"Penne basse", "Un ricco...": è lite Calenda-Salvini

Incontro (quasi) fortuito tra Matteo Salvini e Carlo Calenda nel popolare mercato di porta Portese a Roma prima delle elezioni amministrative

"Tiene le penne basse...", "Ricco, viziato...": è scontro a Roma tra Calenda e Salvini

La campagna elettorale è entrata nel vivo anche a Roma, dove nello storico mercato di porta Portese Matteo Salvini e Carlo Calenda si sono incontrati faccia a faccia. Nessuno dei due (forse) era a conoscenza della presenza dell'altro in uno dei luoghi storici del ritrovo di Roma nel giorno di festa. Il leader della Lega oggi ha accompagnato il candidato sindaco Enrico Michetti nel mercato dell'usato più noto della Capitale ma lo stesso luogo è stato scelto anche da Carlo Calenda per il suo tour cittadino nell'ultima domenica prima delle elezioni amministrative.

Una volta incrociati i percorsi, i due si sono stretti la mano e hanno scambiato alcune battute. Un candidato in lista della Lega, Fabrizio Santori, ne ha approfittato per ironizzare con il leader di Azione: "Dopo ci devi dare una mano". La risposta divertita di Calenda: "Voi datemela prima, così arrivate quarti". E ancora, rivolto a Salvini: "Prenderò i vostri elettori". La replica divertita di Santori: "Te piacerebbe".

Al di là dell'incontro cortese di porta Portese, i toni sono immediatamente tornati a essere quelli tipici della campagna elettorale. Quello che a tutti era sembrato un incontro casuale, stando a quanto scritto da Carlo Calenda nel suo profilo Twitter assume però un altro volto. "Il ragazzetto faceva lo spiritoso e stamattina siamo stati a trovarlo. Dal vivo tiene le penne basse. Bene così", ha scritto il candidato sindaco di Azione, riferendosi alle schermaglie social dei giorni precedenti con Matteo Salvini. Ma anche dalle parti della Lega non si sono tirati indietro ed è stato Antonio Rinaldi a pungere Carlo Calenda, offrendo un altro punto di vista dell'incontro: "Questa mattina a Porta Portese abbiamo incontrato Carletto! Da come si muoveva sembrava che fosse la prima volta…".

Anche Matteo Salvini non ha risparmiato un affondo al candidato di Azione: "Calenda? Un ricco e viziato signore, che oggi al mercato di Porta Portese non si filava nessuno (a differenza di tanti commercianti e cittadini che incitavano e ringraziavano me e la Lega) e che per esistere ha dovuto attraversare trafelato la strada. Passando pure col rosso, per provare ad attaccare briga. Noi oggi abbiamo risposto con educazione e sorriso, i cittadini romani risponderanno con una valanga di voti alla Lega domenica e il ricco signore deciderà poi al ballottaggio chi sostenere, visto che lui non ci arriverà. Purtroppo". Anche questa è campagna elettorale.

Commenti