Rai, sì al taglia-stipendi di Calderoli

Via libera all'emendamento Bossi-Calderoli per il taglio degli stipendi ai dirigenti Rai: per chi percepisce un compenso dai 90mila ai 150mila euro il taglio è del 5%, sopra quella cifra il taglio raggiunge il 10%

Rai, sì al taglia-stipendi di Calderoli

Roma - In un periodo di sacrifici, necessari per la crisi economica, la proposta del ministro Roberto Calderoli era piaciuta quasi a tutti. Oggi l’emendamento, a firma Calderoli e Bossi, ha avuto il via libera del Consiglio dei ministri: il governo ha deciso dunque di procedere sulla strada del taglio agli stipendi dei dirigenti Rai, e di modificare il provvedimento 177 del 2005, ovvero il testo unico dei servizi media radio-televisivi. Si tratta di un emendamento che dovrebbe essere inserito nella manovra finanziaria ora all’esame del Senato. Cosa accadrà dunque: per chi percepisce un compenso che va dai 90mila ai 150mila euro il taglio è del 5%, sopra quella cifra il taglio raggiunge il 10%.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti