a sparare sull'Italia: "Zero fiducia in Salvini e Di Maio"

"La stragrande maggioranza degli europei è a favore dell'Europa. Il problema è che i suoi nemici dominano il dibattito. Dobbiamo tornare a emozionare con l'Europa". Dopo la batosta in Baviera per il Partito socialdemocratico tedesco (Spd), Martin Schulz torna a sparare contro l'Italia e ad attaccare a testa bassa i partiti sovranisti. "Mi fido zero di Salvini e Di Maio - attacca in una intervista a Repubblica - i mercati guardano solo alla sicurezza dei loro soldi. E se c'è l'impressione che Luigi Di Maio e Matteo Salvini non siano affidabili, non sono loro a pagare il conto, ma gli italiani".

Dmenica sera, non appena è stato chiaro che dalle urne bavaresi era uscita una sonora batosta per il partito della cancelliera Angela Merkel e per i socialdemocratici tedeschi di Schulz, Matteo Salvini si è attaccato alla tastiera e ha twittato: "In Baviera ha vinto il cambiamento e ha perso l'Unione Europea, il vecchio sistema che malgoverna da sempre a Bruxelles. Sconfitta storica per democristiani e socialisti, mentre entrano in tanti, e per la prima volta nel Parlamento Regionale, gli amici di Alternative für Deutschland (Afd) - ha scritto, infine, il leader leghista - arrivederci Merkel, Schulz e Juncker". Un cinguettio indigesto per la Merke e per Schulz che da tempo non se la passano bene in termini di consensi. L'ex Spitzenkandidat della Spd, però, prova a minimizzare la débâcle invitando i colleghi di partito a "tornare a parlarte di contenuti".

Nonostante i guai di casa propria, però, Schulz torna ancora una volta a mettere becco negli affari italiani. A partire dalla manovra economica appena licenziata dal governo gialloverde. "Più deficit per gli investimenti: lo posso accettare - spiega a Repubblica - o il piano di Tria di ridurre il deficit nei prossimi anni. Ma mi fido zero di Salvini e Di Maio". E li accusa di aver partorito una legge di Bilancio che espone il Belpaese alle scorribande degli speculatori sui mercati azionari e di farne pagare il conto agli italiani. "La stragrande maggioranza degli europei è a favore dell' Europa - conclude, quindi, Schulz - il problema è che i suoi nemici dominano il dibattito".

E ora arriva anche la risposta del vice premier Salvini: "Ancora lezioni dai falliti di Berlino? Non li ascoltano più neanche i tedeschi".

Commenti