Torino, primarie dem a Lo Russo. Ma l'affluenza fa flop

I dem hanno scelto il 45enne docente del Politecnico come candidato sindaco. Ma ai seggi votano meno di 12 mila persone

Torino, primarie dem a Lo Russo. Ma l'affluenza fa flop

Stefano Lo Russo, con 4229 voti, pari al 37% dei consensi, ha vinto le primarie del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco di Torino. Ma la festa per il Pd si ferma qui. Perché è sul fronte dell'affluenza il vero fallimento. I voti complessivi si sono infatti fermati a poco meno di 12 mila, 11631 per la precisione.

E infatti il vincitore, già capogruppo dem nell'attuale consiglio comunale, nel commentare il successo ha sottolineato come l'appeal dem non abbia convinto gli elettori: "È stata una primaria complicata, non ha aiutato la pandemia e anche il caldo, però non bisogna far misteri che sicuramente, soprattutto nelle periferie, l'affluenza è stata sotto le aspettative", ha detto al termine delle votazioni. "I dati saranno utili a capire quali sono i punti di debolezza del centrosinistra - ha aggiunto - soprattutto nella periferia nord l'adesione è stata sotto le attese e questo deve essere un elemento di riflessione per impostare correttamente la campagna elettorale".

"Questo - ha poi scritto su Facebook il professore del Politecnico di Torino - non è un punto di arrivo ma di partenza, ora tutti uniti per portare a casa il vero obiettivo: la vittoria del centrosinistra a Torino". Il nuovo aspirante sindaco ha poi ringraziato gli altri candidati, Enzo Lavolta, Francesco Tresso e Igor Boni "per essere stati avversari corretti e di alto profilo durante le primarie e al Partito Democratico Torino e all'intera macchina organizzativa delle primarie"

Alle spalle di Lo Russo si è piazzato Tresso con 3.932 voti. "Faccio le congratulazioni a Stefano per la vittoria", ha detto dopo lo spoglio. "È evidente che la coalizione di centrosinistra non può fare a meno di una forza civica che sia davvero capace di ampliare il nostro campo di gioco - aggiunge - avvicinando mondi che altrimenti non troverebbero adeguata rappresentanza". "Ringraziamo il sostegno di Sinistra Ecologista che ha creduto nel nostro progetto - ha detto ancora Tresso - e tutte le cittadine e i cittadini che hanno contribuito a questo straordinario risultato. È chiaro che da domani la linea politica deve essere condivisa per trasformare le diverse articolazioni della coalizione in una forza di governo che sappia contrastare e superare la proposta della destra".

Chi pare non essersi accolto dell'affluenza flop è il segretario del Pd Enrico Letta, che si è limitato a un tweet d'ordinanza: "Grazie ai cittadini che hanno partecipato alle primarie a Torino, le prime al tempo del Covid. Grazie ai candidati che hanno animato una bella competizione e complimenti al vincitore Stefano Lo Russo". A lanciare l'allareme è invece Mario Giaccone esponente del Polo civico: "Affluenza non elevata, tre candidati forti, ora la coalizione deve ragionare sulle indicazioni ricevute: il centrosinistra continua a dividersi i voti del centro Città in parti variabili, ma manca il collegamento con le altre zone della città. Dobbiamo lavorare su questo".

A certificare il fallimento dei seggi è stata anche Italia Viva, per bocca dei coordinatori regionali Silvia Fregolent e Mauro Marino: "Le primarie sono uno strumento democratico straordinario, ma il flop di partecipazione registrato a Torino deve far riflettere: decidere una consultazione in piena pandemia con una città allo stremo è stata una scelta controproducente ed autoreferenziale", hanno attaccato. "Questa - hanno poi aggiunto - si è rivelata esclusivamente come una competizione fra candidati che non sono riusciti a parlare alla gente invece che un confronto finalizzato a proporre un progetto nuovo per la Città, credibile e in grado di battere il centrodestra. Italia Viva aveva ipotizzato da tempo una soluzione alla 'Draghì con l'obiettivo di coinvolgere, in questo momento storico straordinario, un campo allargato di forze politiche e sociali in grado di rilanciare la città dopo 5 anni di assoluto immobilismo. Non abbiamo avuto nessuna risposta ma oggi, con appena 10mila votanti, speriamo che qualcuno abbia finalmente elementi su cui riflettere seriamente".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti