Coronavirus, la gaffe di Virginia Raggi: "Vicina a chi ha perso lavoro in nero"

La sindaca, Virginia Raggi, commenta il primo giorno con le nuove regole per contrastare la diffusione del virus cinese. E si schiera dalla parte dei furbetti

Roma città guidata dai furbetti? Non è quello che i cittadini meritano. Mentre il nord produttivo fa i conti con l’epidemia da coronavirus, la capitale, o meglio, chi la rappresenta, si schiera dalla parte dell’illegalità. In questo caso, di chi lavora in nero. La sindaca di Roma, Virginia Raggi, commenta il primo giorno con le nuove regole per contrastare la diffusione del virus cinese: "Sono vicina a tutte le persone che in questo momento stanno soffrendo e sono disorientate, sono vicina anche a chi - sembra brutto dirlo - stava facendo un lavoro in nero e ora lo ha perso. Le prime immagini di oggi stanno mostrando una città che sta reagendo in maniera molto seria. Abbiamo fatto i controlli fra i locali ed erano tutti chiusi alle 18".

Clamorosa gaffe quella di Virginia, in collegamento con il talk politico "DiMartedì", condotto da Giovanni Floris su La7. Immediato il commento su Twitter di Rita Dalla Chiesa: "Vabbè…" e faccina terrorizzata. Altri utenti hanno ammesso che Raggi è stata onesta e non ipocrita perché il lavoro in nero è una realtà. "Ma - dicono - non puoi avallarlo e istituzionalizzarlo in una dichiarazione fatta in tv in piena emergenza nazionale". Altri ancora: "Stavo svenendo", "Credevo di aver capito male", "Non posso crederci!", "Incredibile ed è pure avvocato...", "Assurdo, l’illegalità va di moda", "Come si può andar bene con tanta mediocrità?".

Ospite a "Dimartedì" nella puntata a porte chiuse di ieri sera, Raggi ha detto la sua sulla prima giornata con il decreto Italia Sicura in atto. Decreto che blinda tutto il Paese. Commentando quanto accade tra le vie della città eterna, complice probabilmente anche la stanchezza di un momento in cui tutte le istituzioni stanno lavorando in maniera serrata, la sindaca ha espresso la sua vicinanza nei confronti di tutti quelli che hanno perso il lavoro in nero che stavano sbrigando.

L’affermazione della sindaca di Roma, nemmeno a dirlo, le è valsa subito un posto nei trend topic di Twitter. Sono molte le persone, come abbiamo scritto, che si sono dette sconcertate dall’affermazione della prima cittadina di Roma che, in quanto istituzione dello Stato, dovrebbe far rispettare la legge. Suona alquanto buffo, quindi, che la politica abbia espresso vicinanza proprio a persone che - anche se "sembra brutto dirlo", come afferma lei - infrangono la legge costantemente lavorando senza fattura.

Probabilmente la Raggi intendeva dire che la sua vicinanza va a tutti, anche a coloro che sono costretti a fare questa scelta di vita. È d’altra parte il segno dei tempi. Una classe dirigente, a volte inadeguata, che guida un Paese oggi in emergenza. Uomini e donne che non perdono occasione per affossare un’Italia già in difficoltà.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ekat

Mer, 11/03/2020 - 10:34

Totalmente inadeguata al ruolo, lei come tutti gli esponenti del Movimento 5 stelle. Una classe dirigente non si improvvisa e la tanto sbandierata ‘onestà’ è un prerequisito ma, ammesso e non concesso ci sia, non basta per governare una città e un Paese come il nostro.

cgf

Mer, 11/03/2020 - 10:38

cosa non si fa per raccattare consensi, ma se conosce personalmente qualcuno che lavora in nero o che abbia perso, è suo DOVERE denunciare!

ciccio_ne

Mer, 11/03/2020 - 10:47

la sindaca ha aperto la ztl per facilitare i movimenti, nonostante #iostoacasa. Poco male, un provvedimento che può risultare utile. Ciò che non si capisce è l'interdizione della ztl nelle sere dei weekend? Cioè? Tutti a fare movida? Sempre più perplesso sulle capacità intellettive di chi si mette al comando della cosa pubblica: refugium peccatorum!

omaha

Mer, 11/03/2020 - 10:53

Ho paura di personaggi del M5S La Raggi ha superato se stessa affermando che è dispiaciuta per chi ha perso il lavoro in NERO Questo lavoro in NERO è la causa principale del debito italiano Una vergogna sentire certe frasi Un paese senza paracadute Prenderemo solo schiaffoni dagli altri paese e sinceramente, vedendo come certa politica gestisce il problema dell'evasione fiscale, posso solo dargli ragione VERGOGNATI RAGGI

Franco Ruggieri

Mer, 11/03/2020 - 10:58

Eh, beh.... Se perdono il lavoro loro (cioè quelli che lavorano in NERO) l'erario perde le sontuose tasse che vengono pagare a fronte del lavoro nero. O no?

Giorgio5819

Mer, 11/03/2020 - 11:13

Sinistra sempre morbida con qualunque illegalità....nulla di nuovo, ennesima conferma di una conclamata disonestà intellettuale.

dallebandenere

Mer, 11/03/2020 - 11:19

A chi "ha perso un lavoro in nero" rimane sempre il Reddito di Nullafacenza che i grillioti,rubando il sangue a chi lavora e paga le tasse,hanno asperso a piene mani.Una sola domanda:tra un lavoratore in nero e percettore di Reddito, e un "evasore fiscale" in giacca e cravatta che i grillioti(a parole) vedono come il demonio,che differenza c'è?

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Mer, 11/03/2020 - 11:25

Probabilmente sta cercando di consolare il suo gruppo di elettori.

uberalles

Mer, 11/03/2020 - 11:35

Luminoso esempio negativo di ciò che dovrebbe essere un sindaco, meditate, gente, meditate....

ninito

Mer, 11/03/2020 - 11:48

Ecco una mostra palese di chi sono i 5 stelle.

Ritratto di Mariaeus

Mariaeus

Mer, 11/03/2020 - 11:50

Manca la solidarietà ai ladri d'appartamento ormai non più vuoti.

ulio1974

Mer, 11/03/2020 - 11:56

...e lo ha detto intenzionalmente, non le è nemmeno scappato. sicuramente è in cerca di voti e consenso.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 11/03/2020 - 12:08

Lavoro nero, lavoro vero.

Calmapiatta

Mer, 11/03/2020 - 12:26

Mi piaceva l'idea di un sindaco "diverso"...Ora, constato tristemente che è stata una esperienza fallimentare. Roma è ingovernabile e ingovernata. La confusione regna sovrana, mentre i servizi rimangono da 3° mondo. Il sindaco, o la sindaca, il senso non cambia, è incapace di gestire la quotidianità, figuriamoci le emergenze.

ludovik

Mer, 11/03/2020 - 12:30

veramente inadeguata