La sfida è difendere Milano. Ma in troppi violano i divieti

Il sindaco Sala: "Il virus non sta sfondando". In un giorno 317 denunce. Polemica per i pochi mezzi pubblici (affollati)

La parola d'ordine è difendere Milano. I positivi al Coronavirus sono saliti ieri a quota 813, un aumento di 102 in un giorno. «Dovremmo cercare di contenere il problema Milano ed essere preparati a fronteggiare la battaglia visti i focolai che appaiono sempre più evidenti» ha avvertito il primario del reparto di Malattie infettive dell'Ospedale Sacco Massimo Galli. Usando sempre il gergo militare, il sindaco Beppe Sala in un video su Facebook ha premesso che il virus «non sta sfondando», ed è «fondamentale che non sfondi, altrimenti il sistema sanitario sarebbe messo veramente in crisi. Noi non sappiamo quanti in effetti sono i veri contagiati, ma sappiamo che gli asintomatici sono altrettanto contagiosi, quindi continuiamo a rispettare le regole». É l'appello a una città vibrante che si sente in gabbia, e cerca (troppo) spesso di evadere. Il Comune ha chiuso i parchi recintati ma tanta gente domenica si è ancora riversata in quelli senza barriere, nel pomeriggio è stato necessario chiudere la fermata della metropolitana Tre Torri, sotto i grattacieli di Citylife circondati dal verde, per evitare assembramenti. E proteste si sono scatenate ieri sui social per i mezzi pubblici affollati nel primo giorno con il servizio ridotto del 40% in seguito ai decreti anti-contagio di governo e Regione Lombardia. Nelle ore di punta, soprattutto tra le 6 e le 8 del mattino, sulla linea rossa del metrò e sul filobus 90/91 che circonda il centro, i vagoni erano «affollati come carri di bestiame» per citare uno dei tanti commenti dei pendolari infuriati. «A cosa serve fare le file per non ammassarsi nei supermercati se poi fanno stipare la gente sui sociali» o «mezzi ridotti quindi strapieni, diamo una mano alla diffusione del virus» un paio dei commenti al vetriolo pescati a caso su Twitter. L'azienda dei trasporti ha parametrato il servizio attenendosi al decreto e a un calo del 90% dei passeggeri rispetto a un giorno pre emergenza. I controlli, sostengono Lega e Forza Italia, andrebbero fatti a monte, ossia prima dei tornelli per valutare se gli spostamenti sono motivati da «necessità lavorative o sanitarie» e contingentando gli accessi. In giornata il Comune ha ridotto il taglio: salirà dal 60 al 75% del servizio di un normale giorno feriale». Ma «non finiremo mai di ripetere di spostarsi solo se strettamente necessario». Atm controllerà l'accesso ai tornelli «con eventuale chiusura a intervalli temporanei».

Convincere i milanesi a chiudersi in casa. Sala cita il brano di Albano e Romina per ammettere che ieri era un lunedì da «nostalgia canaglia, della normalità, della fatica di quei lunedì in cui andavamo tutti al lavoro. Anche l'incertezza sui tempi è faticosa ma dobbiamo attenerci alle regole, domenica ancora in tanti erano in giro, molti mi scrivevano lamentandosi». Un appello a «rispettare rigorosamente le misure» ribadito dal governatore Attilio Fontana: «Purtroppo il virus gira e ha girato nelle scorse settimane per quei comportamenti da evitare che in tanti hanno tenuto. Se continueremo questa sorta di isolamento la cosa si risolverà. Abbiamo ancora 4-5 giorni di tempo prima che si vedano i risultati di queste misure».

Le forze dell'ordine tra domenica e lunedì notte ha denunciato 317 persone perché non rispettavano le misure di contenimento, sabato anche il gestore e due persone in un circolo frequentato da ultras dell'Inter che doveva rimanere chiuso. E sono indagati 7 afghani e un pakistano che si sono dati appuntamento a Quarto Oggiaro per un regolamento di conti con catene e coltelli, un «assembramento» più numeroso ma con l'arrivo delle volanti diversi sono fuggiti. Come mostrano video dei residenti, la maggior parte indossava almeno la mascherina.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Mar, 17/03/2020 - 10:18

Ennesima incapacità gestionale, gli ingressi vanno contingentati, ed ennesima dimostrazione di ignoranza da parte di certi cittadini.... se é pieno prendete quello dopo..

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 17/03/2020 - 10:20

Dalla foto si evince che molti indossano,almeno,la mascherina. Ma sarà omologata antivirus,oppure riutilizzata,oppure ancora comprata su Amazon,in offerta speciale direttamente dalla Cina?

