Prezzi stabili negli ultimi dodici mesi ma crescono aerei, vacanze e frutta

Rita Smordoni

I prezzi romani rimangono invariati rispetto al mese di maggio. I dati diffusi dall’Ufficio Centrale di Statistica del Comune di Roma, infatti, registrano una variazione media nulla rispetto a maggio, con un aumento dell’1,6 per cento rispetto a giugno 2004. Il dato è comunque inferiore a quello nazionale, che si attesta sull’1,8 per cento, con una variazione congiunturale (rispetto cioè a maggio scorso) dello 0,2 per cento.
Gli aumenti più consistenti, rispetto a maggio, si sono avuti per i trasporti aerei (+7,7 per cento), pratiche per il trasferimento di proprietà (+5,3 per cento) causati dall’aumento del prezzo dei bolli, i combustibili liquidi (+3,6 per cento), i trasporti marittimi (+1,9 per cento), i pacchetti vacanza tutto compreso (+1,6 per cento), e per la frutta (+1,3 per cento). Le diminuzioni hanno riguardato, invece, apparecchiature e materiale telefonico (-2,3 per cento), apparecchi per il trattamento dell’informazione (-1,9 per cento), apparecchi fotografici (-1,4 per cento) e ortaggi (-1 per cento). Rispetto a maggio, si mantiene stabile il prezzo di carni, latte, formaggi e uova, così come quello di zucchero, cioccolata e dolciumi, mentre cresce il prezzo del pane e del pesce. Caffè, thè e cacao registrano un aumento dello 0,7 per cento. Nessun aumento per i tabacchi, anche se rispetto a giugno dello scorso anno la variazione in positivo si attesta su 6,8 per cento. Un lieve aumento anche per le calzature, mentre restano invariati i prezzi per vestiario e tessuti. Non si registrano aumenti di prezzi per i servizi sanitari, che scendono rispetto a giugno dello scorso anno a -2,8 per cento, mentre il prezzo dei medicinali, che si mantiene inalterato rispetto a maggio, fa registrare una variazione di -6,3 per cento rispetto a giugno 2004. I costi per l’istruzione primaria, secondaria, universitaria e professionale si mantengono invariati, anche se, rispetto a giugno dello scorso anno, questo capitolo di spesa ha fatto registrare un aumento del 3,9 per cento. In lieve diminuzione il prezzo di copertina dei libri, mentre continua a salire il prezzo di giornali e periodici (+0,2 per cento). Il capitolo di spesa «abitazione, acqua, elettricità e combustibili» registra un incremento, rispetto a maggio, dello 0,3 per cento. Rimangono invariati, infatti, i prezzi di energia elettrica, raccolta rifiuti, gas, acqua potabile, servizi di manutenzione e riparazione della casa, affitti reali dei locali. Prezzi invariati anche per palestre e discoteche, mentre per gli stabilimenti balneari si sono registrati aumenti di prezzo dello 0,1 per cento.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento