Positiva Unicredit Parmalat in rialzo

Piazza Affari in deciso rialzo grazie agli Usa. In chiusura, l’indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,83%, l’AllShare lo 0,78% e il Mid Cap lo 0,5%. Accelerazione pomeridiana per Unicredit (+2,35%, con volumi pari ad oltre il doppio della media), che ha dettato il ritmo del recupero di Piazza Affari. Piazza Cordusio ha trascinato altre banche, come Mediobanca (+1,75%) e Ubi (+1,75%), mentre qualche istituto è rimasto al palo (Pop Milano -0,64%). In calo Eni (-0,54%), che ha terminato sopra i minimi di giornata. Andamento divergente per le società legate al settore delle costruzioni e delle infrastrutture. Italcementi ha lasciato sul terreno l’1,16%, mentre Buzzi Unicem è avanzata del 2,19%. Negativa Impregilo: -0,2%. Prysmian è scesa dello 0,97% nella giornata in cui ha annunciato l’acquisizione del 51% di un gruppo indiano, presente anche negli Emirati Arabi. Parmalat è stata la regina del paniere principale, con un progresso del 3,38% e volumi pari ad oltre il doppio della media. I trader attribuiscono il rally ad un mix di fattori. «È un effetto dell’offerta di Kraft su Cadbury». Il mega-deal nel settore alimentare rilancia le voci di interesse per Parmalat, aggiunge un altro dealer. Tonica Autogrill, in rialzo del 2,8%. Positive, ma senza euforia, Telecom Italia (+1,06%) e Fiat (+0,47%). Per quanto riguarda il Lingotto, Centrobanca ha alzato le stime sui risultati del quarto trimestre 2009. Fra le small e mid cap, Mondo tv ha messo a segno un progresso del 14,59% dopo aver annunciato un contratto che prevede un budget di produzione di 7,3 milioni di dollari. In scia Mondo Home Entertainment: +6,99%. Indesit ha guadagnato il 7,53%, confermando i rialzi che hanno caratterizzato l’inizio dell’anno. Positive le Borse europee. Londra +0,34%, Parigi +0,81% e Francoforte +0,98%.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.