Lo Stato non paga i debiti e fa fallire 100mila aziende

La denuncia delle coop: «Una chiusura su quattro è colpa dei ritardi della Pa». Sicilia maglia nera

«Negli anni della crisi sono fallite 100mila imprese a causa dei ritardi di pagamento della pubblica amministrazione». Non ha usato mezze misure il presidente dell'Alleanza delle Cooperative, Maurizio Gardini, ieri nel corso dell'assemblea della federazione che riunisce circa 40mila coop italiane, un piccolo gigante da 150 miliardi di fatturato, ossia l'8% del Pil del nostro Paese.

L'incapacità dello Stato di onorare i propri debiti condanna all'estinzione il tessuto sano dell'imprenditoria italiana. «A conti fatti - ha aggiunto Gardini - tra i fallimenti, uno su quattro è stato determinato dai mancati pagamenti della pubblica amministrazione». Per quanto riguarda il sistema della cooperazione, i debiti dello Stato ammontano a circa 3 miliardi di euro, ossia il 5% del totale di 60 miliardi. Ecco perché il numero uno di Confcooperative e dell'Alleanza ha avanzato una richiesta semplice quanto precisa al governo. «Con la dovuta considerazione del delicato equilibrio dei conti pubblici, occorre intervenire perché le imprese continuano in troppi casi a fare da banche alla Pa».

Non si tratta di una metafora azzardata perché in alcuni casi fornire beni e servizi alle amministrazioni pubbliche significa equivale a finanziarle. Ne sanno qualcosa le coop sociali della Sicilia: i tempi di pagamento della Regione sono di 18 mesi in media, mentre quelli dei grandi Comuni si attestano sui 12 mesi. Cioè si aspetta da un anno fino a un anno e mezzo per il saldo delle fatture quando la normativa europea, recepita in Italia, impone di onorare i debiti entro 30 giorni che possono arrivare a 60 solo per giustificati motivi.

Altri problemi provengono, poi, dalle imprese che si costituiscono fittiziamente in cooperativa giocando al massimo ribasso su tutti gli appalti (inclusi quelli per la gestione del sistema di protezione dei rifugiati e dei centri di identificazione ed espulsione) gettando anche discredito sull'intera categoria. Le false cooperative, infatti, eludono il fisco per oltre 750 milioni di euro e rischiano di «far morire di legalità» oltre 4.000 cooperative della logistica e del welfare che operano correttamente sul mercato. Di qui la necessità di «una legge per misurare l'effettiva capacità delle tante associazioni di rappresentanza sia dei lavoratori sia delle imprese: le associazioni devono rappresentare gli interessi reali delle imprese o dei lavoratori che associano», ha ribadito Gardini. Un punto condiviso dal ministro del Lavoro, Luigi Di Maio. «Faremo una legge sulle false cooperative iniziando dalla calendarizzazione della proposta di legge di iniziativa popolare», ha detto ricordando che «molte nascono negli studi dei commercialisti per aggirare la fiscalità di impresa: combatteremo questo fenomeno con una lotta senza quartiere».

Giudizio sospeso sul decreto Dignità: all'Alleanza piacciono le norme che premiano chi investe in Italia e non delocalizza ma, allo stesso tempo, è stato posto l'accento sull'opportunità di reintrodurre i voucher, «strumento utile per far emergere il lavoro nero». Analoga preoccupazione per la reintroduzione delle causali nei contratti a termine che rischia di far impennare il contenzioso.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 25/07/2018 - 22:10

Il Sig. Bramini ne sa qualcosa e Di Maio lo ha voluto nel suo staff!!! SPERIAMO!!! Altrimenti Buenas noches Italiani!!!

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Mer, 25/07/2018 - 22:14

Ma guarda, è la magistratura cosa fa? Nessuno si muove? Nessuna inchiesta? Non c'è nessun reato da perseguire? O sono tutti in ferie?

Gianni11

Mer, 25/07/2018 - 22:33

Allora? Non piu' un centesimo per la NATO, per l'assistenza ad altri paesi e per i clandestini prima di aver saldato tutti i conti dovuti dallo Stato alle aziende italiane. Prima gli italiani!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 25/07/2018 - 22:41

Li contano o no i posti di lavoro persi? Finora, il governo precedente non li ha mai contati, altrimenti il saldo era negativo. Ma loro dicono di aver creato 1 milione di posti di lavoro. pss, forse per sostiutire quell iche erano andati in pensione. Balordi komunsiti.

sparviero51

Gio, 26/07/2018 - 08:26

QUESTO STATO BUROCRATICO INFAME USA I DENARI PER COMPRARE NUOVE DIAVOLERIE DA PIAZZARE SULLE STRADE PER ESTORCERE ALTRI SOLDI AI CITTADINI INVECE DI ONORARE I PROPRI IMPEGNI E PAGARE I DEBITI VERSO GLI IMPRENDITORI . PHUAAA !!!

cgf

Gio, 26/07/2018 - 08:37

detto dal presidente dell'Alleanza delle Cooperative... quelle che giocano sempre al ribasso, i loro fornitori sono spesso quasi esclusivamente altre cooperative, spesso costituite ad Hoc, aperte e fatte fa.. chiudere in poco tempo ed a rimetterci sono spesso... Una Legge ad Hoc? Bastano quelle attuali, negli appalti basterebbe inserire la clausola "comprovata esperienza quinquennale" e "divieto di subfornitura per oltre il 30%"

leopard73

Gio, 26/07/2018 - 09:23

In italia abbiamo un sistema marcio della politica assistenziale che in nessun altro paese esiste abbiamo governi votati dal popolo ma se ti azzardi a muovere una virgola apriti o cielo, io la chiamerei dittatura di quelle peggiori tutti rubano e se ne fregano tanto paga PANTALONE.

buri

Gio, 26/07/2018 - 09:24

che bello stato quello italiano, saranno fieri dei risultati. fallimenti .. suicidi ... disoccupazione, rovina altro che decreto fignità

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 26/07/2018 - 09:26

Dovrebbe essere introdotto un principio contabile molto semplice, i crediti verso la PA hanno valore certo o altrimenti devono essere compensati con i pagamenti che lo Stato chiede alle aziende senza ammettere ritardi. Ultimo e non da meno, possibile che non ci sia una responsabilità oggettiva della PA in questi ritardi e che il debitore (Stato) non debba risponderne?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 26/07/2018 - 12:51

Anche lì, il Mattarella perché non fa intervenire la sua magistratura? Manda in carcere i burocrati fraudolenti e salva i lavoratori? Allora significa che il Mattarella è da sostituire per scarso rendimento. Dunque il Parlamento dovrebbe dargli l'impeachment- Quindi il nuovo Presidente Berlusconi sostituisce il CSM, eventualmente fa processare ed espropria i magistrati comunisti in quanto corrotti, sblocca i pagamenti della PA e paga il risarcimento danni agli imprenditori taglieggiati dalla mafia burocratica. L'Economia italiana ha un problema che non è finanziario, bensì penale. Nella fattispecie il problema ha un nome e un cognome: Sergio Mattarella.