Recordman: condusse undici edizioni del Festival di Sanremo

Mike e Sanremo. Uno dei tanti binomi inossidabili che unisce il conduttore alla storia del tubo catodico. Pochi giorni fa aveva espresso la sua stima per Antonella Clerici, prossima conduttrice del Festival di Sanremo 2010

Recordman: condusse undici edizioni del Festival di Sanremo

Milano - Mike e Sanremo. Uno dei tanti binomi inossidabili che unisce il conduttore alla storia del tubo catodico. Pochi giorni fa aveva espresso la sua stima per Antonella Clerici, prossima conduttrice del Festival di Sanremo 2010. Mike Bongiorno, recordman della kermesse, ne aveva condotte 11, una in meno del collega-rivale Pippo Baudo. L’ultima risale al 1997, insieme a Valeria Marini e Piero Chiambretti. "Il festival di Sanremo non morirà mai", aveva detto durante l’edizione 2008 condotta dalla coppia Baudo-Chiambretti.

Undici edizioni Sul palco dell’Ariston Mike esordisce nel 1963, chiamato da Gianni Ravera. La sua prima conduzione è all’insegna della spettacolarizzazione della gara rispetto agli anni precedenti. Mike si circonda di quattro vallette : Maria Giovannini, Edy Campagnoli, Giuliana Copreni e Rossana Armani. Nel 1964 è affiancato da Giuliana Lojodice. È l’anno di una gaffe storica quando dice: "Si voteranno stasera altre cinque canzoni. Cinque canzoni ieri sera, cinque canzoni questa sera: fanno appunto dodici".

Successo e gaffes Nel 1965 è affiancato da Grazia Maria Spina, l’anno successivo è ancora al timone con Paola Penni e Carla Puccini, poco gradita a Bongiorno, che non fa una piega quando nel corso della seconda serata la ragazza sviene, forse per finta, sul palco. E poi un’altra gaffe: quando presenta gli Yardbirds, famosa band inglese, li definisce "gallinacci", osando una traduzione letterale del nome del gruppo. Nel 1967 deve affrontare la tragedia di Luigi Tenco. Ma riesce ad andare avanti con professionalità in un’edizione vinta da Claudio Villa e Iva Zanicchi. Mike torna nel 1973, ad affiancarlo è Gabriella Farinon, mentre nel 1975, in piena crisi economica, ci sarà Sabrina Ciuffini, già sua valletta al Rischiatutto, in un’edizione che vede il disimpegno della Rai: al termine della finale Bongiorno è costretto a dire "il tempo è scaduto" e l’annuncio della vincitrice, Gilda, viene fatto durante il tg della notte. Nel ’77 al suo fianco c’è Maria Giovanna Elmi.

Dal 63 alle soglie del nuovo millennio L’anno dopo Mike lascia il posto a Beppe Grillo ma presenta Sanremo Tour, tournee internazionale dei cantanti n gara al Festival. Nel 1979 torna al timone per la decima volta, affiancato da Annamaria Rizzoli, a cui segue una lunga pausa, per via del suo passaggio alla Fininvest. Sulla falsariga del Festival di Sanremo, nel 1993-1994 conduce Festival italiano su Canale 5 con Paola Barale (prima edizione) e Antonella Elia (seconda edizione). Il ritorno, dopo quasi 20 anni, è nel 1997, quando la Rai lo chiede in prestito a Mediaset, anche per cercare una pax televisiva con la concorrenza dopo le feroci polemiche dell’anno precedente con Striscia la notizia (che comunque lo prenderà di mira). La formula è nuova, sul palco ci sono la Marini e Chiambretti, con il quale Mike intesse spassosi siparietti.

Tensione con Enrico Papi La trasferta sanremese diventa però fonte di stress per via di Enrico Papi, telepaparazzo che realizza servizi scandalistici sui vip per Mediaset e che manda in onda spezzoni di vita privata del conduttore. Quando Papi sostiene di aver visto una donna entrare nella sua camera d’albergo, il presentatore perde la pazienza e se la prende anche con Mediaset, azienda per cui lavora. Quello sarà il suo ultimo Sanremo. Mike tornerà all’Ariston nel 2000 come presidente della giuria di qualità (osservando che molte canzoni si assomigliano) e nel 2004, ospite in una serata dedicata al revival delle vecchie canzoni del festival. Nel 2007 dichiara il suo desiderio di tornare a condurre la manifestazione con Fiorello, con il quale dal 2005 aveva iniziato un sodalizio con una serie di fortunatissimi spot. Nel 2008 rivela di essere stato contattato dalla Rai per condurre la kermesse insieme a Fiorello, "ma - aggiunge - penso che Pippo Baudo se lo terrà bello stretto". A Baudo farà poi i complimenti per la sua edizione condotta insieme a Piero Chiambretti.

Commenti

Grazie per il tuo commento