Atac contro la psicosi: "Autisti con mascherina solo se si hanno sintomi"

Il comune di Roma vuole evitare inutili allarmismi. Così Atac fa sapere ai suoi: “Non è uno strumento raccomandato. Utilizzarle solo se già malati”

Atac contro la psicosi: "Autisti con mascherina solo se si hanno sintomi"

Roma è stata la prima città italiana a essere morsa dal coronavirus. C’è paura, ma Atac si dichiara contro la psicosi: utilizzare mascherine solo se si hanno i sintomi. Annuncia. L’azienda del trasporto pubblico romano infonde insomma sicurezza ai suoi dipendenti. Autisti in testa. Onde evitare di alimentare paure nei passeggeri, sottolinea che la mascherina non è raccomandata.

Nella nota datata 24 febbraio, inviata dal presidente di Atac, Paolo Simoni, è riportato: “Non è raccomandato l’utilizzo generalizzato di mascherine respiratorie usa e getta in assenza di specifica sintomatologia”. Poi nel comunicato si legge che, tra le misure precauzionali al momento ritenute opportune, c’è l’invito a lavarsi spesso le mani. A questa raccomandazione segue “se hai una qualsiasi infezione respiratoria copri naso e bocca quando tossisci e/starnutisci. Se hai un fazzoletto buttalo dopo l’uso, chiudendolo in apposita bustina”.

E, ancora: lavati le mani dopo aver tossito o starnutito. In soldoni, le precauzioni sono le stesse indicate dal ministero della Salute e valide per ogni cittadino. Ma a chi porta avanti servizi pubblici, si chiede anche di essere accorti nell’alimentare possibili psicosi. E infatti a fine nota arriva la raccomandazione definitiva: “Confidiamo nella preziosa collaborazione di tutti i dipendenti atta a evitare comportamenti che possano indurre ad allarmismo ingiustificato”.

Intanto Atac ha anche predisposto un piano di “sanificazione” straordinaria quotidiana, integrativo rispetto a quanto già avviene abitualmente di tutti i mezzi del trasporto pubblico. Ieri la sindaca, Virginia Raggi, ha diffuso le ultime misure preventive a livello comunale. Ha spiegato: “Nelle prossime ore a Roma ci saranno pulizie straordinarie all’interno di stazioni e mezzi pubblici. Il completo attivamento di queste misure avverrà nelle prossime ore perché si tratta di un parco mezzi di oltre 2mila vetture”. Ma la priorità, anche in questo caso, è evitare allarmismi.

Tra le accortezze da seguire, oltre alla pulizia straordinaria dei mezzi, anche la dotazione negli uffici pubblici e aperti al pubblico di dispenser di gel disinfettante. Restano sospesi i concorsi pubblici, con ordinanza emanata domenica scorsa. E diversi eventi tra concerti, convegni, fiere, rinviati a data da destinarsi.

Buone notizie, invece, dall’ospedale Spallanzani. Nel bollettino odierno viene confermato il buono stato di salute della coppia di turisti cinesi, i primi casi positivi al coronavirus nella capitale. La coppia cinese è attualmente ricoverata in degenza ordinaria. La donna è stata trasferita oggi dalla rianimazione in reparto in condizione cliniche in chiaro miglioramento, vigile e orientata. Il marito, tuttora ricoverato in regime ordinario, prosegue con successo la riabilitazione.

Tag

Commenti

Grazie per il tuo commento