Nel Lazio sanità in ginocchio. Ma gli ospedali vengono lasciati marcire

La sanità del Lazio fatica a fronteggiare la seconda ondata. Perché la Regione non usa le ex strutture ospedaliere?

Mentre gli ospedali del Lazio sono presi d’assalto e le ambulanze sostano ore fuori dai pronto soccorso prima di poter sbarellare i pazienti Covid, ci sono ex strutture ospedaliere che stanno letteralmente marcendo. Una di queste è l’ex ospedale Carlo Forlanini.

Una cittadella ormai disabitata, circondata da terrazze e giardini, che si estende per 170mila metri quadrati. Si presenta così, tra corridoi desolati e tracce di bivacchi, l’ex sanatorio di Roma. Inaugurato nel 1934 per isolare e curare i malati di tubercolosi, nel 2015 è stato chiuso definitivamente per far quadrare il bilancio regionale. Da allora, questo patrimonio di circa 4mila posti letto, che vantava attrezzature ed impianti all’avanguardia, è rimasto alla mercé dei vandali e dello scorrere inesorabile del tempo.

Ben prima che lo tsunami sanitario travolgesse le nostre vite, Massimo Martelli, ex primario di chirurgia toracica al Forlanini, ha iniziato a battersi affinché venisse riaperto. Oggi più che mai. Tanto che la scorsa primavera ha lanciato una petizione su Change.org, raccogliendo 120mila sottoscrizioni. Un’idea strampalata per l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato, secondo cui "riattivare una struttura del genere richiederebbe mesi, forse anni". È veramente così? Il professor Martelli continua a sostenere il contrario.

"A suo tempo il Forlanini accoglieva 4mila pazienti con la tubercolosi, quindi una malattia altamente infettiva, oggi – sostiene il medico – basterebbero piccoli accorgimenti per riattivare a stretto giro almeno duecento posti letto da dedicare ai pazienti Covid, perché l’impiantistica c’è ancora tutta". "Se questa pandemia fosse arrivata prima, vi garantisco – continua Martelli – che questo ospedale avrebbe potuto dare una grande mano a risolvere i problemi della sanità della Regione Lazio".

È d’accordo anche Stefano Barone, segretario provinciale del Nursind, "vedere una struttura di queste dimensioni, completamente abbandonata, è un vero schiaffo ad operatori sanitari e pazienti che ogni giorno fanno i conti con la carenza dei posti letto e il sovraffollamento dei pronto soccorso". Ma quanto potrebbe costare la riattivazione di tutto il Forlanini? Martelli non ha dubbi: "Al di sotto dei 300 milioni".

Gli stessi soldi che la Pisana vorrebbe investire per ospitare all’interno dell’ex nosocomio l’Agenzia Europea per la Ricerca biomedica. Una richiesta avanzata all’Europa che potrebbe concretizzarsi grazie alle risorse del Recovery fund. "Portare a Roma l’Agenzia Europea darebbe senz’altro lustro alla città, ma in un momento difficile come quello attuale le priorità dovrebbero essere altre", annota la consigliera ragionale della Lega Laura Corrotti. Una di quelle che per la riqualificazione in chiave socio sanitaria dell’ex Forlanini battaglia già da diversi mesi. "Gli uffici dell’Agenzia – continua – potrebbero essere destinati a qualsiasi altra sede tra quelle facenti parte del patrimonio immobiliare regionale attualmente inutilizzate".

È a firma sua la mozione che chiedeva la riattivazione del polo ospedaliero, bocciata in blocco dal Pd e da una parte del M5s a inizio novembre. Fatto strano se si considera che la sindaca grillina Virginia Raggi ha fatto un sopralluogo al Forlanini una decina di giorni fa proprio per sollecitarne la riapertura. Un cortocircuito interno al Movimento, che sulla questione ha sempre avuto una posizione ondivaga. Anche nel 2016, infatti, una mozione analoga a quella regionale, presentata in Campidoglio da Alfio Marchini, registrò l’astensione dei pentastellati.

Ma il Forlanini non è l’unico ospedale ad essere stato consegnato all’abbandono. Spostandoci al centro di Roma, ci si imbatte nel portone chiuso del San Giacomo, dismesso nel 2008. Anche in questo caso c’è qualcuno che non si è mai rassegnato e lotta per rimetterlo in funzione. Stiamo parlando di Oliva Salviati, discendente del cardinale Antonio Maria Salviati, che donò l’immobile alla città di Roma nel 1620, a patto che venisse destinato alla cura dei malati. Una promessa tradita.

