Roma

I liceali del Virgilio in visita alla Massoneria: scoppiano le polemiche

L'incontro organizzato da un professore del liceo, che la ritiene una lezione di storia. Gli studenti possono aderire volontariamente

I liceali del Virgilio in visita alla Massoneria: scoppiano le polemiche

Mercoledì 15 maggio, gli studenti del liceo Virgilio, a Roma, potrenno partecipare a un conferenza per "Conoscere e studiare la massoneria", che si terrà proprio a Casa Nathan, sede delle Logge romane del Grande Oriente d'Italia.

L'iniziativa, organizzata da un professore, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, ha sollevato un polverone di dubbi e proteste, tra insegnanti e genitori che si mostrano restii di fronte all'iniziativa. La mattinata prevede una "visita con conferenza e dibattito, a cura del professor Carlo Ricotti, Presidente del Collegio circoscrizionale dei venerabili Maestri del Lazio, presso Casa Nathan, sede delle Logge romane del Grande Oriente d’Italia con l’apertura straordinaria del Tempio massonico e l’intervento del Gran Maestro Stefano Bisi". Un'iniziativa considerata "potenzialmente interessante", ma intrisa dalla paura che gli studenti non vengano informati adeguatamente su "quali deviazioni ha fatto in Italia".

Il professor Ricotti ha assicurato che l'incontro verterà sul "contributo dato dalla Massoneria alla società italiana dal Settecento in poi", senza "nessuna volontà di reclutamento", ma con l'unico intento di far conoscere valori, iniziative benefiche e la storia di una Massoneria che "non esclude nessuno", anche è composta da soli uomini, perché "noi ci rifacciamo ai costruttori di cattedrali". E alle proteste circa il dubbio valore edicativo dell'esperienza proposta dal professore del liceo Virgilio, il docente lamenta strumentalizzazioni e risponde: "La Massoneria non è un partito, una chiesa, un club e soprattutto un’associazione a delinquere. Ma di uomini liberi che in conformità all’articolo 18 della Costituzione hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini non vietati. Occorre conoscerla, magari per tenersi i propri pregiudizi".

Oggi, i rappresentanti dei genitori chiederanno al preside l'annullamento dell'iniziativa, che dovrebbe svolgersi mercoledì dalle 15.00 alle 17.00.

Commenti