La proverbiale patria dei fumatori ha il primato degli abbandoni

Ankara Il tasso di abbandono del fumo in Turchia è più alto che in qualsiasi altro Paese del mondo: lo sostiene il ministro della Salute turco, Seraceddin Com, confermando una tendenza in corso da anni che sta rendendo sempre più obsoleto e vuoto il detto «fumare come un turco» nato nel diciassettesimo secolo.
Negli ultimi due anni, ha precisato il ministro all’agenzia turca Anadolu, più o meno 2,2 milioni di persone in Turchia hanno smesso di fumare e nei passati otto mesi circa 400 mila persone si sono rivolte agli ospedali per essere aiutati a smettere.
Esperti sottolineano che la tendenza è dovuta al bando del fumo nei locali pubblici imposto nel 2008 e ad un’aggressiva campagna di sensibilizzazione sulle malattie da fumo condotta dal 2009 con spot e fotografie shock stampate sui pacchetti di sigarette.
In Italia, come in diversi altri Paesi del mondo, è diffusa l’espressione «fumare come un turco»: si tratta di una tradizione che risale al Seicento, quando il narghilè (tradizionale pipa ad acqua) si diffuse nei locali dell’impero ottomano dove si beveva il caffè.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento