Riforme, Farefuturo: "Non basta dire amore"

Nuova stoccata del direttore di Ffwebmagazine: "Non basta dire riforme. Non basta
dire amore. Perché sono cose che vanno costruite ogni giorno,
con la pazienza del dialogo e la serenità del confronto"

Roma - "Non basta dire riforme. Non basta dire amore. Perché sono cose che vanno costruite giorno dopo giorno, con la pazienza del dialogo, con la serenità del confronto". Nuova stoccata del direttore di Ffwebmagazine Filippo Rossi che, in un corsivo sulla homepage della testata on line della Fondazione Farefuturo presieduta da Gianfranco Fini, invita a fare riforme "partendo da noi". 

Il monito di Farefuturo "E' inutile dire riforme - si legge nel corsivo - senza aver prima preparato l’animo al cambiamento, senza aver capito che la vera riforma possibile parte da noi stessi. Da una disponibilità ad aprirsi al nuovo, all’altro, al diverso. Al futuro. Perché non basta dire riforme per essere riformisti. Come non basta dire amore per essere innamorati". "Essere riformisti - scrive - significa avere a cuore il proprio Paese con spirito patriottico e non di parte, con spirito unitario. Significa condividere e non dividere. Significa capire la grande forza rivoluzionaria dell’altruismo. Per riuscire a donare se stessi al futuro, ai nostri figli, e ai figli dei figli. Perchè le riforme servono per vincere tutti e tutti insieme. Altrimenti le chiamiamo riforme ma con l’amore per l’Italia non c’entrano proprio nulla. Le chiamiamo riforme - conclude l'editoriale di Rossi - ma sono solo un trucco affinchè rimanga sempre tutto uguale".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.