Sea Watch, il Pd vuole denunciare Salvini. Il ministro: "Io non mollo"

Il Pd mette nel mirino ancora una volta Matteo Salvini. Il Viminale di fatto per il momento tira dritto e ha deciso che il porto di Siracusa resta chiuso per lo sbarco dei 47 migranti

Sea Watch, il Pd vuole denunciare Salvini. Il ministro: "Io non mollo"

Il Pd mette nel mirino ancora una volta Matteo Salvini. Il Viminale di fatto per il momento tira dritto e ha deciso che il porto di Siracusa resta chiuso per lo sbarco dei 47 migranti. Ma adesso dopo la sfilta dem a Siracusa, il Partito Democratico alza il tiro e come annunciato dal deputato dem, Davide Faraone, sul tavolo del procuratore di Siracusa potrebbe arrivare un esposto. Una denuncia contro Salvini perché sta "reiterando il reato di sequestro di persona commesso già nel caso Diciotti". Un affondo da parte dei democratici che potrebbe avere anche pesanti conseguenze sul piano politico. Il titolare del Viminale ha immediatamente risposto ai dem: "Al Pd, il cui coordinatore siciliano vuole portarmi in tribunale, rispondiamo col sorriso: a sinistra non hanno niente di meglio da fare che affittare gommoni per solidarizzare con i clandestini e denunciare il ministro dell’Interno. Io non mollo".

E in questo quadro il Pd si sta "organizzando" anche per la richiesta dell'autorizzazione a procedere da parte del tribunale dei ministri sul caso Diciotti contro Salvini. Proprio in queste ore a palazzo Madama si sono riuniti con il presidente Andrea Marcucci, i 4 componenti dem della Giunta per le elezioni, il capogruppo Francesco Bonifazi, ed i senatori Anna Rossomando, Nadia Ginetti e Giuseppe Cucca. Dalla riunione dem, emerge la necessità di seguire l'iter della richiesta in Giunta e di approfondire la questione, da tutti i punti di vista. I senatori hanno altresì giudicato seria e ben documentata la richiesta del Tribunale dei ministri. Insomma adesso i dem vogliono lo scontro aperto con la Lega e con Salvini.

Commenti