Il sogno azzurro per Milano 2021: Forza Italia pensa a Veronesi jr

Il nome del medico è tra i possibili candidati al dopo-Sala. Berlusconi: con Lega e FdI sarà intesa totale sulla scelta

Era partita come una riunione sulla situazione di una regione, la Lombardia, stretta nella morsa di un lockdown progressivo. C'erano tutti i vertici azzurri che operano su Milano e al Pirellone collegati via telematica con Berlusconi e con gli altri membri del Coordinamento nazionale e ovviamente con Massimiliano Salini, coordinatore azzurro per la Lombardia. Si è parlato, però, anche delle prossime amministrative e dai dirigenti locali è arrivata una richiesta ben precisa al presidente azzurro: Forza Italia deve proporre un candidato di prestigio. Preso dalla società civile, di spessore e capace di raccogliere consensi trasversali. Insomma la base dirigenziale del partito chiede di ripetere gli exploit di Letizia Moratti e di Gabriele Albertini. Per il dopo-Sala, potrebbe spuntare una figura di alto profilo magari pescato dal mondo delle professioni. E si sono già fatti nei giorni scorsi alcuni nomi di prestigio. Primo fra tutti quello del rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta. Si è parlato anche del figlio di Umberto Veronesi, Paolo. Medico come il padre e impegnato da tempo nella fondazione che porta il nome del celebre oncologo. Berlusconi ha risposto ai suoi che già la prossima settimana è in agenda un nuovo incontro con gli alleati per discutere delle candidature. Come per Roma, Torino e Napoli, anche per Milano - ha spiegato il leader azzurro ai suoi - servirà una figura fuori dai partiti. «Non sarà uno di Forza Italia. Sarà l'espressione di un accordo preciso e forte con i nostri alleati - ha detto -. Preso dalla società civile e fuori dal mondo politico. Ma di alto profilo e sul quale possa trovarsi la massima convergenza».

Nelle stesse ore Forza Italia porta avanti con successo il confronto con le categorie produttive per individuare su Milano e area metropolitana le maggiori criticità dal punto di vista economico. «Lavoriamo a un programma di conservazione e di rilancio dell'economia milanese insieme con parlamentari, eletti in Regione, in Comune e nei Municipi. Stiamo confrontandoci con le categorie produttive e il mondo del lavoro - ha ricordato Cristina Rossello, Commissario FI di Milano che coordina le linee del programma di Milano Grande Città. - Berlusconi ci sta dando una mano. Quanto lui ami la sua città è ben noto. Abbiamo già ascoltato Confcommercio e Confesercenti, il settore immobiliare con Aspesi e Assoedilizia. Da ultimo ci siamo dedicati ai tassisti». Previsti nella prossima settimana incontri con Assimpredil, Assolombarda e Artigiani. «Dagli incontri - hanno assicurato i due consiglieri azzurri a Palazzo Marino, Fabrizio De Pasquale e Alessandro De Chirico - uscirà un programma di cose realizzabili per la prossima Giunta in cui Forza Italia sarà protagonista».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

sarascemo

Dom, 25/10/2020 - 10:18

Comunali già perse con queste premesse.

Cheyenne

Dom, 25/10/2020 - 10:42

Che io sappia Veronesi e un adepto dei sinistri

krgferr

Dom, 25/10/2020 - 11:25

Se è un buon medico perché distoglierlo da quel che meglio sa fare? Se sceglierà di accettare comincerò a pensare che possa essere non così eccezionale: evidentemente c'è qualche ruolo che lo attira più di quello che si dovrebbe essere scelto in piena consapevolezza, quindi è fondamentalmente un frustrato o un arrivista (covid insegna); in ogni caso penso sia meno pericoloso accontentarsi di un Sindaco mediocre che di un medico incerto sul proprio mestiere. Saluti. Piero

Enricolatalpa

Dom, 25/10/2020 - 11:53

@krgferr: il soggetto in questione è sempre vissuto all'ombra del padre che, per capirci, fumava nel retro dei palchi da cui si scagliava contro il fumo. E' una persona normalissima, buon medico, che di alto profilo ha solo il nome. Quanto all'aspetto politico, effettivamente è un "sinistro" per tipologia di pensiero, mai dichiaratosi per arrivismo nel mondo professionale che ha sempre frequentato (quello delle cliniche private tipo IEO). Credo francamente si possa scegliere meglio...

lisanna

Dom, 25/10/2020 - 12:17

FI pensa molto male se pensa a Veronesi junior. Medico non di eccellenza, famoso per riflesso paterno,che gia' diversifica l'attivita' medica. a Milano serve un vero politico, non un famoso, tra l'altro per meriti acquisiti

lisanna

Dom, 25/10/2020 - 12:17

per intenderci, un altro ALBERTINI

leopard73

Dom, 25/10/2020 - 12:39

I MEDICI DEVONO FARE IL MEDICO NON LA POLITICA! ci vuole PERSONAGGIO competente abbiamo gia visto a Roma come è andata a finire con il medico chirurgho Marino la politica e ben ALTRO!!!

peter46

Dom, 25/10/2020 - 12:45

lisanna...un altro Albertini,che quello 'naturale' non s'azzarda proprio a volersi 'accompagnare' ai 'FIlioti' e soprattutto 'Legoti'...