Uffici tecnici già al lavoro per le elezioni il 29 luglio

Gli uffici tecnici del Viminale studiano l'ipotesi di un ritorno al voto il 29 luglio. Lega, M5S e Pd sono favorevoli. Cottarelli verso la rinuncia

La faccenda si complica. Siamo passati da "o Savona o morte" a un governo, quello di Carlo Cottarelli, che sembra già nascere senza vita. L'ex commissario alla spending review oggi è salito al Qurinale. In teoria avrebbe dovuto consegnare la lista dei ministri a Sergio Mattarella, ma qualcosa è andato storto. A sorpresa il portavoce del Colle ha comunicato ai cronisti che Cottarelli e Mattarella si rivedranno domani. Fonti del governo e parlamentari parlano dell'idea di rinunciare all'incarico. Sarebbe la prima volta una riserva sciolta due volte consecutivamente in maniera negativa.

Vedremo. Il fatto è che il governo nascituro non avrebbe l'appoggio del Parlamento. Tutti i grandi partiti (pure il Pd che ha fatto una clamorosa marcia indietro) vorrebbero tornare al voto al più presto. Si parla del 29 luglio. Ci sono le condizioni? La Costituzione e la legge dicono due cose differenti. La prima chiede che le camere vengano sciolte almeno 45 giorni prima. Ma la norma per il voto all'estero, quella scritta dal ministro Tremaglia, chiede una comunicazione dell'elenco degli elettori all'estero che arrivi almeno 60 giorni prima. In realtà non si tratta di un ordine perentorio, ma ordinatorio. Servirebbero comunque i tempi tecnici per farlo.

Sarà per questo che, come scrive l'Huffington Post, gli uffici tecnici del Viminale sarebbero già al lavoro per prepararsi ad un ritorno al voto anticipato. Il 29 di luglio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 29/05/2018 - 19:18

era preferibile il voto in autunno, ma tanto, comunque vada, sarà un altro imbroglio, perchè la situazione sarà molto simile a quella del 4 marzo!! a meno che non si cambi la legge elettorale, cosa che non lo farà nessuno di sinistra (compresi il m5s)

ectario

Mar, 29/05/2018 - 19:30

Buffonata

forzanoi

Mar, 29/05/2018 - 19:51

come dice Montalbano? state rompendo i gabbasisi

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Mar, 29/05/2018 - 20:13

il pd fa una clamorosa marcia indietro? allora anche lega e 5stelle devono fare una clamorosa marcia indietro; ossia devono dare la fiducia a cottarelli per impedire al pdr di sciogliere il parlamento in modo da fare le leggi del loro programma.

mike63

Mar, 29/05/2018 - 21:44

"a lavoro" non è italiano. Al Giornale non sapete più neppure scrivere?

Ritratto di Gius1

Gius1

Mer, 30/05/2018 - 07:35

Mike63 Il Dottore non ti ha Mai detto che bere fa male? Dove lo Vedi "a lavoro"?

Duka

Mer, 30/05/2018 - 08:33

Le elezioni a luglio sono una idea dei comunisti che giocano sull'affluenza alle urne. Possibile non capire questi trucchetti da 4 soldi?