E pensare che nel 2007 la Regione Lazio, attuale proprietaria, aveva pure speso alcune decine di milioni di euro per ristrutturarlo. Salvo poi, dopo pochi mesi dall’intervento, dismetterlo. Oliva non se ne fa una ragione, se la prende con i tagli alla sanità e la speculazione edilizia. "Questo ospedale - denuncia l’erede del cardinale – è stato massacrato dalla Regione Lazio, perché così è più difficile riportarlo alla sua vocazione originaria, quella ospedaliera, e più facile specularci".

Tra i progetti che riguardano l’ospedale, che ora fa parte del fondo immobiliare i3-Regione Lazio, gestito dalla società Invimit, c’è quello di trasformarlo in parte in una "senior house". Altre aree potrebbero essere adibite anche a "spazi commerciali, sanitari, un ristorante e parcheggi". Ma la pronipote del cardinal Salviati si oppone ricordando il vincolo di destinazione d’uso.

"Al nord gli Alpini hanno rimesso in sesto in qualche settimana ospedali chiusi da vent’anni, quindi da molto più tempo rispetto al San Giacomo, recuperare questo ospedale non solo è possibile, ma è anche un dovere considerata la situazione che stiamo vivendo", ragiona Salviati. "Tenerlo così è uno spreco, uno scempio, ma la volontà politica di recuperarlo - conclude con amarezza - mi pare che non ci sia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Santorredisantarosa

Lun, 30/11/2020 - 13:47

HO SEMPRE PIU' RAGIONE QUESTO DOVEVA FARE IL TARACCHI NON CERTO IL PRESIDENTE

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 30/11/2020 - 13:47

Nel Lazio? e nel resto del meridione? PERO' L'UNICA SANITA' MASSACRATA DAL GOVERNO E DA CERTI MEDIA E' QUELLA DELLA LOMBARDIA, SANITA' PRESSO LA QUALE SI RIVOLGONO DECINE DI MIGLIAIA DI MERIDIONALI IN FUGA DALLA PROPRIA!!!

Ritratto di Lupry

Lupry

Lun, 30/11/2020 - 13:48

Colpa di Fontana...la Lombardia....Salvini...

Sempreverde

Lun, 30/11/2020 - 13:51

Non era tutta zona gialla il Lazio?

necken

Lun, 30/11/2020 - 13:51

lotta politica senza quartiere ...sperando di beneficiarne noi cittadini e meno la carriera dei ns leader politici

rigampi1951

Lun, 30/11/2020 - 13:51

Ma il vostro amico Zinga cosa dice? Ah dimenticavo è un semplice raffreddore Lo avete votato, tenetevelo e non lamentatevi

amedeov

Lun, 30/11/2020 - 13:57

Quando Storace era presidente della regione lazio,nonostante i debiti, gli ospedali erano aperti e funzionavano. Ora invece,grazie a zinga nazionale, non funziona niente

frabelli1

Lun, 30/11/2020 - 14:00

Leggere di queste notizi e poi sentire PD lombardi che criticano la sanità lombarda fa solo rabbrividire e ci si chiede quanta malafede ci sia in questa gente.

maurizio-macold

Lun, 30/11/2020 - 14:05

C'e' un limite a tutto, tranne che alle falsita' che questo quotidiano da un po' di tempo diffonde a 360 gradi. Nella regione Lazio non c'e' alcun allarme sanita', ma come in tutte le regioni d'Italia a causa dei risparmi criminali sulla sanita' fatti dai precedenti governi molte unita' ospedaliere ubicate nei piccoli centri sono state chiuse. Potrebbero essere riaperte, ma nel breve periodo mancherebbero medici ed infermieri e non sono pertanto al momento utilizzabili . Ma ripeto, nella regione Lazio NON C'E' ALCUNA MERGENZA COVID come questi giornale con mala fede vuol fare intendere per distoglire l'attenzione dalle gravi situazioni sanitarie in Piemonte e Lombardia. .

Invictus

Lun, 30/11/2020 - 14:06

Tranquilli. Per l'algoritmo è tutto ok.

mcm3

Lun, 30/11/2020 - 14:08

Nel Lazio cercano tutti di emulare le gesta di Fontana,

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 30/11/2020 - 14:09

perchè le priorità sono quelli che scappano da finte guerre per pagarci la pensione. e non venite in lombardia a curarvi perchè siamo razzisti.

