Scontro De Girolamo-sindacalista: "Dov'eravate in questi anni?", "Alzi il c... e scenda in Calabria”

Il diverbio è andato in scena durante la puntata de Non è l’arena. Si stava parlando dell’emergenza coronavirus che rischia di spostarsi al Sud

Scontro infuocato tra Nunzia De Girolamo e Nuccio Azzarà, segretario Uil di Reggio Calabria. Il diverbio è andato in scena ieri sera durante la puntata de Non è l’arena condotta da Massimo Giletti.

Naturalmente si parla di coronavirus, in particolare dell’emergenza che rischi di spostarsi nell’Italia meridionale. L’ex deputata di Forza Italia ha puntato il dito contro la situazione sanitaria in Calabria e in generale nel Meridione. “Voi in questi anni dove eravate quando la sanità veniva commissariata? Perché non vi siete indignati?”. A questo punto Azzarà si è infervorato e ha replicato duramente. “Ma che cosa sta dicendo? Lei non sa cosa abbiamo fatto in Calabria, alzi il c*** e scenda in Calabria”.

Poi l’ex ministro delle Politiche agricole ha voluto ricordare anche gli aspetti positivi del Sud come ad esempio i 550 operatori sanitari calabresi pronti a partire per la Lombardia ad aiutare i colleghi negli ospedali per sconfiggere questa epidemia.

In precedenza, il sindacalista aveva detto a Giletti “che abbiamo perso una settimana di vantaggio che avremmo potuto dedicare a moltissime cose”. Azzarà ha aggiunto che dopo 7 giorni “la situazione è ancora più scabrosa. Abbiamo 200 operatori, che sono la task force sul territorio rappresentata dal 118, che domattina rischia di paralizzarsi completamente". E ha spiegato che si tratta di operarori, "ai quali non è stato fatto alcun tipo di tampone e che stanno andando avanti con le mascherine di nonna Giovanna e di nonna Caterina”. Azzarà ha usato questi termini per dire che “si sono dovuti fermare perché mancano loro i presidi fondamentali di sicurezza per poter operare sul territorio”.

Sperimentazione farmaco in Calabria

Intanto la Calabria è la prima regione in Italia ad aver chiesto e ottenuto di utilizzare il Ruxolitinib per il trattamento di pazienti colpiti da coronavirus. Attualmente il farmaco viene usato in ematologia per le sindromi mieloproliferative croniche, un gruppo di patologie del midollo osseo caratterizzate dalla produzione di quantità eccessiva di uno o più tipi di cellule ematiche nel midollo osseo. Lo ha reso noto dipartimento Tutela della salute della Regione.

La terapia sperimentale è partita il 27 marzo ed è stata autorizzata dal comitato etico regionale e al momento vede interessati 3 pazienti ricoverati al reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Cosenza. Le notizie sembrano incoraggianti perchè per tutti e tre i pazienti "si è notato un miglioramento clinico".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di adoroilmare

adoroilmare

Lun, 30/03/2020 - 11:54

MA NON CAPISCO PERCHE' GILETTI LA INVITA SEMPRE . APRE BOCCA SOLO PER DIRE BANALITA' .. UN ALTRA CHE NON HA MAI FATTO UN TUBO NELLA SUA VITA CON IL MARITO CHE PRENDE PER I FONDELLI PER LE MASCHERINE ... MA ANDIAMO!!!! BASTA FINIRA' ANCHE QUESTO BASTA .. QUESTA POI NON HA MAI FATTO NIENTE DICO NIENTE DI BUONO ... CHE PARLA A FARE ????

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 30/03/2020 - 12:00

Dovrebbero chiedere ai cittadini se la Gestione Sanitaria in Calabria e nel meridione in generale è efficiente e affidabile, io non credo o almeno la cronaca degli ultimi anni e i meridionali che vengono a curasi nel centroNord la smentiscono. Perfino striscia la notizia ne ha fatte vedere di tutti i colori.

