La banda dei "ladri acrobati" che terrorizza la Capitale

Dai quartieri di Montesacro e Monteverde, fino ad arrivare a Conca d’Oro, i ladri stranieri stanno seminando il panico tra i cittadini romani

La banda dei "ladri acrobati" che terrorizza Roma

La tecnica è sempre la stessa: i ladri acrobati si arrampicano sui muri, sui canali di scolo e sui balconi per mettere a segno i loro colpi all’interno delle abitazioni della periferia di Roma. Dai quartieri di Montesacro e Monteverde, fino ad arrivare a Conca d’Oro, la ormai nota banda criminale di georgiani sta seminando il panico tra i cittadini romani. Quasi sempre gli stranieri, la maggior parte senza permesso di soggiorno, riescono a farla franca dopo aver derubato a casa delle loro vittime, ma l’altra notte la polizia è riuscita ad acciuffare quello che sembra essere il capo dell’organizzazione malavitosa.

Gli agenti del commissariato di San Basilio, avvertiti da un cittadino che si è accorto della presenza dei ladri, hanno arrestato il 30enne Otar G, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti penali. I poliziotti lo hanno sorpreso mentre si arrampicava sui tubi di un’impalcatura di un edificio in ristrutturazione in via Val d’Ala. Il complice, invece, è riuscito a scappare e far perdere le sue tracce. L’episodio, come riporta il quotidiano Il Messaggero, è accaduto in piena notte. A dare l’allarme è stato un condomino del primo piano, il quale era ancora in piedi a quell’ora per lavoro.

L’uomo ha sentito degli strani rumori e si è affacciato alla finestra da dove ha scorto due persone con passamontagna e alcuni attrezzi da scasso mentre si arrampicavano sui tubi di ferro di un ponteggio. Le luci dell’impalcatura hanno mostrato un’immagine nitida al testimone che non ha avuto dubbi sulle intenzioni dei malviventi. A quel punto ha immediatamente telefonato alla polizia, il cui intervento è stato celere. Gli agenti hanno colto Otar G. sul fatto e sono riusciti a bloccarlo abbastanza velocemente. L’altro rapinatore, però, approfittando del trambusto, è scappato via senza che i poliziotti potessero raggiungerlo.

Le ricerche sono ancora in corso per individuare il complice e assicurarlo alla giustizia. Il 30enne arrestato, in ogni caso, risulta essere irregolare in Italia. A suo carico c’è anche un decreto di espulsione. Nonostante ciò, non era la prima volta che rapinava un appartamento, avendo compiuto diversi furti tra ottobre 2020 e febbraio di quest’anno, alcuni dei quali anche registrati dalle forze dell’ordine. I residenti della periferia della Capitale si lamentano per le continue scorribande del gruppo dei georgiani, i quali hanno preso di mira un’intera zona e chiedono alle istituzioni maggiori controlli sul territorio.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti