Immigrato ha un diverbio Usa machete per colpire ​due ragazzi a Roma

A Roma, un tunisino di 31 anni ha colpito con il machete un 28enne procurandogli ferite gravissime. L'aggressore è accusato di tentato omicidio e lesioni aggravate

Ha estratto il machete dallo zaino e, sulla scia di una furia cieca, si è scagliato contro uno sconosciuto colpendolo a sangue. Dovrà rispondere di tentato omicidio e lesioni personali aggravate il tunisino di 31 anni che, nella serata di giovedì 29 ottobre, ha assaltato con l'arma da taglio un 28enne in zona Cornelia, a Roma. La vittima, trasportata d'urgenza in ospedale, non è in pericolo di vita ma ha riportato lesioni gravissime con una prognosi di 30 giorni.

Cosa è successo

L'aggressione choc si è consumata nella tarda serata di ieri, a due passi da piazza Giureconsulti. Il tunisino, 31 anni, era a spasso con il suo cane salvo poi fermarsi all'angolo di Circonvallazione Cornelia per chiacchierare con alcuni amici. In quel momento, transitava in zona una ragazza di 24 anni, anch'ella in compagnia del proprio fido. Ad un certo punto, i due cani hanno cominciato a ringhiarsi contro l'un con l'altro, circostanza che ha innescato un diverbio dai toni infuocati tra i rispettivi proprietari. Intanto, mentre tra la 24enne e lo straniero volavano insulti a tutto spiano, due ragazzi di passaggio sono intervenuti nel tentativo di sedare gli animi e ricondurre alla calma. Ma alla vista degli sconosciuti, il 31enne ha dato pericolosamente in escandescenze. Stando a quanto riporta Roma Today, il tunisino ha estratto un machete dallo zaino che aveva in spalla ed ha cominciato ad agitarlo all'aria con fare minaccioso. Dopodiché, si è scagliato contro la coppia di amici finendo per colpire a sangue uno dei due, un romano di 28 anni. Qualche attimo dopo, se l'è data a gambe levate ma l'intervento tempestivo dei carabinieri, giunti in zona a seguito delle segnalazioni di alcuni astanti, ha interrotto ben presto la sua fuga. L'aggressore è stato intercettato poco distante da zona Cornelia mentre tentava di nascondere l'arma insanguinata nell'androne di un condominio. Bloccato dai militari, è stato subito condotto in questura. Nel frattempo, il 28enne è stato soccorso da un'ambulanza del 118 e condotto presso l'ospedale Aurelia Hospital in codice rosso. I medici hanno riscontrato una lesione gravissima alla mano sinistra compatibile con l'arma da taglio, avente una lama lunga 35 centimentri, impugnata dal tunisino. Non è in pericolo di vita ma è stata formulata una prognosi di 30 giorni. Per fortuna, l'amico con cui era in compagnia, ha riportato solo delle contusioni.

Chi è l'aggressore

L'aggressore è un tunisino di 31 anni, regolare sul territorio ma con precedenti penali a vario titolo. Condotto in questura per gli accertamenti di rito è stato poi trasferito nel carcere di Regina Coeli: dovrà rispondere di tentato omicidio e lesioni personali aggravvate. L'arma del delitto, un machete con lama da 35 centimetri, è stata sequestrata dai militari. Sebbene non sia stata ancora definita con chiarezza la dinamica dell'accaduto, gli investigatori hanno escluso il movente terroristico. Nelle prossime ore, saranno visionati i filmati delle telecamere di sorveglianza cittadine e ascoltati alcuni testimoni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Adespota

Adespota

Sab, 31/10/2020 - 11:23

Toc.Toc. ministri dell'interno e degli esteri, prendete nota, se avete tempo.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Sab, 31/10/2020 - 11:47

In tempo di Legge della Giungla, che dire? Ordinaria amministrazione. Pensate alla salute.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 31/10/2020 - 11:48

Immigrato? CLANDESTINO!

venco

Sab, 31/10/2020 - 11:57

E questo sarebbe un povero profugo di guerra, secondo i nostri sinistri e 5s.

amedeov

Sab, 31/10/2020 - 12:12

Adespota 11,23 non scomodare il governo la colpa sono i decreti SALVINI che hanno portato insicurezza e odio

Maura S.