VittorioMar

Lun, 30/03/2020 - 12:05

..con la stessa "GRAZIA" e "BONOMIA" dovrebbe REDARGUIRE suo marito....ma devo dare ragione alla Sig.ra NUNZIA...

prigione_europea

Lun, 30/03/2020 - 12:06

non mi degno nemmeno di vedere il video, ma quando lo chiudono sto programma?

pilandi

Lun, 30/03/2020 - 12:15

Ma non era a "ballando sotto le stelle"? Quello é il suo posto.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 30/03/2020 - 12:17

il motto è sempre valido:sindacalisti...se li conosci li eviti!!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 30/03/2020 - 12:57

Un colloquio brillante, ma un po’ troppo volgare. Ognuno aveva le sue ragioni. Del resto anche noi le abbiamo.

kallen1

Lun, 30/03/2020 - 13:54

Lei e il marito quando parlano mi sembrano i fratelli De Rege....solo che non fanno ridere anzi.....

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 30/03/2020 - 14:14

Al nord arrivano medici da ogni dove: Cina, Russia, Albania (si può sapere perché?), Calabria e chissà da dove ancora, i 300 della task force di Conte, i 500 infermieri, sempre della task force di Conte...vuoi vedere che la sanità si ingolfa perché ci sono più operatori sanitari che pazienti?

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 30/03/2020 - 14:24

Ne' l'uno ne' l'altra meritavano di essere invitati.

Kamen

Lun, 30/03/2020 - 14:36

Ma se il marito utilizza la mascherina come orecchino lei,forse,la utilizza come reggiseno?

gjallahorn

Lun, 30/03/2020 - 14:52

Premettiamo che De Girolamo è di Forza Italia, moglie del Ministro Boccia, PD master alla Bocconi, la polemica è completamente decontestualizzata, le domande potrebbe farle al marito, visto che il Pd è stato al governo per sette anni e in Regione Calabria ci aveva fatto le radici. Il concetto che sfugge alla de Girolamo è che c' erano 500 infermieri, molti precari, assunti in nero, che hanno trovato una soluzione lavorativa e mi sembra oltretutto degno di nota, perché rinunciano alle mance di Stato e si accollano dei rischi non indifferenti, dal momento che la sanità calabra, mal rappresentata dal solito sindacalista, non pensa ai suoi concittadini. Comunque i rischi sottesi dal sindacalista sono quelli delle infiltrazioni mafiose, ma De Girolamo...toc..toc.. ci sei?

ortensia

Lun, 30/03/2020 - 14:56

O invita la de girolamo o la moretti. Costretti a stare in casa non ci resta che cambiare canale.

cir

Lun, 30/03/2020 - 15:39

di demenziale c'e' Giletti , vale poco e serva a nulla .

blackbird

Lun, 30/03/2020 - 15:41

@ kallen1: Anche a me!

apostata

Lun, 30/03/2020 - 15:48

i sindacati non hanno mai rappresentato i lavoratori italiani

sparviero51

Lun, 30/03/2020 - 15:59

TUTTI E DUE IN ESILIO CON FAMIGLIE AL SEGUITO !!!!!!!!

WSINGSING

Lun, 30/03/2020 - 17:37

Finalmente un risposta giusta alla deputata soubrette che non perde occasione di comparire in TV. Moglie dell'On.le Francesco Boccia, ricordatevelo.

dredd

Lun, 30/03/2020 - 17:55

Il sindacalista è un vero signore. Un piccolo lord

Fjr

Lun, 30/03/2020 - 17:58

Il sindaco De Luca inizia a fare proseliti linguisticamente parlando

zuma56

Lun, 30/03/2020 - 18:10

Un consiglio a chi come me non sopporta Nunzia; ogni volta che ci incappate cambiate canale. Alla fine qualcuno chiederà conto ai vari Gilletti della sua presenza.

Epietro

Lun, 30/03/2020 - 18:39

Due specialisti nel buon governo: De Girolamo e Boccia. C'é il Corona virus, allora non tediateci in continuazione e lasciateci almeno morire in pace. Son d'accordo con zuma56.

Nick2

Lun, 30/03/2020 - 19:09

Non sono quasi mai d'accordo con lei, ma a ma la Nunzia fa sangue...