Il segnale di Mattarella a sorpresa nel Bresciano: se la politica sembra assente, lo Stato invece c'è

La visita in Franciacorta, dove era stata rubata la croce in onore dei morti per il Covid. L'ennesimo appello ai partiti: "Mettere da parte le partigianerie"

Poi, certo, le parole pesano. «Ricordare i nostri morti è un dovere - dice - che va affiancato dal dovere della responsabilità. Dobbiamo proseguire l'impegno mettendo da parte partigianerie ed egoismi». Ma stavolta forse conta più il gesto, la visita improvvisa, il presentarsi con i corazzieri alle dieci del mattino nel cimitero di Castegnato, in Franciacorta, lì dove il 9 settembre era stata rubata la croce in onore dei caduti di Covid, deporre una corona, piegare la testa, parlare con la gente. Il presidente della Repubblica nell'epicentro bresciano del contagio: 2.750 vittime nella provincia, 25 solo nel paese. Un messaggio forte. Se la politica sembra assente, se il governo appare lontano, ecco Sergio Mattarella che vuol far vedere che lo Stato, fisicamente, c'è. Dovrebbe lavorare «insieme», però questo è un altro discorso.

«Pensavo che fosse uno scherzo per Halloween - racconta il sindaco Gianluca Cominassi - Quando ieri sera mi hanno telefonato per avvisarmi, non ci volevo credere». Invece è vero. Il capo dello Stato, «molto colpito» dalla storia del monumento vandalizzato, ha deciso d'impulso e ha fatto modificare la sua agenda. Il volo, l'arrivo alle 10,15, la scorta ridotta, qualche minuto di raccoglimento, due parole con i parenti, l'incontro con sindaco e consiglieri comunali davanti al camposanto, gli applausi finali. «In questi giorni dedicati al loro ricordo - dice Mattarella - sono venuto qui per rivolgere il pensiero a tutti i defunti e, tra loro, alle vittime di Coronavirus, ai tanti morti in solitudine. E ho scelto di farlo in questo cimitero dove è avvenuto il furto ignobile della croce posta a memoria della pandemia».

Una brutta vicenda che lo ha davvero turbato. La croce, un bronzo di un metro e sessanta per 90 centimetri, opera dell'artista Ettore Calvelli, era stata donata tre anni fa da una benefattrice alla parrocchia di Castegnato e da qualche mese impreziosiva la stele che raffigura le stazioni della Via Crucis. «Abbraccia quanti, nell'ultima ora, non abbiamo potuto confortare e anche noi, perché possiamo ritrovare consolazione e speranza», questa la scritta sulla lapide. «Non so se il Covid ci ha reso migliori», commenta il sindaco dopo il furto.

Il presidente era atteso a Brescia giovedì scorso, per l'inaugurazione dell'anno accademico e la cerimonia del ritorno della statua romana della Vittoria Alata. Impegno cancellato per motivi di sicurezza: il Covid è entrato pure nel Quirinale. Ma questa visita non voleva mancarla, per due motivi. Primo, per ricordare i morti per il virus da uno dei luoghi simboli della tragedia nazionale. Secondo, per richiamare chi deve decidere a muoversi e a smetterla di perdere tempo e scontrarsi. «Abbiamo il dovere della responsabilità, di continuare nel lavoro per contrastare e sconfiggere una malattia così grave». E bisogna farlo, aggiunge, cominciando una buona volta a fare squadra, abbandonando «partigianerie, protagonismi ed egoismi, unendo gli sforzi di tutti». Ciascuno di noi, maggioranza o opposizione, governo centrale o regionale, «quale che sia il suo ruolo e quali che siano le sue convinzioni», deve darsi da fare «nell'obbiettivo comune di difendere la salute delle persone e di assicurare la ripresa del nostro Paese». Il lockdown è alle porte, ci vorrebbe un'intesa nazionale. Invece a Roma si litiga ancora.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

vinvince

Lun, 02/11/2020 - 10:08

Caro Presidente, andava detto anni fa e soprattutto non andava promosso questo governo : troppo tardi !!!

Duka

Lun, 02/11/2020 - 10:10

Bisogna svegliarsi prima che i buoi siano usciti dalla stalla. E ancor meglio è metterci sempre quelli di razza.

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 02/11/2020 - 10:58

segnali di Mattarella? erano più chiari i segnali di fumo dei pellerossa!

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 02/11/2020 - 11:10

400 clandestini ancora sbarcati a Lampedusa in 24 ore e lui va a dare segnali ..... si dimetta, sarebbe il più bel segnale per l'Italia !!!!!

ziobeppe1951

Lun, 02/11/2020 - 11:34

moshe..hai perfettamente ragione

pasquino38

Lun, 02/11/2020 - 11:59

Un pò tardino, nO?, Sig. Presidente!

cgf

Lun, 02/11/2020 - 12:06

Per la serie… dove eravamo rimasti?

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 02/11/2020 - 12:30

L'opposizione deve darsi da fare. Si, portando alla Camera e al Senato autobotti di solvente per sciogliere la colla dalle poltrone del governo.

Savoiardo

Lun, 02/11/2020 - 12:42

Ipocrisia al quadrato

agosvac

Lun, 02/11/2020 - 12:55

Forse invece di "lanciare" segnali dovrebbe agire a favore dell'Italia e di quei pochi italiani che ancora credono in lui.

carpa1

Lun, 02/11/2020 - 13:08

"Il segnale di Mattarella ...": a quando un bel segnale in quel di Lampedusa, magari in concomitanza dello sbarco di altri 400 clandestini in un sol giorno? "... Sergio Mattarella che vuol far vedere che lo Stato, fisicamente, c'è...": ce lo faccia vedere quando avranno preso coloro che hanno "sfregiato" il ricordo col furto di "qualche Kg di bronzo" (per i ladri delinquenti e, ovviamente anche per i loro ricettatori) e come verranno puniti se "secondo le leggi uguali per tutti" oppure "secondo le interpretazioni ormai usuali da parte di certa magistratura". A proposito di legge uguale per tutti, come è finita l'idea di liberare 5.000 detenuti affinchè si vadano a prendere il virus comodamente a casa anzichè in carcere, come dovrebbe essere?