"Quel dl non esiste". I 5S sbagliano pure il quesito

Il parlamentare di Fratelli d'Italia Walter Rizzetto, fuoriuscito dal Movimento, ha smascherato l’errore sul blog pentastellato

L'ex premier Giuseppe Conte
L'ex premier Giuseppe Conte

Una evidente svista sul quesito riguardante il finanziamento 2x1000, rivolto alla base pentastellata sul blog del Movimento 5 Stelle per la votazione online, ha creato malumori e polemiche. Non è la prima volta che sulla piattaforma si commettono errori grossolani, che suscitano l’ilarità e l’ironia delle altre forze politiche. Nel caso specifico, la domanda posta agli iscritti è stata la seguente: “Approvi la proposta di richiedere l'accesso al finanziamento del 2x1000 e al finanziamento privato in regime fiscale agevolato mediante iscrizione al registro nazionale di cui al Dl 143/2013?”.

A creare scompiglio ci ha pensato il deputato di Fratelli d'Italia Walter Rizzetto, ex pentastellato, il quale evidentemente è ancora molto attento alle attività politiche svolte dai suoi ex compagni di partito. In un post pubblicato su Facebook, il parlamentare ha scritto: “Il Dl 143/2013 non esiste”. Un piccolo giallo di facile risoluzione: in realtà c’è il Dl 149/2013, ossia il decreto che fa riferimento all’abolizione del finanziamento pubblico diretto, alle disposizioni per la trasparenza e la democraticità dei partiti e alla disciplina della contribuzione volontaria e della contribuzione indiretta in loro favore.

“Hanno quindi sbagliato la domanda – ha incalzato Rizzetto – chapeau”. A dire il vero, il decreto ministeriale 143/2013 esiste, ma non ha alcuna attinenza con il voto online di ieri. Infatti si tratta del “regolamento recante determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura ed all'ingegneria”. L’errore, comunque, non è passato inosservato, creando imbarazzo tra gli iscritti del Movimento 5 Stelle. “Siamo di fronte a un episodio di grave sciatteria – ha commentato un pentastellato – l’ennesimo dopo il caso Rai. Chissà quali saranno le conseguenze”.

Intanto, per la cronaca, la votazione online sull'adesione al finanziamento 2x1000 si è conclusa ieri con la vittoria schiacciante del Sì. Il 72% dei votanti si è detto favorevole, seguendo le indicazioni di Giuseppe Conte. Questo strumento era stato sempre ripudiato dai pentastellati e il cambio di rotta viene letto come un segnale incoraggiante per il nuovo corso avviato dall'ex presidente del consiglio.“Il voto sul 2x1000 – ha affermato Conte – ci chiede di appoggiare tutti in modo convinto e integrale questo percorso di rifondazione del Movimento 5 Stelle”.

Commenti