Spara all'ex moglie e si uccide davanti alla piscina del figlio

SalernoHa ucciso la moglie e poi si è suicidato. È accaduto a Giffoni Valle Piana (nel salernitano). Mentre la tragedia si consumava, il loro figlioletto di 8 anni stava partecipando a una gara di nuoto nell'impianto sportivo di Campigliano (frazione di Giffoni). Salvatore Varavallo, 35 anni, muratore, ieri mattina ha parcheggiato l'auto davanti al Club Fiore ma prima di uscire dall'abitacolo ha appoggiato un Rosario sul cruscotto e poi è andato via. Nella cintola dei pantaloni teneva stretta una pistola calibro 9, nella tasca del giubbotto altri 34 proiettili. Varavallo viveva a Sant'Arpino mentre la moglie si era trasferita dai suoi a Casal di Principe. Il muratore ha raggiunto Giustina Copertino, 29 anni ed ha ingaggiato una lite furiosa. Poi ha impugnato la pistola e ha sparato 8 volte ferendo la donna. Giustina è svenuta davanti all'ingresso del club Fiore, a pochi metri dall'ignaro figlioletto. Il muratore le ha puntato l'arma al volto e ha premuto altre 2 volte il grilletto, infliggendole il colpo di grazia. Il criminale ha ricaricato la pistola ma, due testimoni gli hanno urlato di fermarsi. Varavallo ha rivolto l'arma contro se stesso e ha sparato ferendosi lievemente alla testa. Poi ha appoggiato la canna contro la tempia e ha sparato per l'ultima volta accasciandosi sull'asfalto. Panico nel club Fiore, affollato di giovanissimi nuotatori e dei loro familiari. Salvatore e Giustina non sono morti subito. Due ambulanze li hanno portati in ospedale ma poco dopo il ricovero sono deceduti. Poi sono arrivati i carabinieri del Reparto operativo di Salerno che hanno sequestrato la pistola, risultata con la matricola cancellata. Non c'è molto da indagare. Varavallo non voleva separarsi dalla moglie. E il suo dramma di restare solo si è trasformato in un'assurda vendetta. I loro due figlioletti (ce n'è un altro di 4 anni) vivranno tutta la vita senza i loro genitori. Gli faranno da mamma e papà i nonni, assistiti dai carabinieri del Nucleo Sanità della Legione Campania.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.