Coronavirus, 34enne morto a Roma: panico nel call center dove lavorava

Oggi i virologi della Asl Roma 2 effettueranno un sopralluogo nella sede del call center dove lavorava Emanuele Renzi, 34enne di Cave morto all'ospedale di Tor Vergata dopo essere risultato positivo al coronavirus

È morto nella notte tra sabato e domenica, dopo aver lottato per sei giorni attaccato al respiratore. Emanuele Renzi, 34 anni, di Cave, cittadina dell’area metropolitana di Roma, è la più giovane vittima del coronavirus nel Lazio. Il suo calvario è iniziato l’11 marzo quando ha iniziato ad accusare i primi sintomi della malattia dopo un viaggio in Spagna. Era stato a Barcellona dal 6 all’8 dello stesso mese. Il 9 è andato a lavorare negli uffici di Youtility, il call center in zona Settecamini, dove era impiegato da otto anni. È stato il suo ultimo giorno lì. Dal 10 marzo per lui è iniziato l’isolamento domestico, terminato sei giorni dopo, quando il medico di famiglia ha disposto il ricovero in ospedale. Emanuele è stato trasferito al Policlinico di Tor Vergata, dove è stato intubato.

L’agonia è durata altri sei giorni. Poi due notti fa il suo cuore si è fermato. L’Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio ha comunicato che sul corpo del giovane verrà effettuato un esame autoptico, volto a chiarire le cause della morte. L’indagine, che verrà effettuata allo Spallanzani, è mirata a stabilire se il giovane soffrisse di patologie pregresse di cui non era a conoscenza, o se ad uccidere questo ragazzo di Cave sia stato proprio il virus arrivato da Wuhan. Se così fosse si aprirebbe uno scenario inquietante.

Emanuele, classe 1986, lascia una bimba di 7 anni e una famiglia afflitta. Sul posto di lavoro oggi verrà effettuato "un sopralluogo da parte dei servizi di prevenzione della Asl Roma 2 presso il call center e ci sarà una prima relazione sull'indagine epidemiologica", comunica la stessa unità di crisi. I colleghi, sgomenti per la notizia della morte del ragazzo, ora sono preoccupati per la propria salute se la prendono con l’azienda, che nelle scorse settimane, a detta degli impiegati, non avrebbe garantito la sicurezza dei lavoratori.

È dello scorso 12 marzo un post pubblicato dal fratello di uno dei dipendenti sulla pagina ufficiale della sindaca Virginia Raggi. L’uomo metteva nero su bianco come "in questo luogo di lavoro non si attengono alle regole governative riguardanti il coronavirus". "Parliamo di una situazione lavorativa dove all'interno di uno stabile chiuso si trovano circa 1000 persone con delle scrivanie messe quasi a contatto l'una con l'altra", continuava il post, dando notizia di "diverse segnalazioni agli organi di polizia".

Youtility, secondo quanto si apprende da La Repubblica, gestisce, tra gli altri, anche il Contact Center di Roma Capitale. Dopo la notizia della morte di Emanuele tra gli addetti c’è un misto di rabbia e preoccupazione. Tanto che ieri il post di condoglianze pubblicato sulla pagina Facebook dell’azienda è stato rimosso dopo aver ricevuto una valanga di commenti che denunciavano il mancato rispetto delle norme di sicurezza da parte della società.

L’attività rientra tra quelle definite essenziali nell’ultimo decreto del presidente del Consiglio. Appena si è diffusa la notizia della positività di Emanuele alcuni dipendenti della società, sempre secondo quanto riferisce Repubblica, avrebbero iniziato a lavorare in smart working, mentre quelli rimasti in sede hanno continuato ad operare con le postazioni distanziate, come previsto dalle norme per arginare il contagio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

buonaparte

Lun, 23/03/2020 - 12:31

è un mese che scrivo di mettersi le mascherine anche se state bene .. anche quelle fate da voi con un panno e 4 laccetti. ogni giorno li lavate e disinfettate ..e state anche ad un metro.. un metro è poco scrivevo ora in germania dicono piu di un metro e mezzo.. quando andate al market mascherine e guanti sempre prima di prendere i carrelli.in auto bus mascherine e guanti per toccare i pali di sostegno.. al lavoro con mascherine, nei negozi con mascherine e toccate il meno possibile fuori casa . appena a casa lavarsi le mani e ecc. nei condomini e con parenti stesse precauzioni altrimenti avremo come abbiamo già i contagi condominiali e parentali.MASCHERINA SEMPRE ANCHE FATTA IN CASA COME QUELLE CHIRURGICHE .

Popi46

Lun, 23/03/2020 - 14:01

Mi spiace per la vittima, ma se il suo sacrificio porterà alla chiusura dei centri per schiavi, sarà un bene per ogni umano