A Roma cinque scrittori e il loro prossimo libro, incontro con Melissa P.

Alla libreria romana Bibli a Trastevere gli autori raccontano il romanzo che stanno scrivendo attraverso musiche e proiezioni di film. Stasera appuntamento con la giovane autrice di <em>Cento colpi di spazzola</em> prima di andare a dormire

Cinque scrittori e il loro prossimo libro: a Roma c'è una libreria di Trastevere, Bibli, dove ogni giovedì uno scrittore parla del suo ultimo libro. Non l'ultimo romanzo uscito in libreria, ma il racconto in lavorazione, il «work in progress» della narrazione che sta costruendo, da condividere con il pubblico attraverso la lettura di brani inediti e l'ascolto di musiche legate ai personaggi, o allo scrittore stesso. Questa sera, dalle 21, tocca a Melissa P., la giovane autrice del best seller Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire (Fazi), parlare della sua scrittura in lavorazione. Il ciclo di incontri, curato da Giuseppe Antonelli, Mario Desiati, Matteo Motolese, Stefano Petrocchi e Chiara Valerio, è partito quest'anno con il premio Strega Antonio Pennacchi.
Seduta a una scrivania che riproduce il suo tavolo di lavoro, la giovane scrittrice racconterà il libro che sta scrivendo: in un dialogo con il pubblico, parlerà di trame in attesa di finale e personaggi dal destino ancora incerto. Lo farà, leggendo e dialogando con i presenti, con l'aiuto di spezzoni di film, musiche e cibi che accompagnano il suo lavoro di scrittura.
Melissa P., catanese classe 1985, dopo il successo dei tre milioni e mezzo di copie vendute con cento colpi di spazzola nel 2003, ha pubblicato altri due romanzi: L'odore del tuo respiro (2005) e Tre, uscito nel 2010 per la collana Einaudi Stile libero. Nel 2011 ha sceneggiato per Rizzoli la graphic novel Vertigine, disegnata da Alice Pasquini.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.