Per il rinnovo contrattuale stanziati 390 milioni

La Finanziaria assegna le risorse per il rinnovo contrattuale del pubblico impiego per il biennio 2004-2005: 390 milioni di euro. Per i rinnovi contrattuali del biennio 2006-2007 saranno stanziati 230 milioni per il 2006 e 335 per il 2007. Stretta sul personale a tempo determinato per il quale si potrà impiegare il 60 per cento di quanto speso nel 2003. Il mancato rispetto dei limiti «costituisce illecito disciplinare e determina responsabilità erariale». Per la contrattazione integrativa dei dipendenti pubblici non si potrà eccedere quando speso nel 2004. E per gli straordinari gli stanziamenti sono ridotti del 10 per cento rispetto a quanto assegnato allo stesso titolo nel 2004. Alla riduzione del costo del lavoro pubblico concorrono anche gli enti territoriali che potranno spendere la stessa cifra del 2004 diminuita dell’1 per cento. Giro di vite sulle indennità di trasferta. Si istituisce un fondo per potenziare la mobilità dei dipendenti pubblici verso zone che presentano vacanze d’organico superiori al 40 per cento. Cioè il Nord. L’obbligo a restare almeno cinque anni nel luogo dove si è vinto il concorso sarà più rigido: nessuna deroga.

Commenti