Dal ritiro di Acqui Palacio: «Divertirò i tifosi a modo mio»

«Milito ha fatto cose incredibili. Io spero di far divertire i tifosi a mio modo». Firmato Rodrigo Palacio. Il nuovo idolo della tifoseria rossoblù è già pronto per far dimenticare il Principe. «Non sarà facile» precisa però. El Joia, «il gioiello» soprannome attribuito da un giornalista spagnolo, non appare intimorito. Anzi. Attacca alla sua maniera. «I tifosi del Boca cono contenti che sia arrivato al Genoa. Mi hanno spiegato del legame tra le due città, tra i due popoli. In questi giorni mi sto ambientando al meglio, grazie a Hernan Crespo». Confida di aver visto pochissimo il Genoa, nella passata stagione. L'eco del bel gioco sì, quello è arrivato oltre oceano. «Inizialmente non sarà facile abituarmi agli schemi che vuole il tecnico. Devo correre molto di più. Sono fiducioso di riuscirci al più presto». Saltata la prima parte del ritiro in Austria, si sta impegnando al massimo per trovare la forma giusta. «Non posso dire quando sarò al top. Cercherò di arrivarci il prima possibile. Con il mio impegno e l'aiuto di tutti». Sicuro di quando parla di sé. Scaltro ed intelligente. «Il numero 22? No grazie». Ed accenna un sorriso. «Il codino? Nulla di particolare. Avevo i capelli lunghi e quando ho deciso di tagliarli ho voluto lasciarmi un ricordo. Nulla di più». Gasperson appare comunque soddisfatto del nuovo genoano: «Avendo giocato fino ai primi di luglio, è sicuramente arrivato con una buona condizione. Adesso attraverso gli allenamenti e le amichevoli cercheremo di portarlo al top della forma».
Capitolo mercato. Il centrocampista spagnolo Zapater in una conferenza stampa ha salutato tifosi e società, e già in giornata dovrebbe raggiungere la squadra nel ritiro di Acqui Terme. Completata praticamente la rosa, la società di Villa Rostan dovrà cominciare a sfoltire la rosa. A partire da Figueroa, passando per Troest e Modesto. Questione campo da gioco. Forse dopo l'amichevole di sabato la truppa potrebbe rientrare a Pegli.

Commenti