Sab, 31/10/2020 - 12:17

Questi non sono migranti ma assassini, che fa questo governo...... non si vergognano, specialmente quella signora che, tutto considerato non dovrebbe avere quella carica, e tutti sanno il perchè. Purtroppo questo è il governo delle tre scimmiette.

Giorgio Colomba

Sab, 31/10/2020 - 12:18

Per la mascherina sì, ma il Dpcm per l'obbligo di machete me lo devo essere perso.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Sab, 31/10/2020 - 12:31

"MACHETE freegaaa, MACHETE 'mporta, se la BOLDRINA vuol la RISORSAAA"

Santorredisantarosa

Sab, 31/10/2020 - 12:42

NON SAREBBE ORA UTILE UNA RISPOSTA ITALIANA? COSI' ALMENO LA FINISCO DI RIDERE ALLE NOSTRA SPALLE, ANZI PROPRIO DI FRONTE AI NOSTRI OCCHI? COME POSSIAMO NON DIMENTICARE LE PAROLE DEI VESCOVI CHE HANNO DETTO CHE I CRISTIANI NON SONO PECORE SACRIFICALI? EBBENE QUESTO PENSA CHE E' PROPRIO COSI'.

Ritratto di Adespota

Adespota

Sab, 31/10/2020 - 12:56

@amedeov: pensavo si trattasse di una battuta, ma temo che lei sia davvero convinto di ciò che afferma. Auguri e segua pure la sua onda di pensiero, foriera di luce e verità.

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 31/10/2020 - 13:24

la pena di morte, subito !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Lamorgese, Mattarella, Conte, siete presenti !?!?!?

Enne58

Sab, 31/10/2020 - 14:20

Ma Boldrini & company si rendono conto di che tipo di risorse hanno voluto in Italia? Come mai quando succedono queste cose non si fanno sentire mai? Ma la legge non impedisce di girare con macheti? Dai una parolina di scuse per sullo che avete provocato potreste anche dirla

Ritratto di navajo

navajo

Sab, 31/10/2020 - 14:38

Ma fatemi capire, un tunisino con vari precedenti penali, non un italiano che non si può cacciare,(né inviare alla Caienna che non abbiamo) è REGOLARE sul nostro territorio? Questi stranieri, al primo reato, scontata la pena, devono essere espulsi. Se, poi, dovessero essere trovati nuovamente qui, minimo 10 anni di carcere duro.

Ritratto di navajo

navajo

Sab, 31/10/2020 - 14:40

Il terzetto Lorenzovan, Macold, El Presiniente, tacciono? Sono guariti dalla logorrea sinistra?

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 31/10/2020 - 14:42

Dopo gli innumerevoli atti di violenza anche armata mi chiedo perchè non si consente alle Forze di Polizia di fare controlli e perquisizioni, "senza troppi freni burocratici" mirati all'accertamento di detenzioni di armi e droga.

27Adriano

Sab, 31/10/2020 - 15:56

Mi chiedo perchè simili fatti capitano solo alla gente comune e non alla Casta....

QuasarX

Sab, 31/10/2020 - 16:06

altro che regolare sul territorio questa gente non deve starci sul territorio specie se con precedenti penali

d'annunzianof

Sab, 31/10/2020 - 16:24

'...Regolare sul territorio ma con precedenti penali...' ossimoro impossibile da capire per un cervello sinistrato

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 31/10/2020 - 16:59

Ordinaria follia..

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Sab, 31/10/2020 - 17:03

Ve le ricordate le bischerate: "sono risorse" - "la loro cultura sarà presto la nostra cultura" - "ci pagheranno le pensioni".....?!?!?!

amedeov

Sab, 31/10/2020 - 17:19

Adespota 12,56 Ma ho solo ripreso le parole del ministro dell'interno.Comunque la mie era una battuta di spirito per ridere invece che piangere

ilbelga

Sab, 31/10/2020 - 17:45

tunisino di 31 anni, regolare ma con precedenti penali. il machete dove l'ha preso???e non era forse il caso di rimandarlo a casa sua???