Ritratto di Smax

Smax

Lun, 30/11/2020 - 14:10

Che sventura. Non possono fare inchieste e indagare Fontana. Destino infame....

peter46

Lun, 30/11/2020 - 14:14

moshe...lupry soprattutto et similia.Ma ospedali chiusi per favorire la sanità privatà non esistono a Nord...Le file di autombulanze piene di covizzati davanti agli ospedali erano solo a sud,vero?E se c'erano posti letto negli ospedali 'federalizzati' a che serviva il 'prefabbricato' in fiera o gli 'accampamenti' creati dagli alpini?Certo che ci sono strutture chiuse(e le esistenti PUBBLICHE mal utilizzate)a centro sud ma non è che a nord c'è da scialarsi,come il covid ha dimostrato..."è il vs federalismo,bellezza".

leopard73

Lun, 30/11/2020 - 14:14

Tutto merito di Zingaretti immaginate come comanda questo personaggio!!!

Lugar

Lun, 30/11/2020 - 14:14

La sinistra non è per cattiveria che agisce in questo modo, lo fa solo perchè non ha nel suo dna l'organizzazione e l'intraprendenza. Infatti di fronte ai problemi, preferisce sempre l'accordo, cioè non affronta mai l'ostacolo ma lo aggira.

ziobeppe1951

Lun, 30/11/2020 - 14:17

mcm3... fai lo spiritoso..io credo piuttosto che al sud fanno a gara per emulare le gesta del kompagno Zinga

SemprePiùBasito

Lun, 30/11/2020 - 14:18

E poi parlano di zone gialle arancione e rosse. In questo Paese se sei del PD e ti chiami Zingaretti pui avere la sanità più sfasciata d'Italia ma non avrai ma la clasifica di zona rossa. Il perchè? Altrimenti come potrebbe una simile gestione nascondere la sua disfatta.

Aegnor

Lun, 30/11/2020 - 14:22

Perché buttare soldi per la sanità laziale, quando ci sono decine di migliaia di finti naufraghi da mantenere?

Absolutely

Lun, 30/11/2020 - 14:23

Ma non scherzate, nel Lazio non ci sono problemi governano i comunisti. I problemi sono tutti in Lombardia. Quegli intellegentoni di Zingaretti e Bersani hanno detto qualche tempo fa, li ho sentiti anche io, che se ci fosse stata la Lega al governo ci sarebbero stati 50.000 morti. Peccato che i 50.000 morti ci sono stati con loro al governo. E questa è una certezza. Al posto loro mi vergognerei a farmi vedere in giro, invece ancora pontificano questi diversamente intelligenti.

Klotz1960

Lun, 30/11/2020 - 14:27

Ma sta Olivia Salviati pensa di avere qualche titolo particolare per via dell'antenato cardinale? Ma che risate!

Absolutely

Lun, 30/11/2020 - 14:27

Il prossimo che da fuori regione verrà a curarsi in Lombardia lo prenderò a male parole. State nelle vostre regioni governate benissimo dai comunisti e non venite a rompere. Noi abbiamo grossi problemi come ha scritto qualcuno qui sopra.

EliSerena

Lun, 30/11/2020 - 14:27

Io per completare la disinformazione aggiungerei anche le altre regioni governate dal cento sinistra.

grigonero

Lun, 30/11/2020 - 14:30

Anche con i 42 milioni spariti delle mascherine... Ma nel Lazio tutto tace... Xke è lì la mano che muove tutte le anime di 60 mln di coglioni....complice il cdx che vota a favore, poi si lamentano che nn sono considerati... In un piccolo paese della Toscana 4 consiglieri di opposizione (con gli attributi) mandarono a mare una giunta di catto-comunisti che governavano dal fine della guerra... Sarebbe da metterli in parlamento.... SALVINI e meloni leggano grazie

Albius50

Lun, 30/11/2020 - 14:39

La POLITICA SPORCA ha garantito la REGIONE GIALLA quando basterebbe fare un confronto in % ABITANTI e si scoprirebbe che il LAZIO DOVEVA ESSERE ROSSO come la LOMBARDIA.

