Toscani difende i Benetton: "È gente buona"

Il fotografo prova a rimediare dopo l'uscita choc sul ponte Morandi: "Mi sono espresso male, volevo dire che nessuno può avere interesse a farlo cascare"

A pochi giorni di distanza dalla frase choc in riferimento alla caduta del ponte Morandi, Oliviero Toscani prova a rimediare e a scusarsi per quanto detto: "Non ho mai pensato di dire una cosa del genere contro la gente che è morta. Mi sono espresso male. Che un ponte caschi è una cosa tremenda: chi lo nega? Quello che volevo dire è che nessuno può avere interesse a farlo cascare". Lui è stato al fianco della famiglia Benetton in questo periodo difficile, dalla tragedia del crollo alla morte di Carlo e Gilberto: "Ho capito che ai Benetton veniva data la colpa del crollo del Ponte ma gli si attribuiva anche un’intenzione, addirittura un interesse. Che non può esserci. É gente buona".

Sembra strano sentire queste parole al miele, di difesa, perché è stato da poco licenziato per ciò che ha affermato: "Con Luciano mi sono lasciato bene. Il rapporto ci sarà sempre. E poi mi dispiace che di mezzo ci vada una società, la Benetton, quella per cui ho lavorato per 20 anni". La famiglia avrebbe comunque delle responsabilità nella gestione delle sue società: "Io ho sempre pensato che fosse una famiglia per bene. Fino alla tragedia del ponte Morandi nessuno pensava che i Benetton lavorassero male. Con gli Aeroporti di Roma hanno fatto miracoli".

"Ho pensato di smettere"

Toscani ha sottolineato che con il senno di poi "è troppo facile dire che avrebbero dovuto dire o fare altro. Io con i Benetton ho fatto cose bellissime. Poi è cascato il Ponte e il nome di Benetton non era più presentabile". E ha rivelato di essersi trovato a lavorare per un marchio velenoso: "Ho subito attacchi incredibili. Qualsiasi cosa facessi, la gente mi diceva: 'É inutile che la fai'. Non si poteva più parlare. Avevo le mani legate. Ho anche pensato di smettere".

Nell'intervista rilasciata al Corriere della Sera, il fotografo è tornato nuovamente sull'uscita infelice: "Continuavano a insistere sul perché le sardine fossero venute a Fabrica, sul perché c’era anche Luciano, insomma tutto per mettere in connessione quell’incontro con il Ponte, che nemmeno ne abbiamo parlato. Allora ho detto la mia, pensavo di essere stato chiaro, come sempre. Mi sono sbagliato". Anche Egle Possetti, la responsabile del Comitato delle vittime del Ponte, avrebbe capito "che le mie intenzioni non erano quelle. Toscani non ha fatto crollare il Ponte". Ora per il Comitato intende interessarsi "personalmente come testimone del mio tempo. A maggior ragione che ci sono finito in mezzo, almeno mediaticamente".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Dom, 09/02/2020 - 09:59

Toscani è uno strano sinistro che difende i padroni e il capitalismo.

Calmapiatta

Dom, 09/02/2020 - 10:43

Arlecchino servitore di due padroni.....

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 09/02/2020 - 10:50

Basta. Sparisci!

ciccio_ne

Dom, 09/02/2020 - 10:56

Olivie' ci sono i buoni e ci sono gli stupidi...è la vita

Sabino GALLO

Dom, 09/02/2020 - 10:56

"Io....ho fatto cose bellissime!" Perché non crederlo? Tutti hanno qualcosa di cui pentirsi ed aprirsi alla speranza del perdono.

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 09/02/2020 - 10:58

Sta cercando lavoro

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 09/02/2020 - 11:00

Benetton sono ricchi ed abili imprenditori. Però costruiscono autostrade che crollano, anche se sono le più "costose" d'Europa, forse del mondo, e gli Italiani "more solito", pagano e tacciono. Ora vengono rifiutati dalle Sardine. E noi? Continueremo a pagare per i ricchi.

timoty martin

Dom, 09/02/2020 - 11:14

Solo ipocrisia, sta sempre dove sono i benefici

Ritratto di sergio21

sergio21

Dom, 09/02/2020 - 11:28

Il pseudo artista è da tempo che vomita odio. Ora, ha raccolto quanto da sempre ha seminato. Fanno bene i suoi principali datori di lavoro a prendere le distanze. Il pseudo artista faceva il "rospo" perché sapeva che dietro alle spalle c'erano i Benetton e la sinistra schierata.

giosafat

Dom, 09/02/2020 - 11:34

Devono averlo minacciato di togliergli anche le mutande così si spiega la ridicola retromarcia. Poverino.

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Dom, 09/02/2020 - 11:40

Adesso con la coda tra le gambe torna per mendicare il lavoro?

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Dom, 09/02/2020 - 11:44

Zitto e a cuccia, somaro.

Ritratto di Valance

Valance

Dom, 09/02/2020 - 11:58

Demenza senile, schizofrenia o etilismo?

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 09/02/2020 - 12:04

Benetton sono ricchi ed abili imprenditori che non dovrebbero aver bisogno di “difensori”. Però costruiscono autostrade che qualche volta sono crollate, anche se sono le più "costose" d'Europa, forse del mondo. Ora pare che non piacciano alle Sardine. Ma neppure a me.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 09/02/2020 - 20:18

Non saprei se è in fase di senilità avanzata o vuol scusarsi per tornare all'ovile dopo aver detto una grossa boiata.

Ritratto di pinox

pinox

Lun, 10/02/2020 - 09:05

sapere che il ponte era ad alto rischio e non fare niente per metterlo in sicurezza non è da persone per bene.......