Ritratto di Skapestrato

Skapestrato

Mar, 17/03/2020 - 10:29

Ed è così che cerchi di contenere il virus a Milano ? riducendo le corse dei mezzi ? Anche un bambino dell'asilo sa che così si aumenta solo la densità di persone sui mezzi in barba alla distanza di sicurezza. Criminali al governo

Happy1937

Mar, 17/03/2020 - 10:35

La Madre degli imbecilli è sempre in cinta. Se hai assolutamente bisogno di muoverti e sei giovane usa la bicicletta, mai il Metro`. Se sei vecchio fatti aiutare da qualche giovane e resta a casa.

maurizio-macold

Mar, 17/03/2020 - 10:37

Nella Milano da bere i deficienti non mancano. Tutto il mondo e' paese, siamo un popolo che non rispetta le regole, neanche quelle dettate dal buon senso.

APPARENZINGANNA

Mar, 17/03/2020 - 10:41

Ma certe persone si credono di essere più furbe e al di sopra del virus? Non è che è a causa di ciò che esso si diffonde di più in certe zone? Del resto Sala era quello che diceva di frequentare i ristoranti cinesi quando i cinesi andavano liberamente avanti e indietro dalla Cina, dove c'era già l'epidemia...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 17/03/2020 - 10:59

@Happy1937 - Bravo, sottoscrivo, come sempre.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Mar, 17/03/2020 - 11:01

Comodo parlare per chi non deve andare a lavorare, magari dipendente pubblico o con reddito di cittadinanza

GUARDACOMEDONDOLI

Mar, 17/03/2020 - 11:19

E' DISARMANTE VEDERE TANTE "BESTIE AL MACELLO" TUTTE INSIEME. CARNE DA CANNONE E IN TRINCEA. CHI (ES I SINDACI) COMANDA NON FA LE ORDINANZE CHIARE E SENZA AMBIGUITA' E QUINDI LE AZIENDDE E LE STRUTTURE PRODUTTIVE (DITTE, NEGOZI, SOCIETA DI SERVIZI, PROFESSIONISTI, ECC ECC ) CHE NON SONO STATE COSTRETTE A CHIUDERE CONTINUANO A FAVORIRE IL CONTAGIO. IL BLOCCO ALL'ITALIANA, PER INTENDERCI : UN PO' SI CHIUDE, FORSE NO, NON TUTTI. AD OGNI MODO, CON LA PROSPETTIVA DI PERDERE IL LAVORO ANCHE IO ANDREI A LAVORARE, PER PORTARE IL PANE A CASA.

Ritratto di diplomatico

diplomatico

Mar, 17/03/2020 - 11:22

La mia città sarà il prossimo campo di battaglia. Così come Codogno e Lodi sono state il focolaio silente per settimane, tra poco lo diventerà anche Milano, che con quasi 2 milioni di abitanti e decine di migliaia di persone contagiate ma NON sintomatiche si appresta a diventare una bomba sanitaria, sociale ed economica a scoppio ritardato. L'inetto e sbruffone sindaco Sala, perfetto esempio di idiozia sinistra, NON ha fermato i mezzi pubblici, NON ha chiuso i parchi, NON ha imposto l'accesso ai supermercati solo a chi indossa mascherine, ecc. In pratica, da tutore della salute pubblica, NON ha fatto ciò che avrebbe dovuto: chiudere al 100% la città. Adesso ne pagheremo le conseguenze.

spiderbatbug

Mar, 17/03/2020 - 11:42

Da quando è iniziata questa emergenza nessuna autorità, centrale o locale, ha avuto il coraggio di esprimere una verità lapalissiana, ossia che i mezzi pubblici, appena iniziano ad affollarsi (ossia, quasi sempre), sono il luogo ideale per la trasmissione del virus, visto che ogni viaggiatore, su un percorso medio, viene toccato e respira l'aria appena espirata almeno da una ventina di sconosciuti. Purtroppo i nostri governanti/amministratori politicamentecorretti e collettivisti sanno dare sempre un solo consiglio: "lasciate a casa l'auto"; mai si sognerebbero di dare quello contrario.

jaguar

Mar, 17/03/2020 - 12:04

Milano non si ferma, questo si predicava qualche giorno fa, o hanno già cambiato idea?

Edmond Dantes

Mar, 17/03/2020 - 12:05

Sala, dopo le multe il nulla, solo canzonette.

Mefisto

Mar, 17/03/2020 - 12:29

Ma perchè c...o non chiudono la metropolitana ???