Cronache

Tik Tok cambia regole (e rischia). Dirette solo a 18 anni

Prima bastava averne 16 per trasmettere i video live. Il blocco per tutelare i giovanissimi

Tik Tok cambia regole (e rischia). Dirette solo a 18 anni

Un tentativo per arginare, a partire dal limite di età, che parte, questa volta, dai gestori della piattaforma stessa.

TikTok aumenterà dal 23 novembre l'età richiesta per avviare dirette sulla piattaforma. Lo ha annunciato ByteDance, l'azienda cinese che sviluppa l'app, in un post ufficiale. Nuove regole dunque, per cercare di tutelare i più piccoli, sempre più esposti ai social. La preoccupazione infatti si dirige a loro, per tenerli lontani da contenuti inadatti o peggio pericolosi. Prima del cambiamento, agli iscritti bastava avere 16 anni per trasmettere le live, un'età che adesso TikTok considera bassa per alcune tipologie di contenuti, anche indirizzati ad un pubblico più adulto in quanto a temi e discussioni. «Vogliamo che la nostra community sfrutti al meglio le opportunità che il live può offrire senza compromettere la sicurezza. Riteniamo che questi aggiornamenti possano proteggere ulteriormente gli utenti più giovani della nostra community - spiega la società - Abbiamo in programma di introdurre un nuovo modo per i creatori di scegliere se preferiscono raggiungere solo un pubblico adulto nelle loro dirette».

La novità arriva pochi mesi dopo che TikTok ha dichiarato di voler iniziare a identificare quali contenuti sono appropriati per adolescenti rispetto a quelli per gli adulti. Il social stava già sviluppando un sistema per limitare l'accesso ad una certa tipologia di contenuti da parte dei minori, iniziando a sperimentare, con un gruppo ristretto di creatori di contenuti, la richiesta di specificare quando dirette e post si rivolgevano a spettatori 18+ per temi particolari e argomenti forti. Oltre a ciò, TikTok sta implementando anche una versione aggiornata del suo strumento di filtro delle parole chiave, che suggerirà agli utenti nuovi termini da aggiungere all'elenco dei filtri, attivo per evitare commenti ritenuti inappropriati.

La piattaforma era già stata al centro di numerose critiche in passato. Dopo varie denunce, il Garante per la privacy aveva vietato Tik Tok agli under 13. L'accusa più esplicita, mossa da numerosi esperti, è che Tik Tok «è un'esibizione che richiede di mettere in gioco la propria corporeità interamente, molto spesso a figura intera e in movimento».

Dopo numerose denunce di minori adescati proprio grazie al contatto avvenuto via internet, altri diventati vittime di bullismo e altri ancora che hanno rischiato la vita per superare le sfide lanciate da «amici» più grandi, è arrivato il divieto ad utilizzarlo. Un vero e proprio blocco che i gestori hanno chiesto di rimuovere sottoscrivendo un impegno formale.

Tik Tok aveva assicurato di studiare «soluzioni, anche basate sull'intelligenza artificiale, che nel rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati personali consentano di minimizzare il rischio che bambini al di sotto dei 13 anni di età utilizzino la piattaforma». Il primo passo è stato fatto.

Commenti