FRANGIUS

Lun, 30/11/2020 - 14:40

BEH CERTO....CON UN PRESIDENTE DI REGIONE CHE FA TUTT'ALTRO CHE DEDICARSI ALLA REGIONE DALLA QUALE E' STRAPAGATO,NON C'E' DA STUPIRSI....A PARTE CHE NON SA AMMNISTRARE ANCHE IL PD....

Ritratto di navigatore

navigatore

Lun, 30/11/2020 - 14:40

PRETENDERE, ESIGERE, CHE I COMUNISTI DEBBANO FARE COSE UTILI PER IL POPOLO E' COSA ASSURDA, ZINGARETTI, EMEIRTO SQUALLIDO COMUNISTA, HA PIU' INTERESSI PER IL PARTITO CHE PER IL POPOLO BUE

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Lun, 30/11/2020 - 14:48

ALLORA ESISTE ANCHE UN CASO LAZIO OPPURE DARANNO LA COLPA ALLA REGIONE LOMBARDIA,DALTRONDE CON QUEL PRESIDENTE DI REGIONE CHE SI RITROVANO

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 30/11/2020 - 14:55

peter46, ti dico solo una cosa, SE SEI CONVINTO DI QUELLO CHE SCRIVI VAI A FARTI CURARE AL SUD, NE RIPARLEREMO ! e se ti venisse voglia di farti curare al nord, scrivilo su questo giornale, verrò a trovarti

Calmapiatta

Lun, 30/11/2020 - 14:59

La sanità italiana è la greppia dove tutti mangiano. Un pò come la favoletta dell'accoglienza. Sono ambiti fortemente ideologizzati, allo scopo di impedire il dibattito (chi mette in discussione è fascista, sovranista ecc), dove la politica (tutta di tutti i colori) mangia a quattro palmenti fornendo un servizio al cittadino meno che mediocre.

maurizio-macold

Lun, 30/11/2020 - 15:27

@ Albius50 (14:39), la Lombardia conta 10 milioni di abitanti ed il Lazio quasi 6 milioni, quindi poco piu' della meta'. Pero' il numero di contagi e decessi in Lombardia sono il QUADRUPLO di quelli del Lazio. Tutto questo per la precisione. Per il resto la situazione laziale degli ospedali e' tutt'altro che emergenziale, quella lombarda non la conosco e quindi non mi pronuncio.

Ritratto di ierofante

ierofante

Lun, 30/11/2020 - 15:31

Albius50 - Visto che Lei versa in uno stato di assoluta disinformazione Le elenco alcuni dati relativi alla Regione Lazio: 1) Il numero massimo di positivi giornalieri si è attestato sui 2900 casi su 30.000 tamponi effettuati 2) Il rapporto tamponi/positivi salvo rari casi è stato sempre largamente inferiore al 10% 3) Il famigerato RT ha raggiunto un picco massimo di 1,42 4) Il tasso di occupazione delle TI da parte di malati Covid nel suo momento peggiore si è attestato al 32%. Questi i numeri del Lazio. Ora vada a leggersi quelli della Lombardia, dopo di che, se Lei appartiene alla categoria delle persone civili, abbia il buon senso di chiedere scusa per le falsità che ha scritto.

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 30/11/2020 - 16:56

Ma nel Lazio, il governatore non è un certo ZINGAROETTI?

Ritratto di Rosita2

Rosita2

Lun, 30/11/2020 - 17:20

I risparmi sconsiderati sulla sanità hanno prodotto questa situazione ma il tragico è che neppure i cosiddetti esperti sono d"accordo se le strutture abbandonate siano riutilizzabili in tempi brevi.....

aldoroma

Lun, 30/11/2020 - 17:28

Zinga ancora aspettiamo il vaccino per l'influenza....domani siamo a dicembre... Lo faremo per Pasqua??????

rigampi1951

Lun, 30/11/2020 - 17:33

Mi dispiace per i malati del Lazio, ma ogni regione ha quello che si merita, Questa volta i pidioti non possono dare la colpa a Fontana.

Albius50

Lun, 30/11/2020 - 17:43

Ma dove leggete le notizie oggi 30-11-2020 LAZIO 90201 POSITIVI, LOMBARDIA 125408 POSITIVI.

elpaso21

Lun, 30/11/2020 - 18:18

In Sicilia le cose vanno meglio.

BEPPONE50

Lun, 30/11/2020 - 19:51

La SANITA' LOMBARDA LA PEGGIOIRE